Abuso sui minori: cosa succede ai bambini maltrattati?

Maltrattare un bambino è strappare l'innocenza dalla sua anima e fare brandelli del suo futuro, perché nella sua valigia porterà le conseguenze dell'abuso stampate con l'inchiostro di fuoco sul suo cervello. Come diceva Mirko Badiale: “ogni bambino dovrebbe avere un cartello che dica: da trattare con cura, contiene sogni”.
Abuso sui minori: cosa succede ai bambini maltrattati?

Ultimo aggiornamento: 18 dicembre, 2022

I bambini e gli adolescenti sono una popolazione soggetta a disturbo da stress post-traumatico, soprattutto se sono stati esposti a eventi altamente stressanti o traumatici. Attualmente, si stima che tre quarti della popolazione infantile abbia sperimentato eventi che possono causare PTSD, come l’abuso sui minori. Di questi bambini esposti, solo un terzo sviluppa PTSD. Cosa succede ai bambini maltrattati?

È noto che l’abuso sui minori può alterare il processo di sviluppo neurologico e modificare il modo in cui il cervello del bambino matura. Ciò può produrre deficit cognitivi che possono persistere nella vita adulta e sono caratterizzati da problemi di attenzione, memoria, linguaggio o sviluppo intellettuale.

Abusi sui minori

L’abuso sui minori è definito come qualsiasi atto che viola i diritti del bambino. Tra i diversi tipi di abuso, César Carvajal distingue:

  • L’abuso sessuale è qualsiasi tipo di attività sessuale con un minore in cui l’aggressore è in una posizione di potere e il minore è coinvolto in atti che vanno al di là della sua comprensione e volontà.
  • L’abuso fisico è definito come qualsiasi azione intenzionale da parte di un adulto che provoca danni fisici, lesioni o malattie a un bambino.
  • L’abuso emotivo è spesso realizzato attraverso insulti, critiche permanenti, ridicolo, rifiuto, minacce o costante blocco delle iniziative dei bambini.
  • L’abuso dovuto all’abbandono o alla negligenza si riferisce a situazioni in cui i genitori o tutori primari, essendo nel loro dovere di farlo, evitano di fornire la cura e la protezione di cui i bambini hanno bisogno per il loro corretto sviluppo.

“Il maltrattamento infantile ha conseguenze a lungo termine, in termini di aumento della psicopatologia in età adulta: depressione, disturbi d’ansia, gravi disturbi della personalità, abuso di sostanze, disturbi alimentari, somatizzazione e PTSD”.

-Carvajal-

Ragazza triste
Gli abusi sui minori possono influenzare il processo di sviluppo neurologico dei bambini.

Gli effetti dell’abuso sui minori

Passiamo in rassegna alcune pennellate della neuropsicologia del bambino abusato. L’abuso in tenera età può causare conseguenze psicologiche e neurologiche irreversibili. Ciò si verifica perché l’ infanzia è il periodo in cui il cervello si sviluppa di più. Tuttavia, è anche vero che il suo sviluppo continua a verificarsi durante l’adolescenza e anche nell’età adulta.

“In generale, l’abuso sui minori provoca, tra gli altri effetti, un’elevata mortalità e morbilità, poiché si stima che oltre il 10% dei casi di bambini affetti da ritardo mentale o paralisi cerebrale sia dovuto ad abusi”.

-Tavolo-Gresa-

In situazioni di abuso, i meccanismi della risposta allo stress si attivano e, di conseguenza, producono alterazioni cerebrali avverse, tra le quali sono state identificate (Mesa-Gresa, 2011):

  • Perdita accelerata di neuroni.
  • Ritardi nella mielinizzazione. La mielina è una sostanza che ricopre alcuni neuroni e che, tra gli altri fattori, favorisce la conduzione dell’impulso nervoso.
  • Anomalie nello sviluppo della potatura neuronale, cioè nei processi naturali di creazione e distruzione dei neuroni.
  • Inibizione della neurogenesi, cioè inibizione della nascita di nuovi neuroni.

Come risultato di quanto sopra, si verificano alterazioni nelle funzioni cerebrali, principalmente nelle aree del cervello legate alla regolazione delle funzioni esecutive.

“Pertanto, maltrattamenti, abusi e abbandono durante l’infanzia possono essere considerati come agenti che interrompono il normale sviluppo cerebrale e che, a seconda dell’età di insorgenza e della durata dell’abuso, possono produrre anche notevoli cambiamenti in alcune aree cerebrali.

-Tavolo-Gresa-

Ippocampo

L’ippocampo è legato alla memoria a lungo termine e alla memoria dichiarativa, cioè con la memoria degli eventi che ci accadono. Lo stress nella prima infanzia può alterare la struttura dell’ippocampo. L’ipotesi è che alti livelli di stress durante l’infanzia potrebbero ridurne il volume.

La diminuzione del volume dell’ippocampo è stata associata a sintomi di depressione e pensieri dissociativi. Questa riduzione dell’ippocampo compare anche nel disturbo borderline di personalità associato a traumi precoci ed è negativamente correlata con l’insorgenza e la durata del trauma infantile.

“Le manifestazioni funzionali dei cambiamenti ippocampali nei soggetti abusati sono correlate ai sintomi amnesici, dissociativi, ansiosi e disinibitori caratteristici del disturbo da stress post-traumatico”.

-Tavolo-Gresa-

Ragazzo solo seduto sul pavimento
L’abuso può causare conseguenze psicologiche e neurologiche irreversibili nei bambini.

Amigdala e abuso sui minori

L’amigdala ha il compito di elaborare e immagazzinare le reazioni emotive essenziali per la sopravvivenza. Attualmente è noto che lo stress precoce induce alterazioni in questa struttura.

Nello specifico, lo stress aumenta i livelli di dopamina e attenua i livelli di serotonina in questa struttura.

Sebbene vi sia controversia sul fatto che i cambiamenti nell’amigdala si verifichino come conseguenza dell’abuso sui minori, gli studi hanno rilevato, anche se debolmente, un cambiamento nel volume totale dell’amigdala nei bambini con PTSD, rispetto ai bambini non abusati.

“Nei bambini maltrattati e trascurati, l’attivazione cronica dell’amigdala può compromettere lo sviluppo della corteccia prefrontale, che potrebbe portare ad alterazioni dipendenti dall’età nell’acquisizione di comportamenti ed emozioni, compreso il controllo degli impulsi”.

-Tavolo-Gresa-

Il danno è stato rilevato anche in altre strutture, come il verme cerebellare. Le alterazioni in questa struttura sono state correlate ad alcune entità cliniche come la schizofrenia, l’autismo, l’ADHD o il disturbo bipolare.

Come possiamo vedere, gli effetti dell’abuso sui minori sono molteplici e influenzano direttamente e indirettamente l’evoluzione normativa di alcune strutture cerebrali. Pertanto, diventa un problema di primo livello che deve essere prevenuto.

Potrebbe interessarti ...
Denunciare gli abusi a scuola
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Denunciare gli abusi a scuola

Essere a conoscenza del procedimento adeguato per denunciare gli abusi a scuola è fondamentale per non restare in silenzio di fronte ai fatti.



  • Marty, C., & Carvajal, C. (2005). Maltrato infantil como factor de riesgo de trastorno por estrés postraumático en la adultez. Revista chilena de neuro-psiquiatría, 43(3), 180-187.
  • Mesa-Gresa, P., & Moya-Albiol, L. (2011). Neurobiología del maltrato infantil: el ‘ciclo de la violencia’. Revista de neurología, 52(8), 489-503.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.