Come affrontare le critiche manipolatrici

· 24 luglio 2016

Come reagite alle critiche? Alla maggior parte delle persone non piacciono ed è una cosa del tutto normale. Le critiche, a volte, sono distruttive e, in altri casi, manipolatrici.

Distinguere una critica costruttiva da una che vuole manipolarci e farci del male può essere un compito molto difficile. Già di per sé pensare alla parola critica” ci provoca un certo rifiuto interiore.

“In molte occasioni le critiche hanno un intento distruttivo, impositivo ed intimidatorio. I risultati sono evidenti: la persona difficilmente più accogliere come costruttivo ciò che percepisce come un’aggressione”

È per questo che oggi impareremo ad affrontare questo tipo di critiche, soprattutto quelle manipolatrici, alle quali non dobbiamo permettere di influenzarci.

Le critiche e la loro origine

Da cosa nascono? Qual è il loro obiettivo? Se ci fermiamo a pensarci, è difficile trovare una risposta, quasi impossibile. L’origine delle critiche che ci fanno o che noi stessi facciamo può essere:

  • Cerchiamo di cambiare una situazione che ci dà fastidio, ci preoccupa o ci fa sentire a disagio.
  • Cerchiamo di rafforzare la nostra relazione con l’altra persona, perché abbiamo paura che si deteriori.
  • Vogliamo che il nostro interlocutore accetti la critica, cerchiamo di facilitargli questo compito.

“Non lasciate che gli elogi altrui vi diano alla testa, né permettete che una critica vi arrivi al cuore”

Questi sono i 3 motivi che ricorrono più spesso, ma cosa succede? Perché non funzionano come dovrebbero e sfociano in qualcosa di molto negativo per la persona che riceve la critica?

La verità è che quando formuliamo o riceviamo una critica, commettiamo vari errori. Per iniziare, a volte non scegliamo il momento giusto oppure la critica sembra forzata, non naturale, quasi accompagnata con incosciente aggressività.

In alcune occasioni, diamo anche consigli non necessari, i nostri messaggi non hanno la forza necessaria, e sarebbe stato meglio non aver detto nulla, altre volte facciamo confronti. Tutto questo ha un effetto negativo per la persona che riceve la critica, qualcosa che può deteriorare in modo profondo la relazione e causare problemi di autostima e di fiducia a chi riceve la critica.

donna-davanti-specchio-circondata-da-palloni

Il banco di nebbia

Tutti sappiamo cos’è un banco di nebbia, che sembra ingoiare tutto quello che c’è nei dintorni, assorbendolo, facendo scomparire tutto, immutabile. Il banco di nebbia è indistruttibile, scomparirà solo se è lui a volerlo.

Così dobbiamo essere anche noi, dobbiamo essere un banco di nebbia davanti a tutte le critiche manipolatrici che pretendono di farci male, di distruggerci. Le persone che formulano questo tipo di critiche hanno seri problemi di autostima che vogliono nascondere attraverso queste critiche.

Tuttavia, se utilizzate la tecnica del banco di nebbia, non muterete, proprio come la nebbia. Vi lanceranno critiche che non riusciranno a cambiare il vostro stato e alla fine l’altra persona perderà interesse. Questo è l’obiettivo, che l’altra persona desista.

“Le persone criticano le stesse cose che poi fanno di nascosto”

È chiaro che non possiamo contrattaccare alle critiche, perché il risultato sarebbe nefasto. Non possiamo metterci al loro livello, perché questo genererà più critiche, ci renderà deboli! Dovete solo essere un banco di nebbia. Vedrete che, prima o poi, l’altra persona si stancherà. Alla fine le critiche verranno portate via del vento.

uomo-aggrovigliato-in-rami-di-fiori

Se avete vissuto una situazione del genere, dovete essere coscienti che anche se l’altra persona vuole sminuirvi, in realtà è lei ad essere inferiore a voi. Questa poca fiducia in se stessa è ciò che la fa agire in un determinato modo. Sembra contraddittorio, ma è la verità. Le persone che inondate dalla propria negatività, in qualche modo, cercano di “fare del male” agli altri per sentirsi bene con se stesse.

“Non ho ancora incontrato nessuno che critichi se stesso con lo stesso impegno con cui critica gli altri”

-Anonimo-

Non meritate di essere oggetto di critiche manipolatrici e se vi siete appena resi conto di essere voi un critico manipolatore, trovate una soluzione! I vostri problemi di autostima e di fiducia non devono influire sulle vostre relazioni, gli altri non hanno alcuna colpa. Ogni critica manipolatrice avrà effetto solo se voi lasciate che vi influenzi. Per questo siate come un banco di nebbia, e vedrete che le critiche dannose scompariranno dal vostro spazio vitale.