Alcol e cannabis: luoghi comuni sul consumo

"Bere un bicchiere di vino al giorno fa bene alla salute", "non succede niente se fumo una canna".. Quante volte avete sentito affermazioni simili? Eppure le evidenze scientifiche smentiscono il tutto. Scoprite i luoghi comuni più diffusi su alcol e cannabis.
Alcol e cannabis: luoghi comuni sul consumo
Gorka Jiménez Pajares

Scritto e verificato da lo psicologo Gorka Jiménez Pajares.

Ultimo aggiornamento: 22 gennaio, 2023

Tra le conseguenze dell’abuso di alcol e cannabis vi sono gravi complicazioni di salute, oltre a ripercussioni legali o socioeconomiche.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), ogni anno circa 5 milioni di persone nel mondo muoiono a causa del consumo di tabacco, 2,5 milioni per abuso di alcol e quasi 200mila persone per droga. Per questi motivi andiamo a esporre quelli che sono i miti sulle dipendenze e, nello specifico, quelli associati al consumo di alcol e cannabis.

A questo proposito, va detto che il fatto che una sostanza sia naturale e disponibile in natura è lungi dal significare che i suoi effetti sull’organismo siano innocui. Le sostanze naturali possono avere effetti molto dannosi sulla salute perché provocano alterazioni nel funzionamento naturale del cervello.

Uomo preoccupato per i suoi problemi di dipendenza
Secondo Gencat, la mancanza di legami familiari o il fatto che madri e padri abbiano atteggiamenti favorevoli nei confronti del consumo di droga è un fattore di rischio.

Sfatare i miti su alcol e cannabis

Di seguito spieghiamo alcuni luoghi comuni che sentiamo quotidianamente su alcol e cannabis che vengono analizzati sia dalle autorità sanitarie che dal Ministero della Salute nel suo Piano nazionale sulle droghe. Prima però dobbiamo fare alcune premesse:

Fare uso di alcol e cannabis è diverso dall’esserne dipendenti

Ci sono molteplici fattori dietro il rapporto tra uso di droghe e dipendenza. Il rischio di sviluppare dipendenza è influenzato da fattori quali la costituzione biologica, il contesto sociale, l’età o lo stadio di sviluppo in cui si trova la persona. In questo modo, maggiore è il numero di fattori di rischio, maggiore è la probabilità che il fatto di consumare droghe generi una dipendenza.

Allo stesso modo, sicuramente ti suona familiare l’affermazione che “tutti i giovani fanno uso di droghe”. È una credenza diffusa; tuttavia, è totalmente sbagliato, poiché la maggior parte dei giovani evita di consumarli e coloro che li consumano lo fanno in contesti solitamente sociali.

Miti e fatti sull’alcol

L’alcol è una sostanza che deprime il sistema nervoso centrale e inibisce progressivamente le funzioni cerebrali. È comune credere che sia una sostanza stimolante perché all’inizio della sua assunzione provoca euforia e disinibizione; tuttavia, il suo effetto è totalmente opposto, producendo deficit nella capacità di autocontrollo.

Bere alcolici solo nei fine settimana non provoca danni al corpo

Quante volte hai sentito questa affermazione? Probabilmente innumerevoli volte. Tuttavia, i danni causati dall’alcol dipendono da come viene consumato, per cui maggiore è il consumo, maggiore è il danno. Se durante il fine settimana esaurisci le riserve di alcol nel bar che frequenti, è un chiaro segnale di allarme.

Il consumo sporadico di alcol farebbe bene

Questa è una delle affermazioni più clamorose e tra le più errate che siano state diffuse sul consumo di alcol. È ormai noto che qualsiasi consumo implica un rischio e che, di conseguenza, la cosa più salutare da fare è evitare di bere alcolici.

Donna con problemi di alcol
Secondo il World Cancer Research Fund, un solo drink al giorno può essere direttamente correlato allo sviluppo di sette tipi di cancro: cavità orale, colon, fegato, mammella, faringe e laringe, esofago e stomaco.

Miti e fatti sulla cannabis

La cannabis è una droga estratta dalla pianta della cannabis sativa, con la quale vengono prodotte due delle sostanze più consumate in Spagna: l’hashish e la marijuana. Tra le conseguenze del consumo di questa sostanza c’è il potenziale che ha di indurre disturbi gravi come la schizofrenia.

La cannabis è una sostanza naturale, ecologica e rilassante

Il fatto che una sostanza sia “naturale” non significa che sia “innocua”. Pertanto, sia il tabacco che la cocaina sono naturali e non ci sono dubbi sui loro effetti nocivi sulla salute. Il consumo di cannabis può alterare irreversibilmente la chimica del cervello.

Fumare una canna è meno dannoso del fumo di tabacco

Quante volte abbiamo sentito questa affermazione! Tuttavia, la cannabis contiene molti degli agenti cancerogeni e mutageni contenuti nel tabacco e, inoltre, fino al 50% in più.

Influisce anche il modo in cui si consuma la cannabis: normalmente si fuma senza filtro e le inalazioni sono più profonde, aumentando i rischi di contrarre il cancro. Pertanto, l’effetto broncodilatatore della cannabis è evidente e favorisce l’assorbimento di varie sostanze tossiche.

Come il tabacco, è dannoso anche per le persone che stanno intorno a chi fuma marijuana o hashish, diventando “fumatori passivi”.

Secondo il Ministero della Salute, ci sono numerosi studi scientifici che dimostrano che l’uso continuato di cannabis può causare dipendenza, soprattutto se consumata durante l’adolescenza.

Ci sono molti miti che circondano le dipendenze da sostanze quotidiane come l’alcol. Per evitare di cadere in credenze infondate, è utile rivolgersi a siti di autorità specializzate come questo che vi lasciamo.

Potrebbe interessarti ...
Bere per dimenticare: mito o verità?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Bere per dimenticare: mito o verità?

Bere per dimenticare è un'idea pessima e inutile. A parte la dannosità di questa pratica, è molto poco efficace allo scopo. Questa droga psicoattiv...




I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.