Ambiente obesogenico: di cosa si tratta?

La qualità nutrizionale del cibo che popola gli scaffali dei supermercati è discutibile. Quelli più nocivi spesso occupano gli scaffali centrali, mentre quelli che non lo sono, possiamo trovarli in basso.
Ambiente obesogenico: di cosa si tratta?

Ultimo aggiornamento: 08 novembre, 2022

L’ambiente obesogenico è inteso come ciò che genera l’obesità. In altre parole, è quel contesto che favorisce le possibilità che la popolazione aumenti di peso e soffra di malattie croniche. Vale a dire, qualsiasi ambiente in cui una vita sedentaria è favorita rispetto all’attività fisica, l’eccesso di cibo che la regolazione delle sensazioni di fame e sazietà e un’alimentazione fatale rispetto a un’alimentazione sana.

Boyd Swinburn è stata la persona che ha dato un significato al contesto. L’ambiente obesogenico si trova principalmente nei negozi e nei supermercati dove la maggior parte della popolazione acquista. Offerte e sconti sono spesso su prodotti standard, mentre i prodotti premium sono una merce sempre più apprezzata.

Non sorprende che in un dato giorno vediamo un menu di bassa qualità “qualcosa come il cibo” che offre lo stesso prezzo di una singola verdura. Ma non illudiamoci: un ambiente obesogenico ha lo stesso impatto sulla dieta delle persone magre o normopeso. Alcune persone con una dieta sana ed equilibrata hanno un indice di massa corporea (BMI) più alto rispetto ad altre che seguono una dieta malsana o malsana.

I corridoi di questi supermercati, come afferma Julio Basulto nel suo libro Eat Shit, generano deserti alimentari, paludi alimentari o agguati alimentari che culminano nell’ambiente obesogenico e patogeno.

Nutrizionisti e psicologi in allerta: l’ambiente obesogenico e patogeno

Intorno a noi, la proporzione di cibo sano occupa uno spazio ridotto. La dimensione delle porzioni che ci offrono cresce parallelamente al nostro perimetro addominale.

Lo scenario attuale è fatto di pasticcini in eccesso in tutte le loro forme e colori, dolci ultra-zuccherati, caramelle e patatine. E tutto questo è associato a luci, colori e luminosità che oscurano la salute pubblica e fanno sì che i giovani normalizzino gli alimenti che dovrebbero essere residui negli alimenti.

E con questo ambiente obesogenico: che dire della salute mentale?

Con questa offerta ipercalorica che sconvolge il senso di alimentazione, divertimento e piacere, la cosa complicata è mangiare bene. E non solo. Tutta questa sovralimentazione fisica porta anche al sovrappeso emotivo che si manifesta in una serie di disturbi alimentari, come i seguenti:

Lo spuntino

Spizzicare è una pratica abbastanza frequente. Ad esempio, quando alla fine della giornata siamo seduti davanti alla televisione e ci viene in mente uno di quegli snack dal sapore interessante o quando siamo con il nostro partner a guardare un programma di intrattenimento, la pubblicità arriva con annunci prodotti dalle multinazionali inventiamo gli ultimi gusti di imitazione che hanno creato e andiamo per un sacchetto di patatine aromatizzate con formaggio, barbecue o caviale.

Succede anche quando qualcosa ci fa stare male e incompleto e ci rendiamo conto che la nostra vita è triste, priva di emozioni e di “piacere dei sensi”. Proprio lì andiamo a fare uno spuntino e ad assaporare all’istante quello che ci hanno venduto come “buon vivere, buon mangiare”, mentre ci diciamo più e più volte: “per una volta non succede niente”.

Inoltre, i nostri amici ci dicono che stiamo diventando ossessionati dalla salute, per rilassarci. È così che cadiamo nel beccare, nella trappola facile. Dire no a una certa dieta è come dire no alle droghe in un ambiente dove tutti consumano.

L’ansia e l’ambiente obesogenico

La brama è una sensazione di fame opprimente, ma legata solo a cibi specifici che ci piacciono, che termina una volta che la fame si è placata. Non si vive con un senso di colpa, contrariamente a quanto accade, ad esempio, con la crisi bulimica.

La voglia di dolci è la più frequente e colpisce soprattutto le giovani donne. Accompagnata da malessere, vertigini e stanchezza, l’ansia corrisponde ad un calo della glicemia, cioè dell’indice di zucchero nel sangue, solitamente causato da una dieta eccessivamente restrittiva. Ma ci sono anche stati di ansia senza un vero calo della glicemia.

Rispondere alle voglie divorando torte o insaccati a tutta velocità è come prendere una “dose” di zucchero o serotonina, il neurotrasmettitore nel cervello che aumenta dopo aver ingerito massicciamente sostanze zuccherine e che provoca “benessere” a brevissimo termine.

La cioccomania

Il cioccolato ha molti seguaci. Il problema è il cioccolato che ci vendono e non il cacao. Tuttavia, il 90% dei suoi follower è più felice quanto più latte, zucchero o biscotti contiene. Inoltre, il cioccolato può essere associato ai ricordi d’infanzia.

I suoi grassi e zuccheri aumentano il rilascio di serotonina. Inoltre, il cioccolato aumenta i livelli di endorfine, la morfina che il nostro cervello produce naturalmente con determinate attività, come lo sport. Inoltre, il cioccolato contiene l’amandamina, un tipo di endocannabinoide che ha effetti rilassanti sul nostro sistema nervoso.

Sindrome da alimentazione notturna

Alzarsi nel cuore della notte per mangiare una quantità significativa di cibo è il principale segno di questa sindrome. Questo mangiare incontrollato è solitamente motivato dall’ansia.

La sindrome da alimentazione notturna può avere gravi conseguenze sulla salute. Chi ne soffre di solito posticipa il primo pasto della giornata per diverse ore e consuma poche calorie durante la giornata.

donna che mangia di notte

Iperfagia

Questo comportamento alimentare è caratterizzato da un eccesso regolare, sia nella quantità di cibo nel piatto che nel modo in cui viene portato alla bocca (cucchiaiate abbondanti, morsi a ritmo molto breve e masticazione breve). Potrebbe essere un tratto familiare.

A volte l’iperfagia diventa patologica in apparenza, risultando in una nuova terminologia: iperfagia bulimica. In esso, i pasti vanno ben oltre la società. La persona non può smettere di mangiare. Tuttavia, non presenta né la natura paralizzante né la programmazione tipica della crisi bulimica.

Il modo peggiore per combattere l’ambiente obesogenico

Più lo stigma e la responsabilità ricadrà sul comportamento delle persone obese, meno ricadrà su quelle aziende che alterano il nostro circuito premiante con prodotti di bassissima qualità nutrizionale. Molte delle persone famose che pubblicizzano questi prodotti non consumeranno mai ciò che promuovono; Per loro è solo lavoro.

Cosa dobbiamo fare per fermare tutto questo? Ad esempio, possiamo ascoltare scienziati senza interessi commerciali nell‘industria alimentare o multinazionali che devono mentire sui loro prodotti per poter vendere. A seconda di ciò che scegliamo, la popolazione avrà una buona salute o una salute danneggiata, con il passare dell’età. La scelta è nostra!

Potrebbe interessarti ...
Trattamento psicologico dell’obesità
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Trattamento psicologico dell’obesità

L'obesità è un problema di salute multifattoriale. Risulta fondamentale, pertanto, includere anche un trattamento psicologico dell'obesità.



  • Ellenberg, C., Verdi, B., Ferri, C., Marcano, Y., & Vivas de Vega, J. (2006). Síndrome de comedor nocturno: un nuevo trastorno de la conducta alimentaria. In Anales Venezolanos de Nutrición (Vol. 19, No. 1, pp. 32-37). Fundación Bengoa.
  • García, A. M. (2020). Ambiente obesogénico: barreras para mantener un peso saludable (Doctoral dissertation, Universitat d’Alacant-Universidad de Alicante).
  • Villagrán, M., Petermann-Rocha, F., Martínez-Sanguinetti, M. A., & Celis-Morales, C. (2019). La interacción de nuestros genes con el ambiente obesogénico. Revista médica de Chile147(11), 1493-1494.