Aumentare l’intelligenza: 7 trucchi ingegnosi

30 novembre 2017 in Psicologia 0 Condivisi
Aumentare l'intelligenza di una persona

Aumentare l’intelligenza è sempre possibile. Nonostante sia vero che nasciamo con un bagaglio genetico che ci rende inclini a essere più o meno intelligenti, è anche vero che il cervello è un organo dotato di grande plasticità. Questo significa che cambia, che si modifica in funzione delle esperienze.

Non vi è un consenso per quanto riguarda la definizione di intelligenza. Per alcuni, si tratta della capacità di apprendimento. Per altri, è l’abilità nell’applicare le conoscenze. Forse la definizione più universale è quella che la spiega come la capacità di trovare nuove soluzioni a vecchi problemi. D’altra parte, diversi modelli sostengono che l’intelligenza, invece che unica, debba essere intesa come un insieme di intelligenze: intelligenza emotiva, intelligenza sociale, intelligenza logica, ecc..

“Preferisco un inferno intelligente a un paradiso stupido”.

-Blaise Pascal-

L’intelligenza, pertanto, non è applicabile solo all’attività professionale. In un modo o nell’altro, essere più intelligenti ci aiuta anche a essere più felici, perché ci rende maggiormente capaci di uscire da situazioni difficili. Vale dunque la pena di lavorare per aumentare l’intelligenza e a tale scopo a seguire vi 7 trucchi ingegnosi.

Donna che medita

Trucchi per aumentare l’intelligenza

1. La meditazione 

La meditazione aiuta ad aumentare l’intelligenza nel senso che ci rende più svegli, migliori osservatori per quanto concerne ciò che accade fuori e dentro di noi. Non si tratta di una semplice considerazione, ma di una conclusione supportata da numerosi studi. In diversi esperimenti, monitorati mediante le risonanze magnetiche, è stato evidenziato che il cervello funziona meglio dopo una sessione di meditazione.

Non esiste nemico peggiore dello stress per il funzionamento cerebrale. In presenza di questo stato, si secerne il cortisolo, un ormone che compromette la concentrazione e la memoria. La meditazione riduce lo stress. Non dovete diventare dei monaci tibetani, è sufficiente sfruttare qualsiasi momento di attesa, come quando vi trovate in fila o state aspettando che arrivi l’autobus, per fare degli esercizi di respirazione e rilassamento.

2. Vivere esperienze nuove 

Tutte le cose nuove rappresentano uno stimolo che aiuta ad aumentare l’intelligenza. La novità crea nuove connessioni nel cervello. Questo succede perché si deve mettere in atto un processo del pensiero per assorbire nuove informazioni, comprenderle e incorporarle a ciò che sappiamo già.

Un viaggio, una visita in un posto che non conosciamo, la lettura di un nuovo libro o qualsiasi altra esperienza che non sia frequente è una grande fonte di alimentazione per la nostra intelligenza. Restare nella nostra zona di comfort rende la nostra mente sempre più pigra.

3. Fare attività fisica e mentale con regolarità 

L’attività fisica ossigena il cervello e ne migliora il funzionamento. È anche un modo per ridurre lo stress e ripristinare l’igiene mentale. La mente e il corpo sono sempre connessi fra loro. Un corpo sano è la condizione essenziale per avere una mente sana, nelle condizioni di migliorare le proprie abilità.

È anche importante fare attività mentale con regolarità. Cercate di stimolare la vostra memoria provando a ricordare i numeri di telefono o dei dati specifici. È positivo anche provare a fare le operazioni matematiche semplici a mano. Giocare a scacchi, fare cruciverba e attività simili, ideali per aumentare l’intelligenza.

Ragazza di spalle in campagna

4. Imparare una nuova lingua o suonare uno strumento 

Imparare una nuova lingua è sempre una grande sfida. Non è facile, soprattutto quando si tratta di una lingua molto diversa dalla nostra lingua madre. Ma è proprio questa difficoltà a renderla un modo eccellente per aumentare l’intelligenza.

Quando si impara una nuova lingua, si esercitano molte funzioni intellettive, tutte allo stesso tempo. La stessa cosa accade quando si impara a suonare uno strumento musicale. In entrambi i casi, si mettono in gioco funzioni come l’attenzione, la memoria, la coordinazione, le analogie, ecc.

5. Cercare la strada più difficile 

Quando scegliamo la strada più facile, forse risparmiamo del tempo, ma contribuiamo anche ad atrofizzare alcune capacità cerebrali. In generale, vogliamo che tutto si sviluppi “passo dopo passo”, che non sia necessario pensare, bensì che siano gli altri a pensare al posto nostro.

Forse può essere giusto in alcune circostanze, ma ogni tanto è anche positivo scegliere la strada più difficile. Non cercare le istruzioni, ma dedurre il percorso da compiere per arrivare a un risultato. Questo ci renderà più creativi e intelligenti. Oltre ad aumentare la sicurezza in noi stessi.

6. Rapportarsi a qualsiasi tipo di persona 

Proprio come è importante fare nuove esperienze, lo è entrare in contatto con diverse persone. Ogni relazione ci impone la sfida di vedere, captare e comprendere il punto di vista altrui e questo consente di aumentare l’intelligenza.

È positivo avere amici di diversa età, provenienza, idee, ecc. Se ci relazioniamo solo alle persone che ci somigliano, limitiamo in modo significativo il nostro campo di esperienza. E poniamo anche dei limiti alla nostra attività cerebrale.

Scambio di conoscenze tra due persone

7. Riposare a sufficienza e in modo adeguato 

Non resta che ribadire un punto che è sempre più evidente: il riposo è importante tanto quanto il lavoro, o addirittura di più. Gli sportivi a livello agonistico lo sanno bene, dato che lavorano raggiungendo livelli di stanchezza molto alti. Il cervello, a sua volta, ha bisogno di alcune per funzionare in maniera adeguata. In manca di riposo, il cervello sarà intorpidito, funzionerà in modo più lento e con un’abilità molto ridotta.

Nel riposo sono inclusi tre aspetti: le pause attive durante il lavoro, il tempo dedicato al sonno e il tempo dedicato al divertimento. Tutte queste dimensioni hanno una grande importanza. Le pause attive sono un mezzo di protezione quotidiana per evitare l’intorpidimento cerebrale. Il sonno è fondamentale affinché il cervello possa processare l’informazione che ha assorbito. E il tempo dedicato al divertimento è assolutamente necessario per mantenere un buon funzionamento cerebrale a lungo termine.

In sostanza, bisogna seguire uno stile di vita che ci permetta di essere più svegli e attenti nei confronti della realtà che ci circonda. Deve anche includere degli strumenti quotidiani per prenderci cura del cervello. Questo, senza dubbio, si vedrà riflesso nel nostro benessere e nella nostra intelligenza.

Guarda anche