Automazione: pausa e bellezza per combatterla

Un cattivo uso degli automatismi del pensiero, dei sentimenti e dei gesti ci impedisce di vivere una vita autentica. Sapersi fermare e apprezzare la bellezza sono due strade che possiamo percorrere per combattere questo meccanicismo insensato.
Automazione: pausa e bellezza per combatterla

Ultimo aggiornamento: 20 dicembre, 2020

Si è spesso paragonato il modo in cui i computer e il cervello elaborano le informazioni. I due sistemi dispongono di più tipi di memoria per immagazzinare le informazioni e di aree specifiche per il loro impiego. La stessa era digitale – era della tecnologia – ci ha portato ad adottare alcuni termini del mondo informatico per riferirci al funzionamento del cervello. Possiamo quindi affermare che l’essere umano è entrato nella logica dell’automazione.

Non solo vi è entrato, ma si è lasciato sopraffare. Che cosa significa questo? Prima con il mercantilismo, poi con l’industrializzazione e più di recente con l’era digitale, abbiamo finito per meccanizzare, semplificare e ripetere i processi così tante volte, che la maggior parte sono diventati di routine. L’orologio detta le condizioni e noi rispondiamo come macchine.

Al centro di questa trasformazione c’è l’idea di tempo. È una delle realtà che più si è modificata negli anni, diventando in sostanza l’asse dell’automazione. Il ritornello dell’uomo è troppo simile, a volte, a quello di una macchina: produrre di più e in meno tempo. “Sfruttare” al massimo i tempi di produzione. Essere più veloci in tutto ed essere padroni del tempo, ciò che alcuni chiamano “efficacia” o “efficienza”, due valori altamente stimati al giorno d’oggi.

“Non è mai stato progettato nessun computer per essere cosciente di quello che fa; ma per la maggior parte del tempo, neanche noi lo siamo.”

Marvin Minsky

L’invasione del tempo libero

Uno degli scopi della tecnologia doveva essere liberare l’uomo. Fare in modo che non dovesse dedicare troppo tempo ai compiti meccanici e, così, disporre di più tempo libero.

Ma la stessa era digitale ha progettato spazi e dispositivi che, in un modo o nell’altro, hanno finito per invadere anche i nostri momenti di riposo e di tempo libero. 

Ragazzo lavora al computer di fronte a panorama urbano.

Prima i mass media hanno fatto irruzione nella nostra società come forme di intrattenimento e facilitatori per la circolazione delle informazioni. La radio, il cinema, i primi mezzi di comunicazione non erano onnipresenti. La televisione ha invece inaugurato un’altra cultura. Ha trasformato molti di noi in consumatori passivi di divertimento.

Con l’era digitale si è consolidata la colonizzazione del tempo libero e con essa l’automatizzazione dell’essere umano. Non vediamo la realtà attraverso uno schermo, ma possiamo interagire con essa in modo virtuale, in qualunque momento e ovunque.

Sono tante le ore del nostro tempo libero dedicate alle reti sociali o al vagabondare nel ciberspazio. Lo stesso tempo libero è preformattato. Una doppia morale incoraggia e condanna le dipendenze. L’industria, legale e illegale, muove un’impressionante montagna di denaro grazie al nostro tempo “libero”.

Contro l’automazione, pausa e bellezza

Siamo diventati impazienti, meno capaci di impegnarci in realtà che richiedono di affrontare difficoltà e contraddizioni. Lasciare che i processi fluiscano, affrontare e risolvere i conflitti, va contro l’automazione stessa.

Ciò che conta ora è semplificare e ottenere risultati visibili il più in fretta possibile. Questo nuovo modo di reagire alla realtà è l’effetto di questa passione per l’immediatezza, la velocità e il desiderio di riempire il tempo con qualunque cosa.

L’immediato produce piaceri e forme di felicità spesso fugaci. Questo modo di vivere la vita ci porta facilmente a provare stati ansiosi. È come se “trangugiassimo” le esperienze senza assaporarle. Aumentiamo il numero di esperienze a discapito della qualità. Fermarsi e rallentare è una condizione necessaria per superare l’automazione, ovvero il consumo frenetico di esperienze.

La bellezza è una delle esperienze più gratificanti della vita. Scoprire la l’armonia che si nasconde dietro una parola, un gesto, un’idea, una persona, ci colma di gioia. Il bello, però, non è subito visibile. Piuttosto il contrario. L’autentica bellezza richiede tempo per manifestarsi. E ha un potere immenso: è piena di vita. 

Ragazza combatte automazione, sdraiandosi sul prato.

L’automazione si riflette nelle nostre abitudini e nei gesti che ripetiamo incessantemente. Parole, idee, azioni, modi di fare. L’aspetto negativo è che ci priva di esperienze genuine e profonde.

Nega, al contempo, la possibilità di guardare la realtà da un’altra angolazione. Ci obbliga ad agire senza pensare o senza sentire intensamente e, alla fine, ci deprime o ci angoscia.

It might interest you...
Trovare l’ispirazione con semplici strategie
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Trovare l’ispirazione con semplici strategie

Per trovare l'ispirazione è necessario essere consapevoli del fatto che il cervello non è una macchina, bensì una realtà plastica e sensibile.



  • Feenberg, A. (2005). Teoría crítica de la tecnología. Revista iberoamericana de ciencia tecnología y sociedad, 2(5), 109-123.