Autostima lavorativa: come sentirsi soddisfatti di se stessi al lavoro

Come vi sentite a lavoro? Come influiscono su di voi i successi che ottenete in questo contesto? E gli errori? Che ruolo ha in tutto questo l'autostima? Ne parliamo in questo articolo!
Autostima lavorativa: come sentirsi soddisfatti di se stessi al lavoro
Laura Ruiz Mitjana

Scritto e verificato da la psicologa Laura Ruiz Mitjana.

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio, 2023

L’autostima è il riflesso di come trattiamo noi stessi, di come valorizziamo e amiamo noi stessi. Ha a che fare con come ci sentiamo in relazione alle nostre capacità, risultati o traguardi… E all’interno di questa autostima, che è un concetto generico, rientra l’autostima lavorativa.

Questo cassetto all’interno dell’autostima ha a che fare con la soddisfazione che proviamo nel nostro lavoro (o ambiente di lavoro), in relazione a noi stessi, cioè con come lavoriamo, e con come quel fare ci fa sentire realizzati, apprezzati, motivati, eccetera. Pertanto, si nutre di un’altra serie di elementi, come le prestazioni o la motivazione sul posto lavoro, tra gli altri. Ma l’autostima sul lavoro può essere migliorata? Come?

Autostima lavorativa: che cos’è?

L’autostima ha ricevuto un numero infinito di definizioni. Uno di questi è quello di Coopersmith (1967), citato in uno studio di Morán e Manga (2005) dell’Università di León, che lo definisce come ” un atteggiamento di approvazione o disapprovazione che indica la misura in cui l’individuo si considera capace, importante, vincente e pregevole […] è un giudizio personale di merito che si esprime negli atteggiamenti che l’individuo conserva verso se stesso ».

Nel caso dell’autostima lavorativa, parliamo della percezione che ogni persona ha dello svolgimento del proprio lavoro, cioè della soddisfazione sul posto di lavoro. Di solito viene misurato in base a ciò che una persona crede di fare e cosa dovrebbe fare; È quella sensazione che si ha riguardo al proprio lavoro.

Questa autostima lavorativa potrebbe dipendere dalla professione? In parte sì. Il suddetto studio, che ha incluso 298 partecipanti, ha rilevato differenze nella soddisfazione sul lavoro, nel disagio e nell’autostima, a seconda della professione e del genere, con i professionisti dell’istruzione che si sentono più soddisfatti del proprio lavoro e gli uomini nel settore sanitario che manifestano meno disagio e maggiore autostima.

“L’autostima è un sentimento basato sul sentirsi capaci e amati.”

-Jack Canfield-

Donna che lavora
L’autostima è un giudizio personale di valore che si esprime negli atteggiamenti che l’individuo ha nei confronti di se stesso.

Come migliorare l’autostima lavorativa

Potete adottare delle misure per migliorare le sensazioni che provate sul lavoro, condizionando la soddisfazione che provate per i vostri risultati e alterando il modo in cui affronti le sfide. Insomma, idee per migliorare la propria autostima lavorativa. Ve ne lasciamo alcuni:

1. Riconoscete i vostri risultati

Potreste iniziare individuando quelle attività che sei bravo a svolgere nel contesto lavorativo, nel vostro lavoro. Riconoscete quegli spazi in cui ti senti agile e premiati per i risultati che raggiungi. Non c’è bisogno che si tratt di grandi rinforzi, basta sapere che ci sono, che ci sono molte cose che fai bene e poter dire a te stesso “sei stato bravo”.

2. Continuate ad allenarvi all’autostima lavorativa

Il mondo del lavoro è molto dinamico e ci chiede di essere competitivi; La questione è che, per esserlo, è consigliabile investire parte dei propri sforzi nella formazione. Essendo più preparato, sarete in grado di produrre un lavoro di qualità migliore, e farlo anche in meno tempo (aspetto che tutte le aziende apprezzano).

Si tratta di continuare a crescere. Un percorso in cui rendere i propri punti deboli meno deboli e i propri punti forti ancora più preziosi. Che siate imprenditori o meno, pensate a voi stessi come a un’azienda. In questo senso la formazione è un investimento.

3. Imparate dagli errori

Fare errori sul lavoro è normale. In questo senso, fare in modo che un errore non diventi un attacco alla propria percezione di sé è una pietra miliare. Questo vi darà anche sicurezza personale; Significherà che sarete in grado di cogliere le esperienze per essere migliore nel tuo lavoro (ma senza mettere a voi stessi troppa pressione).

4. Siate consapevoli dei messaggi positivi

Un fenomeno curioso accade con l’autostima; più è debole, più è difficile per noi accettare i complimenti. È come se la bassa autostima escludesse sistematicamente quei feedback dall’ambiente che sono positivi. Come l’alta autostima, anche la bassa autostima genera un ecosistema di filtri dentro e fuori di noi che la perpetuano.

5. Trovate un significato in quello che fate

Mantenere una posizione in cui svolgete compiti che ritenete rilevanti apporta qualcosa alla vostra autostima sul lavoro. Stiamo parlando di trovare un significato intrinseco al proprio lavoro, al di là del semplice fatto di essere attivi o di guadagnare denaro. Chieditevi cosa vi offre il vostro lavoro? In che modo vi permette di contribuire al benessere degli altri? Cercate quel valore aggiunto e riconoscete che state andando bene, che avete dei punti di forza.

Donna che fa terapia psicologica
La formazione continua insieme all’apprendimento dagli errori e dagli sbagli aiuta a migliorare l’autostima sul lavoro.

Migliorare una parte per migliorare il tutto

L’autostima lavorativa è un tipo di autostima che, insieme agli altri (autostima personale, scolastica, fisica, sociale, ecc.), configura la visione che abbiamo di noi stessi nel suo insieme, cioè come un “tutto “. Lavorarci inevitabilmente (e per fortuna) impatta su quella visione globale che abbiamo del nostro modo di essere e di relazionarci.

Per questo, e per cominciare, è importante individuare fino a che punto fa bene poter lavorare su quegli ostacoli che ci rendono difficile avere una sana autostima e poterla nutrire con i passaggi menzionati e altre idee che ti vengono in mente. La chiave è conoscere se stessi e determinare cosa va bene per noi e cosa no nel nostro posto di lavoro (e in relazione al nostro modo di lavorare). Ma soprattutto ricordate che uno psicologo può sempre accompagnarvi in modo che questo processo sia più facile da affrontare.

“Quando mi sono amato davvero, ho capito che in ogni circostanza ero al posto giusto e al momento giusto. E poi ho potuto rilassarmi. Oggi so che tutto questo ha un nome… autostima. “

-Charles Chaplin-

Potrebbe interessarti ...
Curare la propria autostima
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Curare la propria autostima

Avere una sana autostima risulta di primaria importanza per ogni essere umano, dato che ci fa affrontare la vita con maggiore fiducia e allegria




I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.