Avatar 2: una bella epopea sull'ambientalismo

"Avatar: la via dell'acqua" è una metafora sull'ambiente per gli umani del XXI secolo. Al di là della bellezza dei suoi effetti speciali -e della critica alla durata del film- c'è un messaggio chiaro, che tutti dovremmo fare nostro.
Avatar 2: una bella epopea sull'ambientalismo
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 02 gennaio, 2023

Oggi parliamo di Avatar 2 e di James Cameron, che è, senza dubbio, il Leonardo Da Vinci del cinema. Pochi hanno portato innovazione tecnologica e narrativa al cinema in questo modo. Titoli come Alien, Terminator o Titanic ne sono un chiaro esempio. Non possiamo neppure ignorare il fatto che nessuno ha gestito così bene l’affascinante universo dell’acqua in tutte le sue forme.

Nel 1989 ci ha regalato Abyss, un film in cui una squadra di sommozzatori collabora con la Marina Militare per trovare un sottomarino nucleare affondato. Lì, nelle profondità dell’oceano, entrano in contatto con una straordinaria razza di alieni il cui scopo è salvare la razza umana da se stessa. Un messaggio, un’idea, che finirà di plasmare nella prima parte di Avatar nel 2009.

Perché, se c’è un concetto che ha sempre definito James Cameron nei suoi film, è l’importanza di trasmettere consapevolezza ambientale. E, in effetti, c’è chi lo etichetta come sentimentale, predicatore e persino idealista. Tuttavia, nessuno può negare la sua maestria in questo difficile compito di intrattenere il pubblico cercando di trasmettere un messaggio…

“Il Popolo del Cielo ci ha mandato un messaggio: che possono prendere ciò che vogliono. Che nessuno può fermarli. Bene, allora invieremo loro un messaggio: che non possono prendere ciò che vogliono! E che questa… questo è la nostra terra!”.

-Jake Sully-

scena dell'avatar 2
Avatar ci invita ad amare il mondo così com’è, senza alterarlo, connettendoci con l’essenza di Madre Terra.

Avatar 2: la via dell’acqua. Un viaggio nel mondo acquatico di Pandora

La via dell’acqua è il primo film che James Cameron ha diretto a distanza di 13 anni dall’ultimo. Durante quel periodo, le produzioni con CGI (immagini generate al computer) sono state una costante. Forse per questo motivo più di un critico si è chiesto se il grande maestro degli effetti speciali sarebbe stato capace di sorprendere il grande pubblico portando, né più né meno, un seguito.

E infatti, ha. Il film è una pietra miliare nell’evoluzione della tecnologia degli effetti visivi nell’ambiente acquatico. Il suo successo al botteghino è innegabile e ha più di una possibilità di essere tra gli Oscar. Tuttavia, al di là della sua affascinante messa in scena, non sono mancate voci critiche e persino campagne di boicottaggio.

La ragione? Analizziamola.

“La nostra grande madre non si schiera, Jake, protegge l’equilibrio della vita.”

-Neytiri-

La vecchia storia, ma più fresca

Avatar 2 ci riporta al suo precedente protagonista, il marine Jake Sully. Il corpo che precedentemente manipolava mentalmente è ora il suo unico veicolo fisico. Vive felicemente con la sua compagna, Neytiri, con la quale cresce i loro figli, alcuni dei quali adottati. È un altro Na’vi e anche uno dei migliori guerrieri ribelli nella lotta contro i colonizzatori.

L’armonia non dura a lungo nell’idilliaco mondo di Pandora, perché la missione coloniale dell’umanità risorge per minare la pace. Nel suo disperato tentativo di sopravvivere, Jake e la sua famiglia devono lasciare i boschi per unirsi a un altro clan. Sono Na’vi di un colore blu più chiaro, con pinne e cavalcano ittiosauri alati. Sono la gente del mare, coloro che insegneranno loro la via dell’acqua.

In quel viaggio devono imparare altre regole, altri modi per entrare in contatto con la natura, come stabilire una relazione simbiotica con una balena straordinaria, Tulkum. Così, se già le foreste di Pandora ci sembravano un’esperienza sensoriale indimenticabile, immergersi in questi sontuosi universi marini ci eleva ad un’altra dimensione. Il sentiero dell’acqua è un altro Eden in cui vorremmo vivere.

Pandora e alcuni colonizzatori che fungono da specchio

In Avatar 2 siamo rimasti ancora più affascinati da Pandora rispetto alla prima parte. Le sue foreste bioluminescenti, i suoi predatori a sei zampe, i suoi fiori, le sue creature marine, la bellezza delle barriere coralline… Lo spettacolo fa accapponare la pelle ed emoziona, ma se c’è qualcosa che James Cameron vuole con i suoi ultimi film, è è quello di invitare a una necessaria consapevolezza.

Questa produzione è piuttosto epica per il mondo naturale, per quella Madre Natura che in Pandora chiamano Eywa. Invece la nostra umanità è il vero nemico di se stessa e di tutti i suoi ecosistemi. Se c’è una cosa che impariamo dai Na’vi è come trovino sempre la connessione con l’energia del loro pianeta per ristabilire equilibrio e armonia. Dimensioni che abbiamo infranto e violato.

È vero che, finora, non abbiamo ancora colonizzato un pianeta di alieni blu. Tuttavia, la corsa per trovare nuovi metalli al di fuori della Terra è già iniziata. Basti pensare a personaggi come Elon Musk, Jeff Bezos o Donald Trump, che in numerose occasioni hanno parlato della necessità di lanciare questa corsa che ci renderebbe nuovi colonizzatori.

“I Na’vi dicono che ogni persona nasce due volte. La seconda volta, è quando ti guadagni il tuo posto tra la gente… per sempre.”

-Jake Sully-

Avatar 2: tra ambientalismo e boicottaggi cinematografici

Intendiamo l’ambientalismo come quell’insieme di pratiche che ci consente di connetterci con uno scenario o un ecosistema senza alterarlo, garantendone l’equilibrio e la conservazione in ogni momento. Questo è esattamente ciò che apprendiamo in Avatar 2. Per di più, James Cameron eleva l’ambientalismo a quella spiritualità da cui vedere un pianeta come una divinità. Un essere superiore che ci accoglie e ci dona la vita.

Quando si vedono i Na’vi è inevitabile pensare a tutti quei popoli che, a causa del colonialismo e dell’imperialismo, furono devastati. La loro cultura, il loro modo di vivere e persino le loro terre furono saccheggiate per cancellare tutto ciò che era sacro, tutto ciò che era autentico ed era anche in armonia con la terra stessa. America, Africa, Australia… Ci sono molti Pandora nel nostro mondo.

Tuttavia, ci sono diverse voci che si sono levate contro Avatar 2. James Cameron viene rimproverato per la sua inconscia arroganza e per aver raccontato, ancora una volta, la storia della colonizzazione dal punto di vista dell’uomo bianco.

scena dell'avatar 2
Anche se il sequel inizia nelle foreste di Pandora, l’azione si sposta sulle barriere coralline e nel mondo dell’acqua.

Uno spettacolo dai valori saldi

Nessuno nega che Avatar 2 sia uno spettacolo di tecnologia. Tuttavia, non ha nulla in comune con le produzioni classiche dell’universo Marvel, dove il sensazionalismo domina tutto. I Na’vi ci servono come avatar e come specchio per vedere il riflesso della nostra stessa umanità e ciò che, senza dubbio, non dovremmo perdere di vista.

Oltre a recuperare il nostro legame con la natura e il rispetto per l’ambiente, ci parla anche di amore e famiglia. Anche della leadership, dell’unione dei popoli e persino della forza delle donne. Ronal, la leader tribale incinta, e Neytiri sono un altro esempio di quei personaggi creati da Cameron che, come il tenente Ripley o Sarah Connor, sono difficili da dimenticare.

In sostanza, le tre ore di durata potrebbero risultare eccessive per molti. Per altri è un viaggio che passa in un soffio e ci lascia con la voglia di tornare di nuovo a Pandora, anche se la produzione della terza parte di Avatar è già in corso.

Potrebbe interessarti ...
5 film che vi apriranno mente e anima
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
5 film che vi apriranno mente e anima

Nell'articolo di oggi vi proponiamo la visione di 5 film in grado di aprire la vostra mente e la vostra anima. Guardateli!


I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.