Black Panther, supereroi e integrazione

· 6 Febbraio 2019

Black Panther, l’ultimo prodotto del mondo cinematografico della Marvel, ha suscitato non poche reazioni. Da quando è uscito nelle sale cinematografiche, il film ha ricevuto diverse critiche, sia positive che negative. Tuttavia, Black Panther rappresenta senz’altro una svolta del genere dei supereroi.

Diretto da Ryan Coogler, è un film con un cast formato principalmente da persone di colore. Basato sull’omonimo fumetto della Marvel, parla del primo supereroe nero e di origini africane. Black Panther riunisce in sé caratteristiche con cui molte persone si identificano più facilmente.

Marvel Comics e DC sono due delle maggiori case editrici di fumetti degli Stati Uniti. Dopo l’edizione dei fumetti su questo supereroe, iniziarono a diversificare i propri personaggi. Ben presto, la prima avrebbe presentato Luke Cage e Falcon, entrambi personaggi di colore. A sua volta, la seconda reinventò uno dei suoi personaggi bianchi, chiamato Lanterna Verde, in un personaggio di colore.

Da questo momento in poi, la popolarità delle due case editrici di fumetti aumenta notevolmente. Questo perché più persone si interessano ai loro personaggi.

Integrazione e identificazione

Per creare una comunità, bisogna fare in modo che tutti si sentano in qualche modo parte di essa. D’altronde, con un sentimento d’insieme è più facile raggiungere dei progressi sociali. Dalla pubblicazione di Black Panther, si può dire che inizia una fase di graduale integrazione.

Con l’inclusione di personaggi di origini africane, indigene e asiatiche, le case editrici di fumetti hanno assicurato la produzione in un mercato trascurato. Basti pensare che per molto tempo le cosiddette minoranze etniche sono state allontanate dai principali ambienti sociali.

Erano assenti in contesti culturali quali cinema e fumetti. Grazie all’integrazione, le persone appartenenti alle minoranze etniche si sentono identificate e legittimate. Ciò crea decisamente dinamiche sociali migliori, poiché aumenta la tolleranza.

Protagoniste femminili di Black Panther

Black Panther, un successo di incassi

Anche il film Black Panther punta alla tolleranza e all’uguaglianza. Uscito nelle sale cinematografiche all’inizio del 2018, il film è ambientato nel fittizio regno africano di Wakanda. Dopo l’assassinio del suo leader e sovrano, Wakanda deve fare affidamento su T’Challa, il principe ereditario.

T’Challa è un super umano: possiede velocità e forza sovrumane. Queste abilità lo aiutano a ottenere il titolo di Black Panther, protettore del Wakanda. Nonostante le sue qualità, T’Challa deve affrontare le difficoltà di essere re. Così, solo con l’aiuto della sorella Shuri, della spia e leader Nakia, e della guerriera Dora Milaje, riesce a superare gli attacchi contro il suo popolo.

Black Panther è un film che ha sfidato numerosi stereotipiNon solo presenta un cast quasi interamente di attori di colore, ma è stato anche un’opportunità per il regista e i produttori, anch’essi afroamericani.

Oltre a questo, ha introdotto molti personaggi femminili forti, intelligenti e indipendenti. La sorella minore di T’Challa, la principessa Shuri, è una ragazza con conoscenze avanzate di scienza e ingegneria.

La guerriera Nakia svolge il ruolo di spia e liberatrice delle donne vittime di violenza. La guardia reale è formata solo da donne ben addestrate: le guerriere migliori e più in gamba del regno.

Black panther

Il cinema come luogo di scambi sociali

Il cinema è uno strumento di divulgazione e consolidamento di ideali e ideologie. Anche se non è l’unico fattore in gioco, sicuramente la rappresentazione dell’integrazione nel grande schermo dà vita a nuovi modi di costruire e percepire le relazioni sociali.

Nelle nuove tendenze di rappresentanza equa, i protagonisti sono personaggi di diverse origini etniche e culturali. Una diversità maggiore sui piccoli e grandi schermi contribuisce a una tolleranza maggiore della diversità nei contesti lavorativi e scolastici.