Clinomania: definizione e cause

Avete mai sentito parlare di clinomania? È il desiderio irrefrenabile di restare a letto. Ma è patologico? Come si manifesta? Troverete tutte le risposte in questo articolo.
Clinomania: definizione e cause

Ultimo aggiornamento: 08 novembre, 2021

Avete mai sentito parlare di clinomania? È un disturbo d’ansia in cui il sintomo principale è il desiderio irrefrenabile di restare a letto.

Questo sintomo arreca disagio e tristezza, insieme ad altri sintomi che finiscono per interferire in modo significativo nella vita della persona. Ma quali sintomi aggiuntivi provoca la clinomania? Cos’altro sappiamo?

Sebbene si tratti di un disturbo a sé, ovvero di solito si presenta isolato, la verità è che può anche apparire in comorbilità con altri disturbi mentali. Quali? Ne parliamo nelle righe che seguono.

“Il letto è stato il nido e la camera della civiltà, la tentazione delle donne e dei bambini, dei ricchi e dei poveri. Il letto è stato il santo sacramento del momento più grande che ho vissuto, amato e condiviso con tutti gli uomini. nemmeno dire il suo nome”.

-JC Aragon-

Uomo con clinomania a letto.

Cos’è la clinomania?

Il termine “clinomania” deriva dal greco e si traduce letteralmente come “ossessione del sonno”. Chiamata anche clinofilia, consiste nell’ossessione o estremo bisogno di stare a letto per molte in assenza di una causa organica (malattia o farmaci) che lo spieghi.

È classificato come un disturbo d’ansia. Ma come capire se si soffre di clinomania? Come si manifesta? La verità è che molte persone amano stare a letto.

È alquanto comune e non rappresenta un problema. Tuttavia, lo diventa quando il desiderio di stare a letto finisce per diventare un’ossessione.

D’altra parte, dobbiamo anche preoccuparci se stare a letto più del solito interferisce con la vita quotidiana; un esempio potrebbe essere arrivare spesso in ritardo al lavoro per questo motivo, smettere di accudire i figli, non mangiare, ecc.

Un quadro simile deve presentarsi con una certa regolarità per poter prendere in considerazione la possibilità di soffrire di clinomania.

I sintomi della clinomania

Quella esposta nel precedente paragrafo è una definizione generica di clinomania. Ma quali sono i sintomi associati?

Ci sarà utile conoscerli per capire se noi o un nostro caro soffre di questo problema. I sintomi più comuni sono i seguenti:

  • Ossessione crescente per tutto ciò che concerne il letto e i suoi accessori: cuscini, lenzuola, copriletto, ecc.
  • Difficoltà ad alzarsi ogni volta che ci proviamo, come se una forza invisibile ci stesse tirando e ce lo impedisse.
  • Sbalzi d’umore improvvisi; per esempio gioire quando dobbiamo stare a casa (o a letto) ed essere giù di morale quando dobbiamo uscirne.
  • Sensazione di profondo conforto quando ci sdraiamo a letto.
  • Nel tempo libero ci limitiamo a sdraiarci a letto, riducendo il numero di attività fuori casa e con gli amici o la famiglia.

In che modo influisce psicologicamente?

Abbiamo visto i sintomi più frequenti della clinomania, che possono essere facilmente rilevati durante la nostra vita quotidiana.

Ma, più nello specifico, sappiamo in che modo questo disturbo colpisce a livello psicologico? Diamo una breve occhiata ai sintomi psicologici che provoca:

  • Senso di colpa a seguito delle numerose ore trascorse a letto. Può persino essere associato a una sensazione di inutilità. Vale a dire, in caso di clinomania la persona può sentirsi in colpa perché non fa che rigirarsi e sonnecchiare sul letto.
  • Tristezza: come in un circolo vizioso, la persona trascorre più ore a letto, il che le fa perdere interesse per altre attività; non interessarsi a nulla, a sua volta, la induce a stare di più a letto. Il tutto finisce per provocare sentimenti di tristezza, apatia e demotivazione.
  • Sentimenti di solitudine e incomprensione: la persona abbandona i propri interessi e smette di interagire con gli altri, il che finisce per generare più apatia e una profonda sensazione di incomprensione e solitudine.
  • Isolamento sociale: la persona finisce per isolarsi dal resto del mondo, nel proprio letto. Quest’ultimo segnale è un evidente campanello d’allarme.
Donna a letto con clinomania.

La clinomania è associata ad altri disturbi?

La clinomania è, di per sé, un disturbo d’ansia. Tuttavia, è anche vero che è spesso associata ad altri disturbi mentali. Due dei più comuni sono: depressione e schizofrenia.

Nella depressione compaiono sintomi come anedonia o apatia. A loro volta, questi sintomi sono legati alla clinomania, poiché implicano una perdita di desiderio, divertimento e volontà di fare qualsiasi cosa.

La persona con depressione che presenta questi sintomi ha maggiori probabilità di manifestare anche la clinomania e tende a rimanere a letto per lunghe ore.

Inoltre, in caso di depressione fanno capolino diversi disturbi del sonno come insonnia, sonnolenza diurna, sonno non ristoratore. Lo Sleep Institute, di fatto, afferma che l’80% dei pazienti con depressione lamenta un peggioramento della quantità e della qualità del sonno.

Secondo lo stesso Istituto, il disturbo del sonno maggiormente associato alla depressione è l’insonnia, ovvero difficoltà a conciliare e/o a mantenere il sonno.

Nel caso della schizofrenia, invece, la clinomania può comparire nel sottotipo catatonico, con sintomi correlati quali catalessi o immobilità, rigidità corporea, ecc. Se questi sintomi compaiono a letto, sebbene la loro natura sia diversa, possiamo parlare di clinomania.

Anche nel soggetto schizofrenico possono presentarsi disturbi del sonno. Secondo il Lundbeck Institute, la schizofrenia altera il sonno e i ritmi circadiani.

“Ricordati di addormentarti con un sogno e svegliati con uno scopo.”

-Anonimo-

Potrebbe interessarti ...
Andare a letto arrabbiati o preoccupati
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Andare a letto arrabbiati o preoccupati

Andare a letto arrabbiati o preoccupati non significa solo svegliarsi di cattivo umore: di fatto si perde anche una buona parte del potenziale cogn...



  • Evans, Rand. (1999). Clinical psychology born and raised in controversy. APA Monitor, 30(11).
  • Groth-Marnat, G. (2003). Handbook of Psychological Assessment, 4th ed. Hoboken, NJ: John Wiley & Sons.
  • Raynaldi, M. R., & Santoso, F. (2020). Studi Visual Karakter dan Gestur Climomania sebagai Pendukung Perancangan Animasi Pendek. Visual Heritage: Jurnal Kreasi Seni dan Budaya, 2(2), 109-118.