Come influisce la musica sulla cognizione?

29 Maggio 2019
In questo articolo vedremo come influisce la musica sulla cognizione. Come agisce sul nostro cervello e sulla capacità di interiorizzare i messaggi.

L’interiorizzazione dei messaggi avviene attraverso numerosi mezzi, tra cui la anche la musica. Ma come influisce la musica sulla nostra mente? È davvero in grado di agire sulla cognizione?

Elemento importantissimo della nostra cultura, la musica fa parte della vita di ognuno di noi. Alcuni stili musicali possono accompagnare e condizionare lo stato d’animo e la personalità. Scoprite come influisce la musica sul cervello e sulla capacità di cognizione.

I testi delle canzoni possono rappresentare un mezzo per trasmettere un messaggio. Quando poi la canzone diventa un successo, il messaggio si diffonde come un’eco nella società. È logico, quindi, che influisca sul pensiero comune, di cui ci sentiamo parte integrante.

Come influisce la musica sul nostro organismo?

Il potere rilassante della musica è noto fin dall’antichità, ed è ormai risaputo che abbia una notevole influenza sullo sviluppo cognitivo. Ma come agisce realmente sul nostro organismo?

Azione della musica sull'organismo

Le nostre emozioni sono regolate, in gran parte, dal cosiddetto cervello emotivo. Qui si trovano l’amigdala, l’ipotalamo, l’ippocampo e il talamo. Conosciuta anche come sistema limbico, questa zona del cervello è responsabile della regolazione delle reazioni agli stimoli esterni. Tra queste vi sono la paura, il dispiacere, l’allegria, la tristezza, l’euforia…

Ascoltare la musica porta il sistema nervoso centrale ad attivare diverse sostanze chimiche. Queste, a loro volta, liberano alcuni neurotrasmettitori come la dopamina e le endorfine, che provocano una sensazione di benessere e allegria. Esistono canzoni in grado di generare praticamente qualsiasi tipo di emozione.

Quando una persona prova empatia verso un certo messaggio melodico, è normale che lo faccia suo. È a questo punto che avviene un’intensa attivazione del sistema limbico.

Come influisce la musica sull’interiorizzazione dei messaggi?

Come abbiamo visto, la musica può stimolare le emozioni e facilitare l’interiorizzazione di un messaggio. Ad esempio, è in grado di ridurre la quantità di energia necessaria per prendere una decisione davanti a una scelta. In parte, i messaggi trasmessi attraverso la musica agiscono da orientatori della condotta.

A livello sociale, la musica ha il potere di generare legami tra vari soggetti o gruppi di persone. Cantare insieme le canzoni che identificano il gruppo può rinforzare la sensazione di appartenenza. Un chiaro esempio di questa idea è costituito dagli inni. Si tratta di melodie e testi che apportano unità al gruppo, lo rappresentano e lo definiscono simbolicamente.

Alcuni esempi di generi musicali: lo stile RAC

Lo stile RAC (Rock Against Communism) nasce negli anni ’80 del secolo scorso come una variante del rock, associato al movimento skinhead. In quel periodo vennero organizzati numerosi concerti contro il razzismo e l’auge dei movimenti separatisti. In contrapposizione, diversi partiti politici di ideologia nazionalista decisero di adottare lo stile punk per diffondere il loro messaggio.

Il messaggio del RAC è fondamentalmente razzista e xenofobo, e ciò fa sorgere i primi problemi. Come abbiamo accennato in precedenza, infatti, è facile che alcuni individui facciano propri questi testi. In buona sostanza, l’idealizzazione del gruppo o del cantante può portaci a giustificare e a materializzare il contenuto dei testi delle canzoni.

La conseguenza è evidente: i pregiudizi scatenati da questi messaggi possono orientare il comportamento. È un chiaro esempio di come influisce la musica sulla cognizione e l’interiorizzazione dei contenuti. Questi ultimi diventano uno strumento efficace per dare risposte rapide ad argomenti complessi. Semplificano la richiesta cognitiva originata da situazioni complicate.

Ma attenzione: così rischiamo di creare un’idea preconcetta, un pregiudizio. Giudichiamo qualcosa o qualcuno senza verificare che gli argomenti apportati siano validi.

Musica e cervello

Il genere RAC in Italia

L’Italia è uno dei paesi che ha visto la nascita di vari gruppi musicali di genere RAC. All’inizio degli anni 2000 ebbero un discreto successo, ma alcuni vennero condannati per reati di odio pochi anni più tardi. A volte il messaggio dei loro testi sfiora l’infrazione penale. Pur essendo tutelata dalla costituzione di questo paese, in questi casi la libertà d’espressione supera i limiti accettabili. 

Tuttavia, i benefici della musica a livello cerebrale e corporeo sono stati confermati da numerosi esperimenti. La musica è parte integrante della nostra cultura, che trova nelle melodie un modo per definirsi.

Non possiamo dimenticare che le canzoni costituiscono un ottimo strumento d’apprendimento. Attraverso i testi delle canzoni è possibile fomentare l’interiorizzazione dei messaggi. Di conseguenza, è necessario fare attenzione a quello che ascoltiamo: può influire sulla formazione dei nostri pensieri.