Comportamenti che favoriscono il dolore: come influiscono sul benessere?

Quando proviamo dolore emettiamo una serie di comportamenti che, senza accorgercene, possono danneggiarci a lungo termine. Scopri come ci influenzano e cosa fare al riguardo.
Comportamenti che favoriscono il dolore: come influiscono sul benessere?

Scritto da Elena Sanz

Ultimo aggiornamento: 09 novembre, 2022

Il dolore è un evento fisico. Naturalmente, quando c’è una lesione o qualsiasi tipo di danno organico, è necessario intervenire per curarlo. Ma lo sapevate che anche la mente gioca un ruolo importante nell’aumentare o alleviare la sofferenza? Uno dei fenomeni più curiosi sono i cosiddetti comportamenti che favoriscono il dolore o comportamenti psicogeni.

Sono quelle reazioni, atti o comportamenti che mettiamo in atto a seguito di dolore o disagio. Ad esempio, esercitando pressione sull’area dolorante con la mano, adottando determinate posture per mitigare la sensazione o evitando determinate attività mentre ci si sente male. Questo tipo di comportamento sembra molto logico; e, infatti, all’inizio possono esserci di aiuto. Tuttavia, a lungo termine, possono far durare più a lungo il disagio.

donna preoccupata
I comportamenti dolorosi possono mantenere il disagio a lungo termine.

Quali sono i comportamenti che favoriscono il dolore?

Normalmente si tende a pensare al dolore come a qualcosa di puramente fisiologico: punti di sutura, sensazione di bruciore o prurito, pressione o tensione nell’area… Tuttavia, la realtà è che ha diverse altre componenti:

Aspetto cognitivo

Si riferisce ai pensieri, alle idee e alle convinzioni che vengono generati e mantenuti intorno al dolore e alla malattia. E questi non sono gli stessi in tutte le persone.

C’è chi adotta un atteggiamento catastrofico che accentua la visione negativa che quasi tutti noi abbiamo già del dolore, di rimuginare continuamente su di esso e di non riuscire a toglierselo dalla mente. Gli prestiamo molta attenzione e questo genera una maggiore sensibilità al dolore oltre che una percezione più intensa di esso.

Aspetto emotivo o affettivo nei comportamenti che favoriscono il dolore

È legato alle emozioni generate dal dolore. Ovviamente non è piacevole per nessuno, ma c’è chi sviluppa affetti eccessivamente negativi. Ad esempio, si sentono impotenti e incapaci di controllare il disturbo, esagerano le proprietà minacciose dello stimolo del dolore e sentono di non poter fare nulla per migliorare la propria situazione.

Queste emozioni associate amplificano il dolore e aggiungono anche una componente di sofferenza psicologica.

Aspetto comportamentale

Infine, ogni dolore ha una componente legata alla condotta, agli atti e al comportamento. Si riflette nelle azioni che intraprendiamo al riguardo.

Come abbiamo detto, questo può variare dal toccare l’area che fa male, verbalizzare quanto ci sentiamo malati o doloranti, visitare il medico, assumere farmaci o limitare i nostri movimenti o attività quotidiane. Questi sono tutti i cosiddetti comportamenti di dolore.

Che ruolo giocano i comportamenti che favoriscono il dolore?

Tutte queste azioni si verificano naturalmente quando stiamo soffrendo. Per noi è normale che li facciamo e possono aiutarci a sentirci meglio, ottenere conforto o trovare soluzioni. Tuttavia, se ci impegniamo eccessivamente con loro, possono diventare un problema.

Chi emette maggiormente questo tipo di comportamento di malattia è più propenso ad adottare il “ruolo malato”, ad installarsi in quella concezione di sé e, quindi, a subire le conseguenze di vedersi in questo modo. Sebbene, a fronte di un dolore specifico, possano non avere grande rilevanza, se parliamo di una condizione cronica, questi comportamenti possono aggravare la situazione e la disabilità.

Coloro che sono più coinvolti in questi comportamenti e si stabiliscono nel “ruolo malato” tendono a soffrire di più, sperimentano più sintomi di ansia e depressione, gradi più elevati di disabilità e inattività e condizioni lavorative peggiori. Questi risultati sono stati trovati analizzando pazienti con patologie come lombalgia, artrite reumatoide, fibromialgia o emicrania.

Alla luce di questi risultati, sono state progettate strategie psicoterapeutiche per ridurre o eliminare questi comportamenti dolorosi al fine di ridurre il disagio e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Donna che soffre di dolore
Chi emette più comportamenti di dolore tende ad assumere maggiormente il ruolo di malato.

Interventi psicoterapeutici in presenza di comportamenti psicogeni

Questo approccio comportamentale al dolore si concentra sulla modifica di questi comportamenti associati al disagio. Pertanto, la persona è sollecitata a liberarsi progressivamente di quelle reazioni che ha sviluppato.

Queste procedure sono note come tecniche operanti, poiché si basano sui principi del condizionamento strumentale (ovvero, tutti i comportamenti che vengono ripetuti e mantenuti lo fanno perché in qualche modo sono rafforzati).

Da questo punto di vista, dobbiamo tenere presente che, attuando comportamenti che favoriscono il dolore, spesso otteniamo anche qualche beneficio secondario. Ad esempio, riceviamo attenzione, affetto e conforto dai nostri cari.

Oppure possiamo liberarci da attività spiacevoli (come lavorare o fare i lavori domestici). Anche se inconsciamente, comprendiamo che questo “ruolo malato” ci offre vantaggi e continuiamo a interpretarlo.

Comportamenti che favoriscono il dolore: come correggerli?

Ecco che diventa fondamentale un impegno consapevole e un lavoro per invertire questa situazione. Per esempio:

  • Fermare le verbalizzazioni di disagio
  • Eliminare i gesti del dolore del viso e del corpo
  • Smettere di evitare situazioni “accogliendo” la malattia. Riprendere e ripristinare tutte quelle attività quotidiane che sono limitate (sempre per quanto possibile).
  • Introduzione all’esercizio fisico

Attraverso programmi graduali, ogni progresso viene incoraggiato e l’obiettivo è così raggiunto. Sebbene sia sempre necessario un approccio globale che non trascuri gli aspetti fisici e fisiologici del dolore, lavorare sul resto degli ambiti (e, nello specifico, in quello comportamentale) può favorire una migliore qualità della vita.

Potrebbe interessarti ...
Qualità della vita: che cos’è esattamente?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Qualità della vita: che cos’è esattamente?

Il termine qualità della vita è, da un certo punto di vista, sinonimo di ciò che chiamiamo "felicità". È possibile definirla esattamente?



  • Campayo, J. G., & Rodero, B. (2009). Aspectos cognitivos y afectivos del dolor. Reumatología clínica5, 9-11.
  • Moix, J., & Casado, M. (2011). Terapias psicológicas para el tratamiento del dolor crónico. Clínica y Salud22(1), 41-50.
  • Nielson, W. R., & Weir, R. (2001). Biopsychosocial approaches to the treatment of chronic pain. The Clinical journal of pain17(4), S114-S127.
  • Olivares Rodríguez, M., & Cruzado Crespo, J. A. (2008). Evaluación psicológica del dolor. Clínica y salud19(3), 321-341.