Condividere i propri sentimenti: con chi?

Quando condividiamo le nostre preoccupazioni e i nostri sentimenti, vogliamo essere capiti, non giudicati. Identificare le persone che possono svolgere con successo questo ruolo è un'abilità che può aiutarci molto ed è il primo passo per sentirci meglio.
Condividere i propri sentimenti: con chi?

Ultimo aggiornamento: 30 giugno, 2021

Vi sarete sicuramente chiesti con chi è più appropriato condividere i propri sentimenti. Non tutte le persone sono ricettive o adeguate, questo è certo, non importa quanto possano sembrarci vicine. Allo stesso modo, c’è chi, con tutta la buona fede del mondo, finisce per farci soffrire con un commento inappropriato oppure dandoci consigli quando vogliamo solo essere ascoltati. Conviene dunque seguire alcune linee guida per scegliere con chi condividere i propri sentimenti.

In molte occasioni ci è stato detto che condividere quello che proviamo con gli altri è tanto positivo quanto catartico. Tuttavia, non tutte le persone sono adatte a praticare questa sorta di “mestiere emotivo”.

Se guardiamo al passato, ci accorgeremo che a un certo punto avremo smesso di condividere il nostro dolore, la nostra gioia o il nostro stupore con qualcuno. Accade con frequenza. Pensiamo che quell’amico, quel collega o anche quella sorella non siano abbastanza ricettivi per comprendere i nostri sentimenti.

Spesso scopriamo che questo qualcuno non rappresenta il rifugio dal dolore che immaginavamo, magari perché non attribuisce la giusta importanza a quello che ci fa stare male e ci preoccupa. C’è anche chi ci giudica o chi semplicemente è molto goffo e non riesce a mettersi nei nostri panni e aiutarci.

“Stando in silenzio impariamo ad ascoltare; ascoltando impariamo a parlare; infine, parlando, impariamo a tacere”.

-Diogene-

Con chi possiamo condividere i nostri sentimenti?

Charlote Brontë diceva che l’interesse di chi ascolta stimola il linguaggio di chi parla. Lo abbiamo provato tutti più di una volta sulla nostra pelle; è un’esperienza catartica e confortante.

Lo studio condotto dal Dr. Ullrich Wagner dell’Università di Münster, Germania, ci mostra che condividere i propri sentimenti con i buoni amici attiva il sistema di ricompensa del cervello. Dopo i momenti di complicità, la sensazione di benessere aumenta.

Spesso, tuttavia, accade anche il contrario. Pensiamo di poter confidarci con certe persone che consideriamo fidate per condividere determinate esperienze e sentimenti, ma poi ce ne pentiamo. Ciò può avere conseguenze importanti sul nostro stato d’animo.

Per esempio, se un adolescente decide di condividere i propri sentimenti e pensieri, ma riceve delle critiche o viene preso in giro, possono presentarsi diversi scenari. Il primo scenario prevede la chiusura, per cui l’adolescente sceglierà di non condividere più niente con nessuno.  Nell’altro, in una fase fatidica come l’adolescenza, il tutto può danneggiare notevolmente la sua autostima.

Non tutte le persone sono in grado di ascoltare o di offrire sostegno emotivo. Quindi come capire con chi condividere i propri sentimenti? Ecco alcuni utili suggerimenti.

Attenzione: condividere i propri sentimenti non è una forma di comunicazione

C’è chi quando parla non usa filtri e non ha alcun problema a essere onesto. Queste persone tendono a condividere ogni pensiero e sentimento con colleghi, amici e conoscenti. Le conseguenze di questa pratica indiscriminata possono essere tanto gravi quanto disastrose.

Ricordiamo quindi di essere cauti, prudenti e intelligenti. Sapere che qualcuno è al nostro fianco non lo rende automaticamente il sostegno adeguato per la nostra riflessione. Condividere emozioni o sentimenti non è un’altra forma di comunicazione, bensì uno scambio più intimo e delicato.

Ascoltare senza giudicare, ascoltare senza dare consigli

Quando scegliamo di condividere qualcosa con qualcuno non ci aspettiamo che questi risolva il problema per noi. Spesso desideriamo solo una persona capace di ascoltarci e, soprattutto, di capirci.

È normale, dunque, essere sinceri con quella persona che però non esita a ricoprirci di consigli e persino darci un itinerario su quello che dovremmo fare. C’è anche chi è bravo a giudicare: “non avresti dovuto fare una cosa del genere”, “ti fidi troppo”, “hai sbagliato di nuovo, è chiaro che è non il tuo campo.”

È importante evitare queste dinamiche: se volete condividere i vostri sentimenti con qualcuno, scegliete bene, cercate una persona che sia brava ad ascoltare, capace di mostrare empatia nei vostri confronti e di mostrarvi una comprensione autentica.

Condividere i propri sentimenti con chi sa creare spazi emotivamente sicuri

Ci sono amici o addirittura conoscenti che hanno la speciale capacità di creare spazi sicuri in cui la fiducia è palpabile, dove ci sentiamo bene, al sicuro e compresi. Potrebbe succedere anche che la persona capace di ascoltarci nel modo in cui abbiamo bisogno non sia né il nostro partner né la nostra migliore amica.

Indipendentemente da ciò che possiamo pensare che accada, questo è normale. A volte le figure che sono sempre state con noi non sono le più adeguate in un dato momento ad ascoltarci. Sappiamo che ci vogliono bene e vogliono il meglio per noi, ma ci sono momenti in cui abbiamo bisogno di altre prospettive, di un supporto che difenda i nostri interessi in modo più o meno emotivo.

Quindi bisogna imparare a cercare bene, per trovare quella persona speciale capace di ascoltarci come meritiamo. È importante essere prudenti e intelligenti quando si tratta di condividere i propri sentimenti. Un commento sbagliato può fare molti danni, ma uno sguardo che ci accoglie con affetto, senza giudicarci, conforta e guarisce. Pensiamoci.

Potrebbe interessarti ...
Punti di forza personali: brillare da dentro
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Punti di forza personali: brillare da dentro

Il primo passo per brillare di luce propria sta nel riconoscere i propri punti di forza personali. Sapete quali sono i vostri?



  • Ullrich Wagner, Lisa Galli, Björn H. Schott (2015) Beautiful friendship: Social sharing of emotions improves subjective feelings and activates the neural reward circuitry. Social Cognitive and Affective Neuroscience, Volume 10, Issue 6, June 2015, Pages 801–808, https://doi.org/10.1093/scan/nsu121