Consumismo, cosa lo motiva?

Il consumo è un'attività comune nella nostra società. Le grandi aziende ci permettono anche di creare una lista dei nostri desideri... E questo è solo uno dei tanti meccanismi di cui dispongono per incentivare l'acquisto.
Consumismo, cosa lo motiva?

Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2022

I progressi tecnologici ci hanno permesso di avere accesso a un’ampia gamma di prodotti in modo rapido e semplice. Prodotti che ci semplificano la vita in molti modi, ma che ci invitano anche a un consumo irresponsabile che danneggia l’economia e la salute. Cosa motiva la tendenza al consumismo?

In misura maggiore o minore, acquistiamo tutti più del dovuto. Questa abitudine sembra praticamente inerente al contesto in cui siamo immersi. C’è, però, chi ha fatto del consumismo uno stile di vita senza rendersi conto delle possibili conseguenze negative.

Cosa motiva il consumismo?

Nel tempo sono state date varie definizioni di questo concetto; in linea generale, possiamo definirlo come la tendenza ad accumulare prodotti, beni e servizi che non sono necessari.

Ovviamente, abbiamo tutti bisogno di vestiti da indossare o di un cellulare, ma abbiamo veramente bisogno di comprare così tanti vestiti o di procurarci l’ultimo modello di smartphone uscito sul mercato?

La verità è che non possiamo incolpare il singolo individuo per queste abitudini di consumo. Entrano in gioco, di fatto, diversi fattori:

  • La società dei consumi è emersa all’inizio del XX secolo a seguiti dell’industrializzazione e dell’aumento della produzione. Da quel momento, era molto più facile avere accesso a una moltitudine di prodotti in modo rapido e semplice e questa tendenza è in aumento.
  • Il costante bombardamento pubblicitario a cui siamo sottoposti ci incoraggia a consumare indipendentemente dalle nostre reali esigenze. Le strategie di vendita e di neuromarketing stanno diventando sempre più efficienti e, poiché siamo perennemente connessi, l’esposizione a questi messaggi è praticamente continua.
  • Forte pressione sociale per acquistare e consumare beni e servizi. L’idea di successo e felicità è legata alla possibilità di acquisto.
  • Diversi servizi di pagamento, come coupon, promozioni, prestiti o carte di credito.
  • Periodi dell’anno che invitano all’acquisto di beni e servizi. Durante le festività natalizie, San Valentino o il famoso Black Friday, il consumismo sale alle stelle.
  • La maggior parte dei prodotti sono di bassa qualità e hanno breve durata (accade per esempio con il fast fashion). Ciò ci costringe ad acquistare continuamente nuovi beni.
Donna che guarda i pacchetti della spesa.
Una persona consumista misura il suo valore in base ai beni che possiede.

Quali personalità si lasciano sedurre dal consumismo?

È difficile resistere al richiamo degli acquisti instancabili. Tuttavia, alcune persone sono particolarmente incline a questi eccessi. Sebbene ogni caso sia diverso, in genere presentano i tratti che descriviamo a seguire.

1. L’identità è legata ai beni

La persona che acquista in eccesso relaziona il suo valore con i beni posseduti. Sente di valere di più se acquistano in abbondanza. Per questo motivo, tende a “ostentare” i suoi beni e a giudicare gli altri in base agli stessi criteri. L’essere resta sullo sfondo rispetto all’avere.

Nello specifico, vincola la propria identità a determinati prodotti. E questo è naturale, dal momento che una delle principali strategie di marketing è associare un marchio a una ideologia, valori o stile di vita.

Così, quando lo compriamo, sentiamo di entrare a far parte di quel gruppo, ci identifichiamo con l’idea che ci viene venduta. Apple, ad esempio, è uno dei grandi riferimenti in tal senso.

2. Fare paragoni

Poiché la persona che fa del consumismo uno stile di vita attribuisce grande importanza al potere d’acquisto o alla quantità di beni, usa questo criterio per valutare sé e gli altri.

Sente di dover avere tutto ciò che la società impone (lo smartphone più tecnologico, il veicolo migliore, i vestiti più alla moda, etc); può sentirsi frustrata e abbattuta quando vede che gli altri hanno qualcosa che a lei manca.

3. Usare lo shopping per regolare le proprie emozioni

Il consumismo è favorito dalla tendenza a ricorrere allo shopping per affrontare stati d’animo negativi. Come chi si rifugia nel cibo, nello sport compulsivo o nell’uso di sostanze, alcune persone si sentono meglio quando acquistano e consumano.

Tuttavia, il benessere (indotto dal rilascio di dopamina e serotonina) è temporaneo. Quando il loro effetto finisce, può presentarsi il senso di colpa, che aumenta il disagio iniziale.

4. Essere impulsivi

Il consumismo è comune tra le persone che hanno uno scarso controllo degli impulsi e con difficoltà a pianificare, organizzare e prevedere le conseguenze.

Si lasciano guidare da dalla gratificazione immediata, finendo spesso per indebitarsi o avere seri problemi finanziari a causa di questa impulsività.

Donna che acquista in un negozio online e consumismo.
La persona consumista tende a comprare guidata dall’impulso perché desidera provare una gratificazione immediata.

Conseguenze del consumismo

Uno stile di vita eccessivamente consumistico non influisce solo sulle finanze personali, ma anche sul benessere mentale ed emotivo. Sopravvalutare i beni materiali rispetto al concetto di sé può indicare che si è disconnessi dal proprio Io e dal proprio valore.

Gli acquisti possono essere effettuati nel tentativo di colmare un vuoto emotivo o per superare una situazione interiore conflittuale che si è incapaci di gestire.

Nei casi più gravi può causare una vera dipendenza. Se vi riconoscete nella descrizione presentata in questo articolo, dovreste avviare una serie di cambiamenti e cercare un aiuto professionale se lo ritenete necessario.

Potrebbe interessarti ...
Shopping compulsivo: ecco come controllarlo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Shopping compulsivo: ecco come controllarlo

Dopo l'entusiasmo iniziale, si ripresenta l'ansia. In questo articolo presentiamo alcune strategie per controllare lo shopping compulsivo.



  • Bhardwaj, V., & Fairhurst, A. (2010). Fast fashion: response to changes in the fashion industry. The international review of retail, distribution and consumer research20(1), 165-173.
  • de Sola Gutiérrez, J., Valladolid, GR, & de Fonseca, FR (2013). La impulsividad:¿Antesala de las adicciones comportamentales?. Salud y drogas , 13 (2), 145-155.
  • Pinson, C. (2012). What Makes Apple Consumers Brand Loyal? The Effects of Brand Personality, Reputation, and Brand Identity On Brand Loyalty.