Creare un ambiente di lavoro sano

7 Aprile 2019
Creare un ambiente di lavoro sano ci garantisce uno spazio privo di stress che associamo alla nostra attività lavorativa.

La maggior parte delle persone trascorrono un gran numero di ore settimanali al lavoro, circa un terzo del loro tempo. Per questo motivo è fondamentale creare un ambiente di lavoro sano in qualsiasi posto ci si trovi.

Nel nostro posto di lavoro condividiamo informazioni, opinioni e persino amicizie che non vogliamo che risentano di un possibile conflitto. È dunque importante imparare a relazionarsi in modo gradevole con i colleghi.

Creare un ambiente di lavoro sano ci garantisce uno spazio privo di stress che associamo alla nostra attività lavorativa. Tale clima ci rende molto più efficienti e ci permetterà di trovarci più a nostro agio durante l’orario di lavoro.

Perché è importante creare un ambiente di lavoro sano

Secondo la Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è necessario creare un ambiente di lavoro sano per tre motivi:

  • Perché è giusto. In termini di etica aziendale, è fondamentale che i lavoratori si sentano a loro agio sul posto di lavoro. Al giorno d’oggi i diritti umani rappresentano un pilastro della nostra società. Qualsiasi ambito nel quale gli esseri umani si relazionano tra loro deve rispettare tali diritti, soprattutto se entra in gioco la dimensione economica.
  • Perché è una decisione intelligente. Qualsiasi imprenditore sa bene che la felicità dei suoi lavoratori si riflette in una maggiore produttività. Se vogliamo migliori risultati, il comfort al lavoro è determinante.
  • Perché è legale. Questo punto è relazionato con il primo, poiché i diritti umani non sono solo un concetto morale ed etico. Viceversa, sono diventati leggi fondamentali. Rispettare il lavoratore e creare un ambiente di lavoro sereno vuol dire agire nella legalità.

Colleghi che socializzano

Quali elementi definiscono un ambiente di lavoro sano?

Nel suo documento Le 5 chiavi per gli ambienti di lavoro sani: i lavoratori in salute aumentano la produttività dell’azienda, la OMS definisce l’ambiente di lavoro sano come “un luogo […] in cui lavoratori e dirigenti, sulla base
dei bisogni evidenziati, collaborano attivamente nell’ambito di un processo di continuo miglioramento per tutelare e promuovere la salute, la sicurezza e il benessere di tutti i lavoratori, nonché la sostenibilità dell’azienda”.

In altre parole, si tratta di un ambiente nel quale lavorano tutti per il bene comune, al fine di raggiungere l’obiettivo delle proprie attività lavorative, e per il bene collettivo, il benessere di tutti i membri del gruppo. Si parla anche delle cinque chiavi determinanti per favorire la creazione di un ambiente lavorativo sano:

  • Etica del lavoro e legalità: rispettare i codici sociali ed etici dei lavoratori, ma anche applicare i codici e le leggi sulla salute e la sicurezza del lavoro.
  • Impegno e coinvolgimento della leadership: favorire l’impegno dei leader con maggiore anzianità o sindacali al fine di includere negli obiettivi e nei valori aziendali la cultura dei luoghi di lavoro sani.
  • Coinvolgimento dei lavoratori e dei loro rappresentanti: devono essere attivamente coinvolti in ogni passaggio, dalla pianificazione alla valutazione, tenendo in considerazione le loro opinioni e idee.
  • Sostenibilità e integrazione: assumere tutte le decisioni nell’ottica dei principi di salute, sicurezza e benessere. Misurare le esigenze degli utenti, i livelli di apprendimento e di crescita dei dipendenti al fine di costruire un successo di lungo termine.
  • Efficacia e continuo miglioramento: riunire tutte le risorse necessarie per la realizzazione di luoghi di lavoro sani.

Come possiamo potenziare un clima positivo

Tralasciando i fattori esterni, anche noi possiamo dare il nostro contributo al fine di creare un ambiente di lavoro sano. Le questioni legali o strutturali del luogo in cui lavoriamo non dipendono da noi, ma possiamo comunque prendere delle semplici iniziative per migliorare il nostro umore e quello dei nostri colleghi. Ad esempio, possiamo:

  • Socializzare con i colleghi. In un ambiente nel quale si conoscono tutti (o quasi tutti), è normale assistere a festicciole di compleanni, promozioni, piccoli successi o questioni familiari. Interessarci della vita dei nostri colleghi migliorerà il loro stato d’animo e il nostro. Ad esempio, interessarsi di una collega che è malata o chiedere come stanno i suoi figli la farà sentire più vicina a noi.
  • Rispettare la privacy degli altri. In contrasto con il punto anteriore, è indispensabile ricordare che non dobbiamo superare certi confini per quanto concerne l’intimità dei nostri colleghi. In fin dei conti, molte persone intendono il lavoro come un mezzo per allontanarsi dalla loro vita quotidiana.
  • Cercare dei momenti di diversione durante il lavoro. Per unificare i concetti di “diversione” e “socializzazione”, niente di meglio che fare delle pause per bere un caffè o pranzare in compagnia dei colleghi. Lavorare numerose ore consecutive non rende più produttivi. Al contrario, è dimostrato che i paesi più produttivi sono quelli in cui si lavora meno.
Gruppo di lavoro che discute di un progetto

Un posto di lavoro sano è uno spazio piacevole, per nulla ostile e pieno di persone con cui condividere esperienze, obiettivi e molto tempo. La nostra vita professionale deve farci sentire al sicuro, se così non fosse, dovremmo chiederci se possiamo essere felici in questo modo. Anche se sembra difficile, ci sono altre opportunità al di là dell’azienda che non ci soddisfa.