Le biblioteche e alcune curiosità sul mondo dei libri

Uno dei fatti curiosi delle biblioteche è che l'opera più spesso rubata senza permesso, per non essere restituita, è il famoso Guinness dei primati. Ciò che colpisce è che questo, di per sé, è diventato un record. Questa e altre sono le curiosità sul mondo delle biblioteche.
Le biblioteche e alcune curiosità sul mondo dei libri
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 10 gennaio, 2023

Le biblioteche sono luoghi magici e stimolanti. Dal punto di vista etimologico, quel nome è dato a tutti i luoghi dove si conservano i libri. La verità è che molti di questi stabilimenti conservano anche immagini, musica e persino giocattoli e semi.

Si ritiene che le biblioteche siano nate praticamente contemporaneamente alla scrittura, il che le rende vecchie di circa 4.000 anni. A volte lavorano in edifici formali, ma ci sono anche su navi e su cavalli, asini o cammelli. La più grande biblioteca galleggiante del mondo viaggia sulla Queen Mary e contiene 6.000 opere.

Il primo bibliotecario della storia fu un monaco di nome Anastasio. Fu incaricato di organizzare l’archivio della chiesa di Roma, nel IX secolo. Visto che il suo lavoro era un mestiere ben differenziato dagli altri, decise di nominarsi bibliothecarius. Vediamo altre curiosità delle biblioteche.

Ho sempre immaginato che il paradiso fosse una specie di biblioteca ”.

-Jorge Luis Borges-

Biblioteca del Congresso di Washington. Credito editoriale: Sean Pavone / Shutterstock.com

Le biblioteche più antiche

Tutto sembra indicare che le biblioteche esistono da molto tempo. La prima prova dell’esistenza di questo tipo di stabilimento è stata trovata in Sumeria. Comprendono una serie di tavolette di argilla disposte consecutivamente. Hanno la scrittura cuneiforme, la più antica di tutte. Contengono, soprattutto, registrazioni di vendita e documenti commerciali.

Quanto al primo edificio costruito appositamente per ospitare libri, fu costruito a Ninive, nel settimo secolo prima della nostra era, in quello che oggi è l’Iraq. È conosciuta come la biblioteca di Assurbanipal. Ne rimangono solo poche tracce.

La biblioteca più antica di quante se ne conservano è quella di Qarawiyyin, in Marocco. Risale all’anno 859 e conserva manoscritti che risalgono a più di 12 secoli fa. All’epoca era uno dei più importanti del Mediterraneo.

La curiosità più sorprendente

La Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti è considerata la più grande del mondo. Contiene 164 milioni di pubblicazioni, in 450 lingue diverse. Sfortunatamente, solo i funzionari del governo possono vedere i lavori, sebbene la struttura sia aperta al pubblico.

Il secondo posto tra le più grandi biblioteche del mondo è occupato dalla British Library di Londra. Ospita 150 milioni di opere, tra cui libri, manoscritti, spartiti, riviste e mappe. In questo caso chiunque può fruire del materiale ivi immagazzinato.

Comunque, la madre di tutte le biblioteche è già in costruzione: la World Digital Library. Comprenderà tutte le opere che si trovano in altre biblioteche, inclusa la famosa Bibbia di Gutenberg. Chiunque può consultarlo.

Dal canto suo, la biblioteca del Monastero Reale di San Lorenzo de El Escorial è stata catalogata come la più bella del mondo. È anche conosciuta come l’Escurialense o la Laurentina. Risale al 1556 e contiene un’ampia raccolta di testi, in particolare del XIV e XV secolo, in latino, arabo, ebraico, provenzale e altre lingue.

Biblioteca del Monastero dell'Escorial
Biblioteca Reale del Monastero di El Escorial. Credito editoriale: John_Silver / Shutterstock.com

Le biblioteche e le guerre

Purtroppo diverse biblioteche sono finite vittime di una guerra. La più famosa è la leggendaria Biblioteca di Alessandria, che divenne il principale centro di diffusione del sapere antico. Sfortunatamente, Giulio Cesare provocò un incendio durante una battaglia e raggiunse quel centro di conoscenza.

Il sito non è andato completamente distrutto, ma in seguito ha subito un nuovo attacco. Celebre è l’aneddoto del califfo Omar, che nel VII secolo pronunciò la sua lapidaria sentenza: “se non contiene altro che ciò che c’è nel Corano, è inutile, e va bruciato; se contiene qualcos’altro, è cattivo, e deve anche essere bruciato”. Si ritiene che un totale di 40.000 opere siano state distrutte, privando l’umanità di una grande eredità.

Un’altra delle famose distruzioni fu quella avvenuta nel 1562 per mano di Fray Diego de Landa nello Yucatan (Messico). L’obiettivo di questo religioso era di evangelizzare i Maya. Poiché avevano una cultura consolidata, si rifiutavano di rinunciare alle loro convinzioni. Questo fece decidere al frate di bruciare 40 codici Maya, veri gioielli della conoscenza precolombiana.

Nel 1992 la Biblioteca Nazionale di Sarajevo è stata bombardata dalle truppe serbo-bosniache. Allo stesso modo, nel 2003 più di un milione di opere della Biblioteca Nazionale dell’Iraq sono state bruciate, durante l’invasione degli Stati Uniti. Qui erano conservate molte delle più antiche opere dell’uomo, dal valore incalcolabile.

Credito editoriale dell’immagine principale: GTS Productions/Shutterstock.com


  • Barbier, F. (2015). Historia de las bibliotecas: de Alejandría a las bibliotecas virtuales. Ediciones Ampersand.
  • Olivo, S. (2005). La fascinante vida de Anastasio el Bibliotecario.
  • Torres, E. T. (2007). El descriframiento de la escritura cuneiforme: un hito que culminó hace 150 años. Isimu10.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.