Dipendenza dal sesso: come intervenire?

Le persone con disturbo del comportamento sessuale compulsivo soffrono molto, al punto che il sesso perde la natura piacevole che ha per la maggior parte di noi.
Dipendenza dal sesso: come intervenire?

Ultimo aggiornamento: 29 novembre, 2022

La gamma delle dipendenze è molto più ampia di quella che normalmente consideriamo. Come è possibile? Attualmente si ritiene che un comportamento possa creare dipendenza quando soddisfa una serie di requisiti, come ad esempio che si verifichi con una certa frequenza, con un certo livello di intensità, se vi si investono molto denaro e tempo, o se interferisce pesantemente con le relazioni familiari, sociali e lavorative della persona. Nel caso che affrontiamo oggi, parleremo della dipendenza dal sesso e di come intervenire.

Nel 2018, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha fatto un ulteriore passo avanti e ha classificato la dipendenza dal sesso sotto l’etichetta di disturbo del comportamento sessuale compulsivo. Prima di procedere a spiegare come intervenire nella dipendenza dal sesso, spiegheremo in cosa consiste questo disturbo.

Donna che afferra il foglio
Quando un comportamento come il sesso diventa un bisogno irresistibile, c’è un problema di dipendenza.

Disturbo da comportamento sessuale compulsivo (CSD)

Cosa fate quando avete sete? Immaginate di avere sete e di non poter bere per 24 ore. Ora, immaginate di avere sete da ore e che qualcuno vi metta davanti un bicchiere d’acqua. Ecco come si sentono le persone con TCSC. Questi pazienti presentano impulsi sessuali molto intensi e ripetuti ; una situazione che dura sei mesi o più.

La vita ruota attorno a ripetute attività sessuali. Nonostante ciò, le persone con TCSC tentano in numerose occasioni di resistere ai loro impulsi, ma non ci riescono.

Di conseguenza, la soddisfazione che traggono dalle loro attività sessuali è piuttosto bassa o inesistente.

TCSC è un’entità clinica che si verifica più frequentemente nei maschi e colpisce l’1-6% della popolazione.

Sebbene sia un’entità clinica di nuova creazione e richieda ulteriori indagini, è stata associata a disturbi come depressione, ansia, dipendenze e disturbi della personalità.

Secondo Vizcaíno (2011) le forme più frequenti di comportamento sessuale compulsivo sono la masturbazione (73%), la promiscuità prolungata (70%) e la dipendenza dalla pornografia (53%).

«Inoltre, le complicanze del disturbo possono comportare la presenza di malattie sessualmente trasmissibili, così come la presenza di gravidanze indesiderate».

-Vizcaino-

Come intervenire nella dipendenza dal sesso?

Hallberg ha proposto nel 2019 una terapia cognitivo-comportamentale per la dipendenza dal sesso. Tra i suoi componenti possiamo trovare:

  • Psicoeducazione su cosa consistono in terapia cognitivo-comportamentale e TCSC.
  • Psicoeducazione su eccessi e deficit comportamentali. Propone inoltre di considerare la possibilità di effettuare un’analisi funzionale del comportamento, ovvero determinare la funzione con cui si manifesta il comportamento ipersessuale.
  • Intervento motivazionale.
  • Dopo aver identificato i valori del paziente, si propone di iniziare l’attivazione comportamentale.
  • Psicoeducazione su come i pensieri e le convinzioni disfunzionali influenzano il comportamento.

Altri interventi

  • Discussione cognitiva ed esperimenti comportamentali tra le sessioni. Durante questo processo, al paziente vengono insegnate tecniche di problem solving.
  • Attivazione comportamentale interpersonale, che consiste nella formazione delle abilità per essere più assertivi, gestire i conflitti in modo più sano e impegnarsi per obiettivi interpersonali.

Trattamento della dipendenza dal sesso

Infine, è opportuno fare un riassunto del trattamento. Vengono applicate contemporaneamente la progettazione e l’attuazione del programma di mantenimento dei risultati, per prevenire le ricadute nel comportamento sessuale di dipendenza.

Il trattamento di Hallberg è organizzato in 7 sedute settimanali della durata di 150 minuti ei risultati hanno rispecchiato una riduzione dei punteggi di ipersessualità nei pazienti.

Produce anche miglioramenti nei sintomi della depressione e gli indicatori di soddisfazione da parte dei pazienti erano alti. I cambiamenti prodotti da questo trattamento permangono per mesi.

“Non è il sesso che ci dà piacere, ma l’amante.”

-Piercy-

Paziente in terapia psicologica
La terapia cognitivo comportamentale è la più utilizzata per la dipendenza dal sesso.

Altri trattamenti

Pochi interventi vengono creati specificamente per affrontare il comportamento ipersessuale. Tuttavia, è possibile citarne due.

Il trattamento ESTEEM ( Effective Skills to Empower Effective Men ) consiste in un intervento svolto in 10 sedute che avranno luogo nell’arco di 12 settimane. I risultati indicano miglioramenti in tutte le variabili cliniche studiate, di cui vale la pena evidenziare la riduzione del comportamento ipersessuale.

Il MAT è un intervento basato sulla meditazione. In inglese, si chiama Meditation Awareness Training e i suoi autori, Gordon, Shonin e Griffiths, hanno convenuto che la meditazione potrebbe essere utile per le persone con comportamenti ipersessuali.

Nel loro studio, hanno somministrato questa modalità terapeutica a un uomo di 30 anni. I risultati hanno riportato un notevole miglioramento del comportamento sessuale, nonché una riduzione del tempo trascorso consumando materiale pornografico su Internet e spendendo per incontri sessuali.

È stato anche studiato quali farmaci potrebbero essere efficaci. Di tutti, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono i farmaci più utilizzati, sia in monoterapia (trattamento singolo) che in combinazione con topiramato, naltrexone o lamotrigina.

Potrebbe interessarti ...
Il problema della dipendenza dal sesso
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il problema della dipendenza dal sesso

La dipendenza dal sesso, o satiriasi, in psicologia è considerata un disturbo della personalità, ovvero una patologia. Ne parliamo a seguire



  • Pedrero, F. E. (2020). Manual de Tratamientos Psicológicos. Pirámide.
  • Vizcaíno, E. V., Alfaro, G. P., & Valladolid, G. R. (2011). Adicciones sin sustancia: juego patológico, adicción a nuevas tecnologías, adicción al sexo. Medicine-Programa de Formación Médica Continuada Acreditado, 10(86), 5810-5816.
  • Sánchez Zaldívar, S., & Iruarrizaga Díez, I. (2009). Nuevas dimensiones, nuevas adicciones: la adicción al sexo en internet. Psychosocial Intervention, 18(3), 255-268.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.