Disforia di genere e teoria queer: uno sguardo psicologico oltre

La disforia di genere colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Sai in cosa consiste e qual è il ruolo della psicologia? Te lo diciamo subito.
Disforia di genere e teoria queer: uno sguardo psicologico oltre
Gorka Jiménez Pajares

Scritto e verificato lo psicologo Gorka Jiménez Pajares.

Ultimo aggiornamento: 02 aprile, 2023

L’entità che va sotto il termine “disforia di genere” è attualmente in discussione. Alcuni autori affermano che, oltre ad essere studiata da una prospettiva scientifica, sia influenzata dalla “teoria queer”. Di conseguenza, ci sono notevoli progressi nella loro comprensione.

Siamo consapevoli delle polemiche che può sollevare parlare di disforia di genere e teoria queer. Per questo motivo, in questo articolo li analizzeremo secondo gli ultimi progressi forniti dall’American Psychiatric Association nella quinta edizione del suo Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (di seguito, DSM-5-TR., 2022).

“La prudenza è la chiave di tutte le virtù.”

-Platone-

Differenziare i termini secondo l’American Psychiatric Association

Prima di procedere, vale la pena definire i diversi termini come fa il DSM-5-TR (APA, 2022). In questo senso, quando si usa il termine “sesso”, si fa riferimento all'”indicatore biologico” che indica se la persona è nata con genitali maschili o femminili. Quando invece si usa la parola «genere», si fa riferimento al ruolo che il soggetto assume, cioè a come viene percepito: uomo o donna.

Allo stesso modo, il genere viene assegnato quando il soggetto nasce. In altre parole, se la persona viene al mondo con un sesso biologico femminile, le viene assegnato un genere femminile. Nonostante quanto sopra, può capitare che il genere sia “atipico” (APA, 2023).

In altre parole, ci sono persone che, pur avendo un sesso specifico, si percepiscono e si descrivono come del genere opposto. Di fronte a questa situazione può manifestarsi quella che è nota come “disforia di genere”, relativa al disagio, alla sofferenza e all’angoscia che la persona prova come conseguenza dell’incoerenza tra il genere assegnato alla nascita e il genere con cui ci si identifica.

“Alcuni adulti e adolescenti possono avere un forte desiderio di essere di un genere diverso ed essere trattati come tali, e possono avere la certezza interiore di sentirsi e rispondere come il loro genere esperto”.

-American Psychiatric Association-

Persona truccata con colori che alludono alla comunità LGBTQ+
La disforia di genere deriva dall’incoerenza tra il genere assegnato alla nascita e quello con cui ogni persona si identifica.

Cos’è la disforia di genere?

Sebbene per l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sia ben lungi dall’essere considerata una condizione clinica, per l’American Psychiatric Association continua ad esserlo (APA, 2022). Lo definisce come una profonda discrepanza tra il genere assegnato alla nascita e quello con cui si esprime. Almeno, il disagio derivante da questa discrepanza dovrebbe durare 6 mesi. Inoltre, per la diagnosi devono essere presenti altri sintomi (APA, 2o22):

  1. Desiderio di essere trattato in modo coerente e coerente con il genere con cui ci si identifica.
  2. Desiderare di possedere le caratteristiche sessuali del genere con cui ci si identifica.
  3. Nostalgia del fatto di poter eliminare le caratteristiche morfologiche del genere con cui si sente la discrepanza.
  4. Desiderare intensamente di appartenere a un altro genere o comportarsi ripetutamente con comportamenti tipici dell’altro genere.
  5. Avere una profonda convinzione che “mi sento, mi comporto e penso” in un modo coerente con il genere con cui ci identifichiamo.

Pertanto, è comune sia per gli adolescenti, sia per gli adulti, scegliere di comportarsi e vestirsi in base al genere con cui si autopercepiscono. Inoltre, se il loro ambiente, i loro amici e la famiglia li accettano così come sono e possono esprimersi liberamente, il disagio che provano a causa del frequente rifiuto sociale tende a diminuire (Rabito-Alcón et al., 2016).

“Casi di disforia di genere sono stati segnalati in una moltitudine di paesi e contesti culturali in tutto il mondo”.

-American Psychiatric Association-

Le lettere di legno formano la parola queer
Per alcuni studiosi della materia, sarebbe appropriato avvicinarsi alla disforia di genere dalla scienza invece che dalla teoria queer.

Oltre la teoria queer: una questione controversa

Il famoso psicologo spagnolo Marino Pérez Álvarez ha recentemente pubblicato un’analisi sull’impatto che la teoria queer avrebbe sull’immaginario collettivo su questa entità clinica. Afferma che la psicologia è in grado di fornire conoscenze scientifiche su questo tema, a differenza della teoria queer (Pérez-Álvarez et al., 2022).

Ad esempio, grazie alla ricerca psicologica, sappiamo che una moltitudine di fattori è coinvolta nella formazione dell’identità, comprese le determinanti sociali e culturali. Allo stesso modo, sappiamo come si formano e si originano i sentimenti, così come possiamo capire come sono influenzati dal contesto sociale in cui la persona si sviluppa.

Quindi, Pérez-Álvarez propone che, invece di affrontare la disforia di genere da una prospettiva queer, dovrebbe essere esaminata sotto lo sguardo della scienza

. Uno sguardo che, oltre ad essere oggettivo, è straordinariamente empatico; poiché, come ricorda l’autore, l’obiettivo è “vedere il modo migliore per offrire l’aiuto corrispondente”.

Come accennato all’inizio dell’articolo, questo può rivelarsi un argomento controverso. Per questo abbiamo voluto analizzare il punto di vista dell’American Psychiatric Association, che, insieme all’OMS, sono le organizzazioni scientifiche di riferimento per i professionisti della salute mentale di tutto il mondo.

“Trattare le persone come pari non significa trattarle allo stesso modo, ma tenere conto delle loro esigenze uniche in modo che abbiano le stesse opportunità per raggiungere una vita il più piena possibile”.

-Marino Pérez-Álvarez-


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Bolden, B. (2022). DSM-5-TR 2023 (Spanish Edition).
  • Pérez-Álvarez, M., Errasti, J. La psicología ante la disforia de género, mas allá de la ideología queer. Papeles del psicólogo (2022). https://doi.org/10.23923/pap.psicol.3001
  • Rabito Alcón, M. F., & Molina, J. M. R. (2016). Satisfacción con la vida y bienestar psicológico en personas con disforia de género. Actas Españolas de Psiquiatría, 44(2), 47-54.

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.