Divorzi grigi: come ricominciare

Molti la vedono come una liberazione. Tuttavia, i divorzi tra persone che hanno superato i 50 anni non sono sempre così positivi. Dietro questo fenomeno in forte espansione si nascondono controversie economiche e grandi sfide emotive.
Divorzi grigi: come ricominciare

Ultimo aggiornamento: 15 giugno, 2022

I dati statistici ci dicono che i cosiddetti divorzi grigi, ovvero tra le coppie con oltre 50 anni di età, sono aumentati in diversi Paesi. Quando si affronta la rottura di una relazione dopo 20, 30 o addirittura 40 anni, le sfide sono innumerevoli.

Iniziare la vita dopo un “divorzio grigio” non è facile, tanto che molte persone si sentono perse. È vero che c’è chi lo vive come una nuova opportunità o una seconda giovinezza.

Anche come una meritata opportunità per un’esistenza più felice e rinfrescante, ricca di obiettivi pieni di speranza. È altrettanto vero che nulla è necessario come porre fine a una relazione che, lungi dal donare soddisfazione, causa infelicità e difficoltà.

Ma tutto si complica quando due persone hanno condiviso spazi abitativi per decenni, hanno costruito insieme una grande infrastruttura familiare, emotiva, materiale e persino economica.

Dividere quell’eredità in due, come tagliare un foglio di carta a metà, non è facile. Quasi sempre sorgono difficoltà nella distribuzione dei beni, bisogna gestire il lutto per la rottura e ridefinire anche il senso stesso della vita.

Molte persone tra i 50 e i 60 anni non sanno come affrontare le emozioni legate al divorzio e all’inizio di una nuova vita da sole.

Uomo anziano che pensa a come iniziare la vita dopo divorzi grigi.
I divorzi grigi richiedono alla persona di ricominciare, ma anche integrare l’intera vita condivisa con l’ex compagno.

Divorzi grigi e strategie per ricominciare

L’amore a volte si spegne, rompe o usura. Comunque sia, c’è chi, invece di porre fine al legame, lo prolunga per decenni. È comune tra le coppie ultrasessantenni che sono state educate all’idea che il matrimonio è per sempre. E in queste condizioni, l’unico sentimento eterno è la sofferenza.

Per fortuna, in buona parte questa percezione è stata superata. Il divorzio non è più visto come uno stigma, ma come un’azione frequente e più che consolidata nella nostra società.

Se a ciò aggiungiamo il fatto che una parte importante delle donne tra i 50 ei 60 anni è economicamente indipendente, comprendiamo meglio il motivo dell’aumento delle rotture in questa fascia della popolazione.

La vera sfida è come iniziare la vita dopo i divorzi grigi. Questo fenomeno non dipende da fattori come il nido vuoto, la crisi di mezza età o la vicinanza della pensione Al contrario, si tratta di persone che non amano più i loro coniugi e che vogliono ricominciare la vita da sole. Gestire quanto segue a quel passo coraggioso non è facile.

La necessità del sostegno

Una ricerca pubblicata su The Journals of Gerontology indica due aspetti interessanti. Il primo è che la cosiddetta rivoluzione dei divorzi grigi risale al 1990. Da allora, tra le coppie over 50 si registra una percentuale di divorzio pari a 1 coppia su 4. 

Il secondo aspetto è che non conosciamo esattamente gli elementi che predicono questo fenomeno né le conseguenze. Sappiamo, però, che non è un processo semplice e che per le sue caratteristiche è molto diverso dai divorzi in età più giovane.

In questi casi, dunque, si rivela indispensabile il sostegno del proprio ambiente. Avere amici con cui parlare, un gruppo sociale che funge da alleato quotidiano è il segreto per ricominciare dopo i divorzi grigi. Allo stesso modo, è positivo ricevere la comprensione e il sostegno degli altri membri della famiglia.

Affrontare un divorzio grigio implica dover abbandonare il rapporto con la famiglia allargata dell’ex, le amicizie comuni, rinunciare a certi sogni e riformulare l’intera eredità di ricordi ed esperienze in comune.

Riformulare la storia della vita per orientarla al futuro

La coppia con 55 o 60 anni che decide di divorziare potrebbe aver convissuto per 20, 30 o più anni. È vero che ogni caso è unico e che, sebbene ci siano relazioni che sono andate male dall’inizio, altre hanno subito un declino nell’ultima fase. Ciò implica nella maggior parte dei casi dover riformulare la vita quasi da zero.

C’è chi rimpiange quanto vissuto e il “perché non l’ho fatto prima”. Altri soffrono per la separazione con un compagno di vita che ancora amano e che, a causa di varie circostanze (tradimenti, disaccordi, ecc.), si è costretti a lasciare. Ci sarà, infine, chi fugge da una lunga relazione fatta da abusi e chi mette fine alla relazione di comune accordo perché non si prova più amore.

In tutte queste circostanze, l’ultima cosa che dovremmo fare è cercare di cancellare la storia. Gli anni condivisi esistono e fanno parte della nostra storia. Fanno parte di chi siamo.

Bisogna accettare il passato per concentrarsi sul futuro e ciò richiede superare il lutto della rottura. Dopodiché, si chiariranno nuovi obiettivi e scopi.

La questione economica, fonte di ansia

Iniziare la vita dopo i divorzi grigi risulta vertiginoso in molti casi. Ciò si verifica soprattutto quando uno dei due dipendeva economicamente dall’altro. È il caso di quelle donne che hanno dedicato la propria vita alla cura e all’attenzione dei propri figli.

In altre situazioni, la coppia dovrà affrontare la divisione di un patrimonio in cui non sempre sono esenti problemi e contenziosi. Si tratta di esperienze che provocano grande ansia e che possono, in alcuni casi, creare astio tra altri membri della famiglia.

Madre e figlia.
La comunicazione e l’empatia tra genitori e figli è decisiva per far fronte agli effetti del divorzio grigi.

Conseguenze dei divorzi grigi sui figli adulti

La maggior parte dei genitori tra i 55 e i 60 anni ritiene che i propri figli non avvertiranno l’impatto del divorzio in quanto ormai adulti. La verità, tuttavia, è che molti adulti affrontano questa situazione in silenzio senza accettarla, capirla e affrontarla. Provano contraddizione, stranezza, delusione e tristezza.

Conviene, pertanto, parlare con i figli adulti e spiegare loro che ogni emozione che provano è valida. Bisogna aprire i canali di comunicazione e non rimanere con l’idea che, poiché adulti, la nuova realtà familiare non li intacchi eccessivamente. Perché non è così.

Ovviamente il loro permesso non sarà necessario per procedere alla separazione. Tuttavia, il sostegno reciproco tra genitori e figli, oltre ad avvalersi di un dialogo empatico e sincero, servirà da cuscinetto per una situazione che non è comoda né facile per nessuno.

Potrebbe interessarti ...
Amore maturo: quando il primo amore non arriva nel giusto ordine
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Amore maturo: quando il primo amore non arriva nel giusto ordine

A volte il primo amore non arriva sempre nel giusto ordine. L'amore maturo ci permette di scoprire persone magiche ed essere noi stessi



  • Brown, S. & Lin, I. (2012). The Gray Divorce Revolution: Rising Divorce Among Middle-Aged and Older Adults, 1990–2010. J Gerontol B Psychol Sci Soc Sci, 67(6): 731–741.
  • Campbell, M. “Divorce at Mid-Life: Intergenerational Issues.” Journal of Divorce & Remarriage 23, no. 1–2 (1995): 200, doi:10.1300/J087v23n01_12.
  • Ehrlich, J. Divorce and Loss: Helping Adults and Children Mourn When a Marriage Comes Apart. (New York: Rowman & Littlefield, 2018), 74.
  • Taylor, J. B. My Stroke of Insight: A Brian Scientist’s Personal Journey. (New York: Penguin Books, 2006)