Imparare a stare da soli dopo una rottura

Quando una relazione finisce, prendersi del tempo per stare da soli può aiutare a soffrire, guarire e ricominciare. Scoprite come sfruttare e godersi questa fase.
Imparare a stare da soli dopo una rottura

Ultimo aggiornamento: 01 febbraio, 2022

Avere una relazione offre molti vantaggi a livello personale e sociale. Di norma, ci sentiamo amati e sostenuti da qualcuno. Sentiamo che parenti e conoscenti ci accettano perché abbiamo una relazione. Non sorprende, quindi, che molte persone abbiano paura di essere single. Tuttavia, imparare a stare da soli è essenziale.

Nessuno può assicurarci la continuità delle nostre relazioni, e quando queste finiscono, possiamo sentire un vuoto, che abbiamo perso il nostro valore, la nostra identità ei nostri progetti.

Tuttavia, imparare a convivere con la solitudine è necessario per guarire e crescere; soprattutto, perché la scelta del prossimo partner deve essere una decisione e non una necessità.

Imparare a stare da soli dopo una rottura

Se sentite che stare soli è un’esperienza spaventosa, sinonimo di fallimento o mancanza, state vivendo sensazioni molto comuni. Molte persone mantengono relazioni infelici e malsane per paura della solitudine; per lo stesso motivo, altre passano da una relazione all’altra.

Se la vostra relazione è finita e siete determinati a concedervi un po’ di tempo, a investire su voi stessi, vi daremo degli spunti per sfruttare questa fase.

Capire l’importanza della solitudine

Questo primo passo è essenziale. Bisogna essere chiari sul perché vale la pena concedersi del tempo in solitudine perché, altrimenti, alla prima paura o battuta d’arresto si cercherà fuori per quello che dovrebbe venire da dentro.

Stare soli permette di scoprire se stessi, conoscersi e migliorare il rapporto con sé. Permette di investire su se stessi, la dedizione e l’energia date all’ex partner e, soprattutto, aiuta a crescere.

Rafforza l’amor proprio

Quando una relazione finisce, perdiamo la nostra principale fonte di amore, supporto, comprensione e convalida. Perciò, e affinché il vuoto non ci travolga, dobbiamo imparare a riempirlo da soli. Se facciamo fatica a stare da soli, probabilmente non abbiamo una forte autostima, forse non ci consideriamo preziosi né degli.

È il momento ideale per iniziare a parlarsi e trattarsi con amore, accompagnarsi con compassione e rispetto. Pensiamo a tutto quello che siamo stati in grado di fare per la persona che amavamo e ora facciamolo con noi stessi.

Definire nuovi progetti

Senza volerlo, e spesso senza accorgercene, quando siamo in una relazione finiamo per mettere da parte i nostri interessi, hobby e progetti personali. La nostra attenzione e il nostro impegno sono concentrati sul partner e quasi dimentichiamo chi siamo.

Dopo la rottura, possiamo riprendere le attività che tanto ci piacevano e che avevamo abbandonato, possiamo recuperare i sogni, i progetti e l’entusiasmo che avevamo come individui. Può anche essere un ottimo momento per definire nuovi piani e obiettivi per il futuro.

Lavorare sulle paure per imparare a stare da soli

Per imparare a stare da soli, questa è una condizione essenziale: bisogna riconoscere le paure e lavorare su di esse affinché non dominino.

La società è fatta per le coppie e questo stato civile viene premiato e rafforzato esternamente. Questo ci porta a pensare che essendo single siamo incompleti.

Così può apparire la paura del rifiuto, della vergogna, che gli altri pensino che non siamo validi. D’altra parte, si possono aggiungere altre paure, come la paura di non godersi più una relazione.

Se non riesci a razionalizzare questi pensieri, potresti convivere con una preoccupazione così grande che ti porta a tornare con il tuo ex partner o a legare con la prima persona con cui pensi sia fattibile. Ciò causerà solo disagio a lungo termine; quindi lavora sulle tue paure e manterrai buona parte della tua libertà.

Prendersi cura di se stessi per imparare a stare soli

Durante le prime settimane o mesi dopo la rottura, la mente potrebbe pensare costantemente al partner, ai momenti condivisi, a ciò che non sarà mai. Raccogliersi attorno a questi pensieri può essere molto doloroso e dannoso e la migliore strategia per evitarlo è prendersi cura di sé stessi.

Inizia a prendersi cura di sé fisicamente, mentalmente e spiritualmente. Possiamo iniziare ad allenarci, migliorare la dieta o curare la pelle; meditare, scrivere un diario terapeutico o trascorrere il tempo con persone care che fanno stare bene.

Rendere la vita un’esperienza straordinaria

Tutto è temporaneo e amerai di nuovo. Concedersi il tempo per guarire consente di ricominciare in modo più sano, più autentico e più libero. Tuttavia, la vita non dovrebbe essere messa in pausa finché non appare la persona che toccherà di nuovo il tuo cuore.

Al contrario, questo periodo è l’ideale per concentrarti sulla costruzione di una vita così ricca, interessante e prospera che chiunque vi entri avrà lo scopo di condividere e aggiungere, non di riempire vuoti.

Bisogna dunque concentrarsi su obiettivi, carriera professionale, salute e benessere, sulla felicità. Quando questa fase sarà finita, la si ricorderà come un meraviglioso punto di svolta, come l’impulso che ha portato a diventare una persona più forte e più felice. Imparare a stare da soli è una risorsa preziosa.

Potrebbe interessarti ...
Persone solitarie e amore: sono compatibili?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Persone solitarie e amore: sono compatibili?

Persone solitarie e amore è un connubio possibile? Spesso riteniamo queste persone fuori contesto, nulla di più lontano dalla realtà.



  • de la Parra García, J. (2006). Mediación y ruptura de pareja: duelo y oportunidad. Estudios sobre mediación: la ley de mediación familiar de Castilla y León, 125.
  • Montoya, C. V. (2008). La soLtería en mujeres de medIana edad. Reflexiones87(1), 99-111.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.