Domande che fanno male

Ci sono domande scomode che dovremmo porci per conoscerci meglio. Possono svelare aspetti di noi che abbiamo trascurato.
Domande che fanno male

Ultimo aggiornamento: 14 agosto, 2022

Ci sono domande che fanno male, che preferiamo evitare perché mettono in discussione parte di noi. Abbiamo tutti punti sensibili che non vogliamo che nessuno tocchi, figurarsi che scoprano.

È come se venisse rimossa l’armatura che ci permette di essere forti e anche funzionali davanti agli altri. Tuttavia, dietro questo scudo si nasconde un Sé fragile e vulnerabile.

Tuttavia, è salutare fare luce sugli spazi che lasciamo nell’ombra psicologica. Prendere coscienza di paure, insicurezze, nodi emotivi e pregiudizi si rivela estremamente utili. Sono inviti all’introspezione, a quel processo di riflessione informale basilare per sanificare alcune aree interne.

Sebbene possa sembrare curioso, questo esercizio era già stato proposto da Wilhelm Wundt, considerato il padre della psicologia scientifica.

Porsi domande e praticare l’introspezione rende più facile approfondire dimensioni come pensieri, emozioni e immagini mentali che modellano le nostre narrazioni. Perché non iniziare oggi? Queste semplici domande possono esserci utili.

Praticare il dialogo interiore e porsi domande difficili di tanto in tanto consente di diventare più consapevoli di sé in un mondo in continua evoluzione.

Ragazzo annoiato sul divano.
Porsi domande permette di conoscere meglio se stessi.

Domande che fanno male, ma che dobbiamo fare

Riflettere su noi stessi e su quello che ci circonda è una pratica salutare. Tuttavia, è importante farlo bene.

Timothy D. Wilson, psicologo sociale dell’Università della Virginia ed esperto in mente inconscia, conoscenza di sé e processo decisionale rivela che conoscere se stessi non è possibile solo ponendosi domande dolorose o viaggiando da soli.

Non siamo solo quello che pensiamo, siamo anche quello che facciamo. Pertanto, è anche importante chiedere ad amici, familiari e partner come ci vedono. È possibile che altri ci rivelino aspetti di cui non sempre siamo consapevoli.

Suggeriamo, tuttavia, di intraprendere questo viaggio di auto-conoscenza e rivelazione ponendovi una serie di domande. Non è un esercizio di intelligenza con carta e matita, è un compito di riflessione, dunque prendetevi del tempo per rispondere.

1. Cosa non faccio per paura?

Le paure sono filo spinato per il benessere e la realizzazione personale. Se è vero che spesso fungono da meccanismo di sopravvivenza necessario, ci sono momenti in cui diamo potere a paure chiaramente irrazionali.

L’unico modo per disattivarle e sentirsi liberi di crescere e raggiungere gli obiettivi è esserne consapevoli.

2. Cosa è più importante per me che gli altri mi amino/ammirino o che io mi ami?

La maggior parte di noi risponderà “Beh, entrambi!”. È vero, felicità e soddisfazione risiedono, in parti uguali, nel ricevere affetto dagli altri e in buoni livelli di autostima. Il problema è che a volte ci concentriamo più su un’area.

Non è salutare dipendere dall’ammirazione e dall’affetto degli altri per sentirsi bene. Né amarsi troppo finendo per trascurare gli altri.

3. Domande che fanno male: il mio “Io pubblico” e il mio “Io privato” coincidono?

Una delle domande che fanno male, ma che dovremmo porci tutti. Ci comportiamo allo stesso modo in pubblico come in privato? Siamo camaleonti sociali che cercano sempre di mimetizzarsi con gli altri per sentirsi integrati?

Teniamolo a mente, sforzarci di essere diversi nel tentativo di compiacere e sentirci accettati causa solo sofferenza.

4. Mi sforzo di soddisfare le aspettative altrui?

Non fa mai male riflettere sugli sforzi presenti, su obiettivi e attività a cui dedichiamo il nostro tempo. Quali obiettivi che speriamo di raggiungere ci soddisfano ed emozionano davvero? O sono forse aspettative degli altri che ci costringiamo a soddisfare per compiacere gli altri?

5. Sto idealizzando qualcuno?

Tendiamo a idealizzare quando siamo innamorati e anche quando ammiriamo estremamente qualcuno. Attribuire tratti positivi a una persona solo perché ci piace o ne siamo attratti è molto comune. In questi casi è importante esserne consapevoli e adottare una prospettiva più obiettiva.

6. Mi tratto male?

Potremmo adottare diversi comportamenti autolesionistici di cui non ci accorgiamo. Un esempio di ciò è l’impotenza, pensare ostinatamente che qualunque cosa si faccia sarà inutile (non troverò un lavoro, non sarò in grado di uscire da questa relazione dannosa, ecc.).

Non dovremmo trascurare neanche i comportamenti alimentari, l’abuso di alcol, l’eccessiva dipendenza dal cellulare, ecc. Accettare di avere abitudini malsane è una priorità.

7. Domande che fanno male: c’è qualcuno che non mi apprezza, ma non lo allontano?

Amici, parenti e anche partner… Nella nostra vita possiamo avere una o più persone che non ci apprezzano come meritiamo. Forse è giunto il momento di prendere una decisione in merito.

8. Ho traumi da affrontare?

La società in cui viviamo ci induce a includere nel nostro bagaglio emotivo più di un evento doloroso senza risolverlo. Un esempio è un’infanzia segnata da abusi o mancanza di affetto. Il bullismo scolastico o le molestie sul posto di lavoro sono dimensioni ugualmente rilevanti.

La donna pensosa non sa cosa comprare per cena.
È necessario pensare agli aspetti del nostro passato che non abbiamo superato.

9. Mi amo e mi rispetto come merito?

Godiamo dei giusti livelli di autostima e amor proprio? È importante ricordare che queste dimensioni non sono stabili nel tempo. Si indeboliscono, oscillano a causa di esperienze complicate. Riflettiamo su come ci sentiamo, su quale opinione abbiamo di noi stessi.

10. Domande che fanno male: so portare avanti una relazione?

Molte volte facciamo nostri certi schemi disfunzionali appresi dalla famiglia d’origine. In altri casi si acquisiscono miti come l’amore romantico che provoca solo sofferenza e incomprensioni.

Le relazioni richiedono attenzione quotidiana, rispetto, una sana comunicazione e l’ingrediente più importante di tutti: la fiducia.

11. Do agli altri la colpa dei miei errori?

Non tutti approfondiranno questa domanda. Perché è scomodo, non è facile né sempre ben compreso. Spesso tendiamo a incolpare la famiglia e la società per quello che ci accade.

Può darsi che la nostra bassa autostima e i traumi siano all’origine di una famiglia disfunzionale. Può anche essere che la nostra attuale disoccupazione sia dovuta alla crisi economica.

Tuttavia, indipendentemente da quello che ci è successo, è nostra responsabilità (e solo nostra) agire agli eventi che si verificano.

12. Domande che fanno male: sto facendo in modo di avverare i miei sogni o spero nella fortuna?

Alcune persone sperano che il destino porti alle loro porte tutto ciò che vogliono e desiderano. Dimenticano che il raggiungimento degli obiettivi richiede sforzi quotidiani, motivazione, tenacia e pianificazione.

13. Gestisco le mie emozioni o mi lascio trasportare da esse?

Non possiamo concludere la nostra lista di domande che fanno male senza scavare nelle emozioni. Un’altra area spesso trascurata, che non sempre rafforziamo come dovremmo.

Come gestiamo le emozioni a valenza negativa? Ci lasciamo travolgere dalla rabbia o dalla tristezza oppure siamo capaci di regolarle? Farlo in modo efficace è garanzia di benessere.

Conclusioni

Non fa mai male intrattenere una conversazione con noi stessi e approfondire gli aspetti presentati in questo articolo. Ciò può aiutarci a rilevare aree che richiedono la nostra attenzione.

Potrebbe interessarti ...
La difficoltà di conoscere se stessi
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La difficoltà di conoscere se stessi

Per vivere in libertà, è necessario conoscere se stessi; quella parte che ci è così difficile osservare e che ci fa male quando viene notata dagli ...



  • Galperin, A. y Haselton, MG (2010). Predictores de la frecuencia y el momento en que las personas se enamoran. Psicología Evolutiva, 8 .