Il valore del presente, storia per riflettere

Questa storia sul valore del presente ci dice che a volte cerchiamo le risposte nella nostra mente, quando invece possiamo trovarle solo nelle nostre azioni quotidiane, usando il buon senso.
Il valore del presente, storia per riflettere

Ultimo aggiornamento: 16 agosto, 2021

Questa è una storia sul valore del presente scritta da Lev Tolstoj che abbiamo adattato per i nostri lettori. Ci racconta che in un lontano impero viveva un sovrano che voleva governare il suo popolo con giustizia e saggezza. Dato che era inesperto, ha ritenuto opportuno consultare i più saggi.

Ci pensò a lungo, finché pensò di aver trovato le tre domande che racchiudevano tutto ciò che era rilevante per i suoi compiti di governo. Questi erano:

  • Qual è il momento migliore per svolgere un’attività?
  • Chi è la persona fondamentale al lavoro?
  • Qual è la cosa più importante in ogni momento?

Ordinò immediatamente che fosse pubblicato un editto con le tre domande. Chiunque fosse stato in grado di rispondere a tutte e tre le domande avrebbe ricevuto una cospicua ricompensa.

“Il futuro ci tortura e il passato ci incatena. Ecco perché il presente ci sfugge”.

-Gustave Flaubert-

Le prime risposte alle domande

I servi del palazzo avevano molto lavoro da fare. Da ogni parte arrivavano persone che volevano rispondere alle tre domande e vincere la ricompensa. L’imperatore li ricevette e li congedò a uno a uno. Non era soddisfatto di quello che dicevano.

Alcuni gli hanno parlato dell’importanza di pianificare molto bene il proprio tempo. Altri hanno sottolineato l’importanza di formare una corte di studiosi per consigliarlo. C’era anche chi gli consigliava di circondarsi di maghi e indovini.

La storia del valore del presente racconta che uno dei servi del palazzo finalmente si avvicinò al sovrano. Gli disse che aveva sentito parlare di un eremita che viveva sulle montagne e che era considerato da molti il più saggio. Tuttavia, riceveva solo i poveri, ignorando i ricchi.

La visita all’eremita

L’imperatore si vestì da contadino e partì accompagnato dalla sua scorta. Poco prima di raggiungere la casa dell’eremita, chiese ai suoi uomini di aspettarlo nascosti tra i cespugli. Andò dall’eremita e vide che era molto vecchio. Nonostante ciò, stava lavorando la terra.

Non perdendo tempo lo salutò e fece subito le tre domande, ma il vecchio non rispose. Stava ancora facendo il suo duro lavoro, anche se sembrava molto stanco. L’imperatore provò compassione e gli offrì il suo aiuto, sebbene non ci fosse abituato.

Di notte, esausto, ripeté le domande al vecchio, ma questi taceva. All’improvviso, dai cespugli uscì un uomo che riusciva a malapena a tenersi in piedi e cadde accanto ai due. Aveva una ferita profonda nella pancia.

Quest storia sul valore del presente racconta che l’imperatore lo prese in braccio e lo portò nella capanna dell’eremita.

Il valore del presente e una grande sorpresa

L’eremita e l’imperatore si alternarono nella cura del ferito per tutta la notte. Riuscirono a fermare l’emorragia e poi il sovrano cadde esausto sul letto. Quando si svegliò, senza sapere perché, si sentì molto bene. Accanto a lui c’era l’uomo ferito, con le lacrime agli occhi.

Secondo la storia sul valore del presente, il ferito gli aveva fatto una confessione. In realtà era uno dei suoi più feroci nemici. Aveva saputo che l’imperatore sarebbe andato da solo a casa dell’eremita e si era nascosto per sorprenderlo e ucciderlo.

Tuttavia, i servi del sovrano lo avevano catturato e accoltellato. In fuga era arrivato fin lì. L’uomo pianse perché era stato proprio l’imperatore, il suo nemico, a salvargli la vita e gli promise eterna fedeltà.

Mano aperta che offre aiuto.

La morale della storia sul valore del presente

L’imperatore fu molto contento di quella riconciliazione che, in realtà, non aveva cercato. Perdonò l’uomo e promise di dargli un po’ di terra per sé e per la sua famiglia.

Pensava che l’eremita non avrebbe risposto alle sue domande, così iniziò a prepararsi per il ritorno. Tuttavia, quando stava per congedarsi, l’eremita disse: “Tutte le tue domande hanno avuto risposta”. L’imperatore era confuso.

Poi l’eremita gli spiegò. Alla domanda: “Qual è il momento migliore per fare qualcosa?”, l’imperatore aveva risposto con le sue azioni. “Il momento migliore per fare qualcosa è adesso, quando è necessario”. Alla domanda: “Chi è la persona fondamentale al lavoro?”, La risposta era: “Se stesso”.

E, infine, alla domanda: “Qual è la cosa più importante in ogni momento?” lo stesso imperatore aveva risposto con il suo comportamento: “Aiuta e rendi felici gli altri”. L’imperatore capì, tornò a palazzo, applicando con successo le risposte trovate.

Potrebbe interessarti ...
Proverbi maya per apprezzare il presente
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Proverbi maya per apprezzare il presente

Scoprite la saggezza millenaria della civiltà Maya attraverso questi 7 proverbi maya incredibilmente attuali. Scopriteli in questo articolo.



  • Mahler, P. (1996). El valor del presente histórico en narrativas infantiles; orales y escritas. Estudios de Lingüística Aplicada, (23).