Segnali di un disturbo alimentare: domande per individuarli

Riconoscere i segnali di un disturbo alimentare è fondamentale per aiutare chi ne soffre a prenderne coscienza e a cercare aiuto. Queste domande vi aiuteranno a capire se il problema è reale.
Segnali di un disturbo alimentare: domande per individuarli
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio, 2023

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) costituiscono un importante problema medico-psicologico. La loro incidenza negli ultimi tempi è aumentata e, tuttavia, sono molti i casi in cui il problema non viene rilevato in tempo. Trattandosi di patologie con tendenza alla cronicizzazione e ad alto rischio di morbilità e mortalità, è fondamentale intervenire il prima possibile. Pertanto, vogliamo mostrarvi alcune domande che possono aiutare a rilevare i segnali di un disturbo alimentare.

Questi tipi di condizioni colpiscono principalmente adolescenti e giovani adulti; tuttavia, sempre più casi vengono rilevati nelle persone anziane e nei bambini sotto i 12 anni. Inoltre, nonostante siano più frequenti nelle donne, gli uomini non ne sono esenti.

In generale, si calcola che circa il 6% della popolazione soffra di un disturbo alimentare e un numero molto più elevato sia a rischio di svilupparlo o presenti già comportamenti problematici. Per questo motivo, e sebbene la diagnosi possa essere fatta solo da un professionista, è opportuno che l’ambiente sia preparato per identificare i primi segni.

donna con metro in mano
Più di 70 milioni di persone soffrono di un disturbo alimentare (TCA).

Domande per rilevare i segnali di un disturbo alimentare

Prima di tutto, vale la pena ricordare che nell’ultima edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5) sono state apportate alcune modifiche per quanto riguarda i disturbi alimentari. Vengono così mantenute le diagnosi tradizionali, ma ne vengono incluse anche altre meno note. Principalmente, troviamo quanto segue:

  • Anoressia nervosa.
  • Bulimia nervosa.
  • Disturbo da alimentazione incontrollata.
  • Fame nervosa.
  • Ruminazione.
  • Disturbo di restrizione/evitamento dell’assunzione di cibo.
  • Sindrome da alimentazione notturna.
  • Così come altri disturbi alimentari che non soddisfano i criteri per nessuno dei precedenti.

Ciò significa che un disturbo alimentare non è una singola categoria, ma piuttosto un termine che accoglie una moltitudine di manifestazioni e problemi diversi. Ecco perché anche comportamenti che potremmo non associare a un disturbo alimentare possono essere un indizio.

Pertanto, ci sono alcune domande chiave da valutare che possono aiutarci a determinare se qualcosa sta realmente accadendo con la persona:

Segnali di un disturbo alimentare: cosa mangia

La scelta del cibo è una delle grandi indicazioni che possono avvisarci della presenza di vari disturbi alimentari. Per esempio:

  • Le persone con fame incontrollata mangiano gesso, sapone, ghiaccio e altre sostanze non commestibili e non nutritive.
  • Se l’assunzione si limita ad un’alimentazione scrupolosamente pulita e sana, biologica, naturale e priva di qualsiasi tipo di sostanza e lavorazione, potrebbe essere sottostante una forma di ortoressia.
  • Quando si evitano più alimenti o se ne assume solo una varietà molto limitata, si potrebbe parlare di un disturbo alimentare selettivo o restrittivo.
  • Le persone con anoressia generalmente optano per cibi a basso contenuto di grassi e calorie ed evitano a tutti i costi quelli che non soddisfano questi parametri.
  • Chi soffre di bulimia o disturbo da alimentazione incontrollata, invece, sceglie solitamente alimenti molto calorici e ricchi di zuccheri e grassi ; quei “cibi proibiti” che normalmente non sono consentiti per non ingrassare.

Quanto mangiamo

La quantità è un altro punto fondamentale da valutare, e bisogna sempre tenere conto del fabbisogno energetico di ogni persona (a seconda della sua età e costituzione) e della sua storia pregressa. In altre parole, non è solo la quantità particolarmente eccessiva o insufficiente di cibo che dovrebbe allertarci, ma il fatto che ci sia un improvviso cambiamento nell’assunzione.

Ad esempio, le persone con disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo mangiano molto poco e spesso adottano questo modello fin dall’infanzia. Chi soffre di anoressia, allo stesso modo, restringe e limita notevolmente le porzioni di cibo, in questo caso motivato dalla paura di ingrassare.

Al contrario, le persone con disturbo da alimentazione incontrollata tendono a mangiare quantità insolitamente elevate di cibo (soprattutto durante determinati periodi) e continuano a mangiare anche quando si sentono sazi. Nella bulimia, invece, si alternano periodi di restrizione alimentare ad altri di abbuffate e purghe.

Quando mangiamo: segnali di un disturbo alimentare

I due fattori precedenti sono i più sorprendenti e quelli a cui tendiamo a prestare attenzione quando cerchiamo segni di un disturbo alimentare; ma, osservare quando la persona mangia ci dà anche importanti indizi. La cosa logica e salutare sarebbe che la persona mangiasse quando si sentiva affamata, ma nei disturbi alimentari questo schema naturale è alterato.

Pertanto, la persona può mangiare quando ha emozioni traboccanti come ansia, paura, stress o delusione (e usare il cibo per regolare emotivamente). Oppure puoi mangiare solo quando ti è permesso, che può essere solo una o due volte al giorno.

Come mangiamo

Infine, dobbiamo guardare al contesto che accompagna il momento del pasto. Idealmente, una persona dovrebbe mangiare con calma, consapevolmente e con piacere. Per questo, quando la persona mangia con senso di colpa, angoscia e preoccupazione, dovremmo prenderlo come un segno importante. Soprattutto se, al contrario, quando hai lo stomaco vuoto, ti senti appagato e gratificato.

Allo stesso modo, se mangia avidamente e in modo incontrollabile, se tende a nascondersi o isolarsi per mangiare, o si sente in imbarazzo quando gli altri la vedono mangiare, dovremmo anche stare attenti.

donna che mangia di notte
Il digiuno prolungato e intenzionale, la fame emotiva o le abbuffate notturne possono essere segnali di allarme.

Agire ai primi segnali di un disturbo alimentare

Sfortunatamente, una grande percentuale di persone con disturbi alimentari non riceve una diagnosi o un aiuto adeguati. Ciò può essere dovuto a una mancanza di consapevolezza della propria malattia, forse a causa di diete normalizzate, digiuni o abbuffate e non sapendo che costituiscono un segno patologico.

Ma può anche accadere per paura o vergogna di esprimere ciò che sta accadendo loro o per rifiutarsi di accettare di aver bisogno di aiuto.

Per questo il supporto dell’ambiente è fondamentale per aiutare la persona a prendere coscienza e mettersi nelle mani di professionisti. Se rilevate uno dei suddetti segni di un disturbo alimentare in una persona a voi vicina, non esitate a parlarne con lei, a informarvi sul suo stato emotivo, sulla sua immagine di sé o sulle sue preoccupazioni. Infine, non esitate a accomandarle di cercare aiuto per sentirsi meglio.

Potrebbe interessarti ...
Personalità e disturbi alimentari
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Personalità e disturbi alimentari

Esiste una correlazione tra personalità e disturbi alimentari? Nell'articolo di oggi affronteremo questo argomento. Non perdetevelo!



  • Asociación TCA Aragón. (2020). Estadísticas sobre los TCA. Disponible en: https://www.tca-aragon.org/2020/06/01/estadisticas-sobre-los-tca/
  • Behar, R., & Arancibia, M. (2014). DSM-V y los trastornos de la conducta alimentaria. Revista Chilena de neuro-psiquiatría52(1), 22-33.
  • Losada, A.V., & Marmo, J. (2013) Herramientas de Evaluación En Trastornos de La Conducta Alimentaria. Madrid: Editorial Académica Española.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.