I due volti della felicità

· 18 settembre 2015

“La mia felicità sta nell’apprezzare quello che ho senza desiderare ardentemente ciò che non ho”

 Lev Tolstoj


 

Ripetere vi rende felici? Molti dei libri pensati per aiutare le persone a vivere felici, propongono di ripetere alcune parole d’ordine ogni mattina. Parole per quando vi sentite tristi o frustrati. Ripetere ad ogni ora. Ma ripetere rende davvero felici? La ripetizione riconferma le proprie credenze. Stimola il subconscio rendendolo cosciente per voi stessi. Ma questo basta ad essere felici? La risposta è sì, ma solamente se già lo eravate.

Ripetersi qualcosa che già si sente e di cui si è convinti, anche se in maniera inconscia, serve semplicemente a riaffermarla. A volte si è consapevoli di un fatto, ma solo dopo esserselo ripetuto per moltissime volte si comincia a stare bene. Perché ci si sta mandando messaggi positivi da soli.

Se non vi sentiti felici, vale la pena di ripetere? No, perché otterreste solo una maggior frustrazione. Ingannarvi è molto difficile. Voi siete intelligenti. Se vi ripetete qualcosa che il vostro subconscio già sa che non è reale, vi sentirete ancora più angustiati e frustrati poiché non sarete riusciti ad ottenere ciò che desideravate.

Esistono tante “felicità” quante persone

Il vostro modo di sentirvi felici è unico. Ognuno vede e percepisce la felicità in maniera differente. Cercate la vostra propria felicità. Non si tratta di una frase prefabbricata, è una realtà. Ciò che rende felice la vostra famiglia, il vostro vicino, non corrisponde necessariamente a quello che rende felice voi.

Per alcuni la felicità sta nel raggiungere un enorme successo, per altri la fama, altri ancora la ricchezza. Per qualcuno potrebbe consistere nel trovare l’amore della sua vita, scoprire uno scrittore nuovo o ascoltare la sua musica preferita.

Ogni momento della vita è diverso. Tutti voi vi siete evoluti e continuerete a farlo. Quello che vi rendeva felici una volta, potrebbe non suscitare in voi più alcun interesse. Questo fenomeno accade perché gli obiettivi che vi siete prefissati sono cambiati, e solo il raggiungimento di questi vi può fare stare bene.

La felicità è fatta di due parti

La prima è capire cos’è che vi rende felici. Conoscere quali sono le vostre necessità, le vostre aspirazioni, i vostri desideri. Questa è la via giusta da percorrere per trovare la felicità. Se siete di quelle persone che quando raggiungono un obiettivo stanno già pensando al successivo, cercate di modificare quest’abitudine. Non si può essere sempre in movimento, alle volte è necessario fermarsi e godersi i successi raggiunti.

Imparate a godervi i risultati ottenuti. Apprezzate tutti gli sforzi che avete fatto e il lavoro che vi è costato, così saprete cos’è la felicità e scoprirete quant’è bello fermarsi un attimo a compiacersi.

Poi potrete proseguire verso una nuova meta, è normale che sia così. Ogni volta che si riesce a soddisfare una necessità ne sorgono di nuove. È importante che teniate bene a mente quali sono i vostri obiettivi, cos’è che volete davvero fare. A volte si crede che svolgendo un lavoro diverso da quello che si fa di solito o occupandosi di cose che normalmente non rientrano nelle proprie abitudini o routine, non si riuscirà nell’intento. Eppure sapete benissimo che non è così.

Il secondo passo consiste nel fare quello che davvero desiderate. Spesso è difficile proiettare se stessi in una dimensione poco convenzionale, ma se questo è quello che vi rende felici, dovrete farlo. Se vi piace la pittura, la danza, la poesia, buttatevi.

Non c’è bisogno di abbandonare tutto come fanno nei film, dedicandovi esclusivamente a quello. Potete cominciare provando a poco a poco. Cercare di capire cosa provate mentre lo fate, e se ciò che sentite è felicità…avrete fatto centro. Dedicatevi interamente alla vostra passione e vedrete che farete grandi cose.

Allontanate le situazioni avverse

Cercate di evitare tutto ciò che vi toglie le energie. Evitate lo stress e le discussioni infondate, tutte cose che oltre a farvi del male, non vi consentono di vedere ciò che succede intorno a voi.

Probabilmente una miriade di cose belle stanno accadendo intorno a voi, cose che hanno a che vedere con i vostri obiettivi, eppure voi non riuscite ad apprezzarle perché siete sommersi da altre situazioni o questioni.

È estremamente importante che fissiate bene le vostre priorità. Date la priorità alla vostra felicità. Certo, guadagnare tanti soldi vi fa stare bene, ma questo non deve essere il vostro unico obiettivo. È più importante essere felici, e dovrete sforzarvi perché sia così.

La felicità sta nel percorso, non nella meta. Lavora come se non avessi bisogno del denaro, ama come se non ti avessero mai ferito, balla come se nessuno stesse guardando”. Anonimo.

Immagine cortesia di Balazs Kovacs Images