Effetto Kappa: di cosa si tratta?

Non tutto ciò che vediamo è reale. La nostra mente e i nostri sensi possono ingannarci. L'effetto Kappa ne è un esempio ed è legato alla percezione del passare del tempo e della velocità.
Effetto Kappa: di cosa si tratta?

Ultimo aggiornamento: 26 novembre, 2021

Come elaboriamo, percepiamo e interpretiamo gli stimoli che ci circondano? Lo spiega la psicologia di base, branca della psicologia volta a studiare i processi psicologici e comportamentali più elementari dell’essere umano. Tra questi troviamo lo studio della percezione, dell’emozione, della sensazione, dell’apprendimento. All’interno di ciò troviamo un fenomeno percettivo molto curioso: l’effetto Kappa.

Questo effetto si deve a un errore percettivo che si presenta quando interpretiamo che certi stimoli appaiono più velocemente o più lentamente di quanto pensiamo a seconda della distanza fisica tra i due.

Vi invitiamo a scoprire meglio questo concetto, alcune teorie esplicative dello stesso, nonché i paradigmi attraverso i quali è stato studiato.

Mano che tiene un orologio sbiadito.

Cos’è l’effetto Kappa?

L’effetto Kappa è un fenomeno percettivo che possiamo inquadrare all’interno della psicologia di base. È legato, dunque, alla nostra percezione del passare del tempo e anche alla velocità. Ma in cosa consiste esattamente?

Chiamato anche “dilatazione del tempo percettivo”, è una temporanea illusione della percezione. Appare quando osserviamo una serie di stimoli sensoriali presentati in sequenza e in luoghi diversi; infine giudichiamo quanto tempo è trascorso tra stimolo e stimolo.

Cosa succede? Quando si percepisce una sequenza di stimoli consecutivi (sequenziali), il tempo trascorso tra i diversi stimoli successivi tende a essere sovrastimato quando si verificano molto tempo tempo.

Al contrario, quando sono cronologicamente vicino, l’individuo che manifesta l’effetto Kappa tende a sottovalutare il tempo trascorso tra i vari stimoli.

In quale modalità sensoriale compare?

L’effetto Kappa si manifesta in diverse modalità sensoriali, nello specifico in tre: la modalità uditiva (ad esempio, utilizzando toni diversi), visiva (con stimoli visivi, come lampi di luce) e tattile (ad esempio, attraverso urti sulla pelle). Vediamo nelle righe che seguono in che modo si manifesta nei primi due.

Modalità visiva

Gli studi che hanno cercato di dimostrare l’effetto Kappa hanno usato soprattutto paradigmi con stimoli visivi. Un esempio è il seguente: immaginiamo tre sorgenti luminose (A, B e C, rispettivamente). Queste fontane si accendono al buio con un intervallo di illuminazione uguale.

Immaginiamo ora di posizionare queste tre sorgenti luminose (A, B e C) in posizioni diverse (ad esempio: A e B più vicine di B e C).

Cosa accadrà se si verifica l’effetto Kappa? Che la persona percepirà che l’intervallo di tempo tra A e B (le fonti di luce più vicine) è minore dell’intervallo di tempo tra B e C (le fonti di luce più lontane tra loro).

Attraverso l’effetto Kappa, l’osservatore percepirà le accensioni di A e B più ravvicinate rispetto a quelle tra B e C, perché A e B sono più vicini tra loro di B e C.

Modalità uditiva

L’effetto Kappa è stato dimostrato anche nella modalità uditiva attraverso diversi paradigmi sperimentali (anche se non in tutti). Per esempio, in un esperimento di Roy et al. (2011), è stato osservato esattamente l’effetto opposto a quello descritto nel paragrafo precedente.

Aumentando la distanza tra le diverse sorgenti sonore, la persona percepisce intervalli di tempo più brevi. Pertanto, gli osservatori hanno percepito un intervallo di tempo più breve di fronte a stimoli sempre più distanziati fisicamente.

Perché compare l’effetto Kappa?

Abbiamo visto in cosa consiste l’effetto Kappa, ma perché compare? Sono state sviluppate alcune teorie esplicative di questa illusione percettiva. Ne presentiamo due tra le più rilevanti.

Teoria dell’aspettativa di velocità costante

Secondo questa teoria, il cervello ha “registrato” la seguente aspettativa: “la velocità degli stimoli è sempre costante “. Quando parliamo di velocità, ci riferiamo al tempo che intercorre tra la comparsa dello stimolo 1 (ad esempio un tono, un lampo…) e lo stimolo 2.

Quindi, seguendo questa teoria esplicativa dell’effetto Kappa, le persone commetterebbero errori percettivi osservando paradigmi come quelli menzionati.

Teoria delle aspettative a bassa velocità per spiegare l’effetto Kappa

Questa seconda teoria si basa sul modello percettivo bayesiano e ha lo scopo di spiegare l’effetto Kappa negli stimoli tattili. La teoria sostiene che i circuiti cerebrali codificano la seguente aspettativa: “gli stimoli tattili si muovono lentamente”.

Sulla base di una simile aspettativa, la persona sopravvaluta il tempo trascorso tra stimolo e stimolo, e in questo modo si produce l’effetto Kappa.

Cervello con reti neurali.

Quello che vediamo non è sempre reale

La nostra percezione non è sempre esatta, perfetta o reale. Il nostro sistema percettivo non è infallibile, e molte volte fattori esterni, o la mente stessa, possono giocarci un “brutto tiro” in tal senso.

La psicologia di base, come abbiamo visto, si occupa di studiare il perché di questo e di altri fenomeni per fare un po’ di luce sulla mente umana, tanto incredibile quanto misteriosa.

“La mente umana è modellata in modo tale da essere molto più suscettibile alla falsità che alla verità.”

-Erasmus di Rotterdam-



  • Henry, M.J. & McAuley, J.D. (2009). Evaluación de un modelo de velocidad de tono imputado del efecto auditivo kappa. Revista de psicología experimental: percepción y rendimiento humanos. 35 (2): 551–64.
  • Masuda, T., Kimura, A., Dan, I. & Wada, Y. (2011). Efectos del contexto ambiental sobre el sesgo de percepción temporal en el movimiento aparente. Vision Research 51, 1728-1740.
  • Morris, Ch. y Maisto, A. (2013). Introducción a la Psicología. 13va. edición. México, Pearson Prentice Hall.