Emozionario, meraviglioso libro per educare alle emozioni

· 24 agosto 2018

Il nostro sviluppo emotivo condiziona in buona misura la persona che diventeremo. Saper gestire correttamente le nostre emozioni ci renderà più intelligenti, ma per riuscirci è fondamentale ricevere il giusto insegnamento. Una delle risorse più innovative in questo senso è l’Emozionario.

L’Emozionario è un libro pensato per grandi e piccini come risorsa didattica per aiutarci a definire quello che proviamo, le sue cause e la sua influenza. In questo modo, oltre a conoscerci,  potremo mostrarci più facilmente empatici. Comprendere quello che provano gli altri ci rende più compassionevoli, ma anche più intelligenti.

E voi, conoscete l’Emozionario?

Cos’è l’intelligenza emotiva?

L’intelligenza emotiva è definita come la capacità di riconoscere e gestire le emozioni, cogliendone il messaggio e canalizzandone in maniera positiva l’energia. Si tratta di un’abilità che segna la nostra vita sociale, ma anche altri campi ugualmente importanti, come i dialoghi che manteniamo con noi stessi o i pensieri che alimentiamo.

“Conoscere se stessi è l’inizio di ogni sapienza.”.

-Aristotele-

Ingranaggi mente e cuore

L’intelligenza emotiva non fa parte della psicologia tradizionale e la sua nascita come concetto risale a meno di un secolo fa. Non rientra nei test di intelligenza convenzionali, ed è il motivo per cui, secondo alcuni, il Quoziente d’Intelligenza (QI) è ormai obsoleto. I test volti a misurare il QI, infatti, tendono a prendere in considerazione altri tipi di intelligenza, più analitica o logica. Tuttavia, aver sviluppato tali intelligenze non ci rende maggiormente capaci di controllare le nostre emozioni.

Qualsiasi strumento che ci possa aiutare a indagare di più sull’intelligenza emotiva è ben accetto. Tra questi si trova l’Emozionario.

Cos’è l’Emozionario?

Si tratta di un libro a mo’ di dizionario che elenca 42 voci, una per emozione:

Amore, Sollievo, Rimorso, Paura, Abbandono, Entusiasmo, Invidia, Tenerezza, Serenità, Colpa, Spavento, Solitudine, Euforia, Desiderio, Odio, Felicità, Vergogna, Schifo, Nostalgia, Scoraggiamento, Soddisfazione, Ira, Allegria, Insicurezza, Ostilità, Malinconia, Delusione, Orgoglio, Irritazione, Tristezza, Timidezza, Accettazione, Noia, Frustrazione, Piacere,  Tensione, Compassione, Confusione, Incomprensione, Illusione, Ammirazione, Gratitudine.

Ciascuna voce è accompagnata da un’illustrazione che rappresenta l’emozione e da una breve descrizione delle caratteristiche della stessa. Vi è un punto aggiuntivo al riguardo, come una causa, una conseguenza o un altro aspetto che lega tale emozione a quella seguente.

Il libro nasce all’interno di un progetto denominato Dimmi cosa senti, che si incarica, per usare le sue stesse parole, di “esplorare la dimensione emotiva del bambino in particolare e di qualsiasi persona in generale”. L’Emozionario è uno dei suoi componenti: esiste anche un Diario della Gratitudine, schede di attività, una guida alla lettura, un laboratorio di emozioni e idee per sfruttare le immagini dell’Emozionario.

Si tratta senza dubbio di un progetto (o itinerario, come preferiscono chiamarlo) ricco di risorse.

Come si usa l’Emozionario?

Questo libro è perfetto per bambini a partire dai 6 anni, età in cui si cominciano a provare emozioni più complesse. Prima dei 6 anni potrebbe apparire un po’ complesso, ma se avete il tempo e la disponibilità, potrete adattarlo anche a bambini più piccoli.

L’Emozionario si presenta come uno strumento didattico per genitori e docenti. È utile in casa per rafforzare il vincolo tra i figli e i genitori attraverso la comprensione delle emozioni e della comunicazione. È utile anche a scuola, poiché il materiale aggiuntivo può aiutare a stimolare dubbi, dialoghi e scambi di idee in classe.

Perché è un utile strumento?

Che siate genitori, docenti o semplicemente adulti di riferimento per dei bambini, troverete nell’Emozionario uno strumento di grande utilità. In casa il libro può essere usato come lettura notturna, con l’aiuto del genitore (per rafforzare il vincolo con il figlio) o individualmente (per stimolare l’intelligenza interpersonale).

Bambini che disegnano faccine sorridenti e tristi

A scuola potrà invece essere sfruttato il vasto materiale aggiuntivo al libro: ci offre gratuitamente schede classificate per diversi livelli educativi (scuola dell’infanzia, elementari, medie e liceo). Le schede contengono disegni da colorare legati alle varie emozioni, domande semplici, messa in scena delle emozioni, identificazione delle stesse attraverso disegni o situazioni, etc.

Si ha accesso anche a del materiale completo pensato per “aiutare i più piccoli a riconoscere le proprie emozioni e a esprimerle usando le parole adatto”, secondo il documento.

L’intelligenza emotiva è una delle abilità su cui sviluppiamo la nostra persona e le nostre relazioni. L’Emozionario è dunque di grande aiuto per dare valore alle emozioni e avvicinarle ai più piccoli.