Paura della psicoterapia: evitare l’incontro con noi stessi

· 15 febbraio 2016

Non è mai facile ammettere che abbiamo bisogno d’aiuto; prima di accettarlo, potremmo passare per molte situazioni e arrivare al limite delle nostre forze, continuando a trascinarci dietro un peso che ormai sopportiamo da troppo tempo. Fino a che non ci rendiamo conto che non ci piace il tipo di vita che stiamo conducendo, e allora cominciamo a credere che la psicoterapia abbia un senso.

Quando la situazione che stiamo vivendo ci ha ormai sopraffatti, quando ci sentiamo insoddisfatti per le nostre esperienze, quando siamo persi e confusi, quando non sappiamo che strada prendere, la psicoterapia ci si presenta come una buona opzione per orientarci e ritrovare la nostra identità.

La psicoterapia ci dà l’opportunità di sfruttare un ventaglio di prospettive più ampio riguardo alle esperienze della nostra vita.

La resistenza che opponiamo quando ci troviamo faccia a faccia con l’emozione

Se siamo stati per molto tempo sconnessi da noi stessi, perché ci stavamo proteggendo da qualcosa, abbiamo evitato una situazione, non abbiamo voluto viverla, e ci siamo distratti passando da una cosa all’altra.

Accade lo stesso alle persone che, dopo aver chiuso una relazione di coppia, ne iniziano subito un’altra senza sfogare il loro bisogno di vivere il dolore, senza entrare in contatto con loro stesse e sperimentare ciò che la perdita ha lasciato dentro di loro. Rimangono sconnesse dal dolore e dagli insegnamenti che questa situazione porterebbe loro.

Questo modo di agire ci porta a rifiutare una situazione che richiede necessariamente una pausa e un’introspezione, per non ripetere gli stessi errori, per fare una valutazione globale di ciò che sta accadendo nella nostra vita. Si tratta di un processo duro, che richiede diversi sforzi.

“Coloro che non imparano niente dai fatti sgradevoli della propria vita costringono la coscienza cosmica a riprodurli tante volte quanto sarà necessario per imparare ciò che insegna il dramma ch’è accaduto. Quello che neghi ti sottomette, quello che accetti ti trasforma”
(Carl Gustav Jung)

paura psicoterapia 2

Perdersi nella tempesta

Quando una persona non vuole accettare lo stato in cui si trova dopo un determinato avvenimento e sposta l’attenzione su qualsiasi altra cosa che le permetta di sconnettersi, la causa è la paura; si tratta di una persona che si vede priva di risorse per sostenere la suddetta esperienza e, pertanto, decide di scappare per proteggersi.

Finiamo inevitabilmente per perdere noi stessi. La fuga che abbiamo intrapreso allevia temporaneamente il nostro dolore. Nel frattempo, abbiamo perso l’opportunità di osservare le nostre paure, di conoscere i nostri limiti, di ottenere una maggiore conoscenza di noi stessi, e abbiamo frenato la nostra maturità e la nostra crescita personale.

Questo sollievo transitorio ha delle conseguenze e non può essere sostenuto a lungo. Possiamo andare avanti così per un po’ di tempo, finché non riceviamo il colpo di grazia e non ci ritroviamo totalmente persi, senza nessuna possibilità di andare avanti.

Tutte le possibilità che ci permetterebbero di affrontare le diverse situazioni le abbiamo già rifiutate e abbiamo perso l’opportunità di imparare attraverso le esperienze che la vita ci ha offerto.

La psicoterapia ci aiuta a ritrovare noi stessi

Lo psicologo è colui che più di tutti può aiutarci in situazioni di questo tipo, circostanze in cui ci vediamo privi di strumenti per sostenere le esperienze che ci troviamo davanti, che finiamo per vivere con sofferenza e malessere. Entriamo in un circuito e poi non ne troviamo l’uscita.

In fondo, tutte le risposte si trovano dentro di noi, siamo noi a dover fare uno sforzo e a dover osare ad ogni passo; così, diventeremo responsabili delle esperienze che viviamo e di come le viviamo.

paura psicoterapia 3

Ogni persona ha un suo processo personale, un tempo e ritmo diversi; tuttavia, l’importante è iniziare a costruire questo percorso e attraversarlo fino a ritrovare noi stessi e ad assimilare tutte le lezioni che prima avevamo ignorato. In questo modo, acquisiremo le risorse e la forza necessarie per smettere di fuggire dalla nostra esperienza.

Capiremo quanto è importante vivere ciò che ci rattrista, che ci lascia senza fiato, che spegne la nostra gioia e che ci riempie di amarezza. È necessario masticare il tutto, per poterlo digerire ed assimilare. Solo così, ci potremo preparare per quello che implica vivere davvero.

“Mi rendo conto che, se fossi stabile, prudente e statico, vivrei nella morte. Di conseguenza, accetto la confusione, l’incertezza, la paura, gli alti e bassi emotivi, perché questo è il prezzo che sono disposto a pagare per una vita variabile, caotica ed eccitante”.

(Carl Rogers)