5 frasi geniali di Aristotele

· 19 luglio 2017

Oggi conosceremo alcune frasi geniali di Aristotele. Questi, di certo, è stato ed è ancora uno dei filosofi più importanti della storia dell’umanità. Vale la pena, dunque, godere di piccole dosi della sua saggezza e del suo modo di vedere il mondo.  

Come è potuta sorgere 3000 anni fa una civiltà che avrebbe portato alla luce alcune delle menti più brillanti della storia? Parliamo, senza dubbio, di pensatori come lo stesso Aristotele, ma anche dei suoi maestri e predecessori, Platone e Socrate. Sono davvero affascinanti l’evoluzione e l’involuzione sul pensiero avvenute nelle popolazioni che hanno vissuto sulla Terra.

Aristotele, come abbiamo detto, è stato alunno di grandi menti come quelle di Platone o Eudosso. A sua volta, però, è stato maestro di altri celebri personaggi, come il famoso Alessandro Magno. Dalla sua filosofia, dunque, sono sorte frasi che, dopo più di 2000 anni, non hanno perso il loro valore per la società attuale.

Frasi geniali di Aristotele

L’ignorante afferma, il saggio dubita e riflette

Ancora oggi sentiamo molti ignoranti credere che a sapere di più è colui che grida più forte o che mostra maggiore sicurezza mentre parla. Tuttavia, mentre alcuni si consegnano al godimento di quello che credono di sapere, altri dubitano, riflettono e analizzano.

Potremmo vedere questa frase come una specie di avviso del metodo scientifico che venne sviluppato in seguito. Non affermare nulla finché non sei totalmente consapevole della veridicità di quanto dici. Per questo motivo, c’è chi dice che gli ignoranti parlano con la bocca di chi sa davvero.

Considero più coraggioso colui che conquista i suoi desideri rispetto a colui che conquista i suoi nemici, poiché la vittoria più dura è quella contro se stessi

Risulta curioso che, essendo una specie piuttosto spirituale, noi esseri umani tendiamo a conoscerci così poco. A volte sembriamo negarci ad indagare il nostro mondo interiore per paura di quello che possiamo trovarvi. Guardiamo il nostro riflesso allo specchio, ma difficilmente dedichiamo alcuni minuti in più a superare questo velo.

Tutti noi presentiamo aspetti difficili da accettare. Farlo è quello che Aristotele chiama la vittoria contro se stesso. Un compito a priori lungo e complesso, ma che diviene necessario se desideriamo godere di quella sensazione di benessere che equilibra il nostro Io interiore con la immagine che riflettiamo.

L’intelligenza non consiste solo nella conoscenza, ma anche nella capacità di applicare la conoscenza alla pratica 

Osserviamo nuovamente Aristotele pronunciare frasi che in un secondo momento verranno conosciute come metodo scientifico. Possiamo sapere molto, ma se ciò non ha una dimostrazione empirica ed un’applicazione pratica, serve a qualcosa?

La frase di Aristotele raccoglie, così, molte delle lamentele degli alunni nelle scuole attuali. Si chiedono a cosa serva quello che studiano e poche volte trovano un professore che dia loro una risposta, che spieghi loro come scendere dal mondo astratto delle lettere e dei numeri al mondo reale. Non dimentichiamo che una spiegazione pratica può essere una delle maggiori motivazioni per imparare.

Alcuni credono che per essere amici basti volere bene, come se per essere sano bastasse desiderare la salute 

È una delle frasi più complesse di Aristotele? Davvero desiderare un’amicizia non è sufficiente per averla? Indubbiamente è il frutto della volontà di entrambe le parti. Seppur così, volere bene dovrebbe essere il primo passo per forgiarla.

Talora il saggio greco si riferiva al fatto che l’amicizia ha bisogno di sorgere dalle profondità del nostro essere, ovvero quasi a livello spirituale, o senza il quasi. In fin dei conti, i filosofi greci credevano ferventemente nelle anime dell’essere umano, nonostante Aristotele fosse uno dei filosofi più pragmatici del mondo antico.

C’è felicità solo dove c’è virtù e sforzo serio, perché la vita non è un gioco

Senza dubbio questa è una delle frasi più significative di Aristotele. Si ottiene ben poco senza sforzo. Per i filosofi greci, essere virtuoso era un tema serio e necessario. Di fatto, ritenevano che solo i più virtuosi e i più giusti potessero arrivare a governare il popolo, per esempio.

Questa frase, di certo, è molto valida anche al giorno d’oggi. Nonostante ci si sforzi, forse non si ottiene quello che si desiderava, ma senza impegno è praticamente sicuro non ottenerlo. Un atteggiamento virtuoso, educato, comprensivo ed empatico, dunque, condurrà per sentieri molto più gradevoli.

Queste geniali frasi di Aristotele ci devono certamente invitare alla riflessione. Un’opportunità unica per imparare da un grande genio e pensare alle sue parole per cercare di migliorare in quanto persone, società e specie.