Gestire il burnout lavorativo senza abbandonare il lavoro, si può?

Il burnout lavorativo è una situazione che passa inosservata a molte persone; Al momento, sembra che il "maniaco del lavoro" sia una figura premiata. Tuttavia, il sovraccarico da lavoro, e l'eccessivo affaticamento che ne deriva, sono una condizione dagli effetti molto pericolosi che, lungi dall'essere gestita attivamente, spesso viene semplicemente tollerata.
Gestire il burnout lavorativo senza abbandonare il lavoro, si può?

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio, 2023

Gestire il burnout lavorativo implica un atteggiamento proattivo, soprattutto quando il sovraccarico di lavoro sembra essere diventata la norma. Purtroppo in molti lavori è comune l’idea che tutti i collaboratori debbano dare il 1000% della propria forza lavoro all’organizzazione. Pertanto, un buon lavoratore è colui che è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, anche quando non lo è.

Il superlavoro è un’epidemia. In genere, molte persone ricevono messaggi di lavoro al di fuori dell’orario pattuito, oppure devono ottemperare a prescrizioni di ogni genere, ma comunque “urgenti”, indipendentemente dal fatto che abbiano tempo a disposizione. I motivi per accettare questa situazione sono vari: dal timore di ritorsioni, al fatto che sia normale nel contesto lavorativo in cui opera la persona.

Come regola generale, sono i datori di lavoro o i recruiter che devono applicare misure per evitare che i lavoratori si sentano sovraccaricati o affaticati. Tuttavia, in pratica questo può essere limitato a un paio di pause attive o per garantire, ove possibile, un giorno di riposo. Per questo molte persone devono gestire il burnout da sole, senza aspettare che lo facciano gli altri.

Sebbene non sia una diagnosi medica, il burnout, in particolare il burnout lavorativo, è collegato a una serie di problemi di salute, dall’irritabilità alle malattie cardiovascolari”.

-Catherine Zuckerman-

Donna stanca al lavoro
La stanchezza che non passa, che permane nonostante i giorni, è uno dei principali segnali di stanchezza lavorativa.

Gestire il burnout lavorativo

È normale che ci sia stanchezza dopo una giornata di lavoro impegnativa. Il semplice fatto di essere stanchi non significa che ci sia esaurimento da lavoro, in quanto tale. Se invece la fatica si presenta frequentemente ed è notevole, è molto probabile che stiate salendo le scale della fatica. Se è così, bisogna fare qualcosa al riguardo.

Ogni persona ha il proprio modo di gestire il burnout lavorativo, anche se non se ne rende conto. Alcuni diventano irritabili, hanno conflitti con tutti e quindi “rilasciano” parte dello stress accumulato. Altri diventano passivi, come se soffrissero di una condanna. Potrebbero presto provare tristezza e alcuni segni di depressione.

Allo stesso modo, ci sono persone, soprattutto le più giovani, che prendono misure drastiche. Uno di questi è lasciare il lavoro. È anche possibile che si arrivi a questo dopo essersi ammalati o essersi resi conto che la propria vita e il proprio stato emotivo sono un disastro. Come evitare che tutto questo accada?

Campanelli d’allarme

Il primo e più importante dei segni che c’è esaurimento del lavoro è quello che abbiamo già accennato: la fatica che non si dissipa. Non è quella situazione in cui una persona si sente affaticata e così va a letto e si addormenta come un sasso fino al giorno dopo, quando si sveglia e si sente riposata.

In questo caso, si ha la sensazione di essere sempre mezzo svegli o mezzo addormentati. E di notte, il sonno sta aspettando. È difficile conciliarlo e quando viene raggiunto, è frequente che ci siano diversi risvegli o che il giorno dopo ti senta come se avessi dormito poco. In una parola, non c’è recupero di energia.

Allo stesso modo, si perde l’interesse per le attività al di fuori del lavoro. È come se avessi solo energia per sopravvivere alle esigenze del lavoro. C’è irritabilità, una sensazione di peso e stress. Raramente ci sono risate o giochi e spesso si ripete la frase emblematica: “Non ce la faccio più”. È anche comune che una persona in queste condizioni si ammali più spesso.

donna stanca
Il burnout lavorativo ha conseguenze sulla vita personale dei lavoratori.

Gestire il burnout: come fare?

La prima cosa è riconoscere di avere un problema. Il burnout lavorativo non è un gioco, ma una situazione molto pericolosa che mette a rischio la salute fisica e mentale. Non è facile chiedere a una persona esausta di fare qualcosa, ma è necessario. In linea di principio, provate a introdurre due elementi nella vostra vita: la meditazione e l’attività fisica.

Cinque minuti di meditazione quotidiana hanno dimostrato di essere abbastanza potenti da produrre effetti visibili. Si tratta solo di trovare un posto solitario e fare un respiro profondo, concentrandosi sul flusso d’aria. Se viene fatto una volta alla settimana, ottimo; se lo si fa tutti i giorni, molto meglio.

L’attività fisica genera anche effetti molto positivi sulla salute fisica e mentale. Vale lo stesso che per la meditazione: cinque minuti al giorno. Ancora meglio se riusciste a dedicare più tempo a questa attività, ma in caso contrario, va bene allenarsi anche per poco.

Potrebbero essere aggiunti altri consigli a quanto sopra, ma in realtà solo con queste due misure si può ottenere un grande impatto sul burnout lavorativo. Gli effetti si percepiscono da subito, ma i veri benefici compaiono dopo un paio di mesi seguendo questa routine. In questo modo è possibile scoprire che, di fronte a tanta fatica, l’unica alternativa è non smettere di lavorare.

Potrebbe interessarti ...
Sindrome da burnout: surriscaldamento sul lavoro
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Sindrome da burnout: surriscaldamento sul lavoro

La sindrome da burnout viene definita come la sensazione di disagio causata da uno sforzo eccessivo relazionato con il lavoro.



  • Durán, M. M. (2010). Bienestar psicológico: el estrés y la calidad de vida en el contexto laboral. Revista nacional de administración, 1(1), 71-84.
  • Mansilla, Fernando. (2003). El Síndrome de Fatiga Crónica: del modelo de susceptibilidad a la hipótesis de la cadena de estrés en el área laboral. Revista de la Asociación Española de Neuropsiquiatría, (86), 19-30. Recuperado en 18 de enero de 2023, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0211-57352003000200003&lng=es&tlng=es.
  • Vaamonde, J. D. (2016). Apoyo organizacional e intenciones de renunciar al trabajo: el rol mediador de la inseguridad laboral. In VIII Congreso Internacional de Investigación y Práctica Profesional en Psicología XXIII Jornadas de Investigación XII Encuentro de Investigadores en Psicología del MERCOSUR. Facultad de Psicología-Universidad de Buenos Aires.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.