Helene Deutsch e il lato femminile della psicoanalisi

Helene Deutsch è stata la prima studiosa nella storia della psicoanalisi a dedicarsi specificamente alla psicologia femminile. Il suo lavoro e la sua vita sono serviti da ispirazione per numerosi autori che, come Simone de Beauvoir, volevano aprire la strada al femminismo.
Helene Deutsch e il lato femminile della psicoanalisi

Ultimo aggiornamento: 06 maggio, 2021

Helene Deutsch è stata la prima donna nella storia della psicoanalisi a dedicarsi allo studio della psicologia femminile e la prima a dirigere la Vienna Psychoanalytic Association. I suoi contributi hanno posto l’accento sull’eccessiva focalizzazione maschile che la psicoanalisi aveva avuto fino ad allora e servirono da input per il lavoro successivo di Simone de Beauvoir.

Helene Deutsch è considerata una delle migliori studiose nella storia della psicoanalisi. Ha istruito un numero significativo di psicoanalisti con notevole successo.

Come donna, si ribellò alle costrizioni sociali del suo tempo e dimostrò sempre di possedere la volontà e il carattere per vivere secondo i suoi criteri e standard.

“Le porte fortificate per la parità di diritti si sono effettivamente aperte per le donne moderne, ma a volte mi dico, non è questo che intendevo per libertà, è solo progresso sociale”.

-Helene Deutsch-

I suoi contemporanei la definirono una donna estremamente bella e intelligente. A queste virtù va aggiunta la sua proverbiale disciplina e perseveranza. Non solo era famosa tra i suoi colleghi europei, ma scrisse anche molte delle pagine più importanti di psichiatria negli Stati Uniti.

Helene Deutsch.

Helene Deutsch, una donna indipendente

Helene Deutsch era la più giovane di quattro figli, nata nel 1884 in una piccola città chiamata Przemyśl, che allora faceva parte dell’Impero austro-ungarico che oggi appartiene alla Polonia.

Proveniva da una famiglia ebrea abbastanza aperta; la sua famiglia non ha esitato a fornirle l’accesso all’istruzione privata a casa, in un momento in cui era insolito per le donne studiare. Il padre era un avvocato e Helene era la sua preferita.

La madre, invece, era una donna autoritaria e distante, che pare non esprimesse affetto nei confronti della figlia. Sebbene Helene Deutsch fosse una bambina brillante, il suo atteggiamento era spesso triste. Ciò era dovuto alla freddezza della madre e perché il fratello maggiore aveva cercato di violentarla.

A 16 anni divenne l’amante di Herman Liebermann, uomo molto più grande di lei che era anche sposato. Ciò fu motivo di grande scandalo familiare e sociale; tuttavia, Helene decise di andare per la sua strada.

Il suo amante era un importante leader della socialdemocrazia e la loro era una relazione burrascosa. Lei, tuttavia, decise di seguirlo quando fu eletto parlamentare a Vienna. In quella città, Helene Deutsch incontrò Rosa Luxemburg, donna che cambiò per sempre la storia del femminismo e che fu sempre un modello per il pensiero e gli studi della Deutsch.

Studi e pubblicazioni

Nel 1907, Helene Deutsch iniziò a studiare medicina all’Università di Vienna. Allora, erano solo sette le studentesse nella facoltà.

Poco dopo, concluse la sua relazione con Libermann e si trasferì a Monaco per specializzarsi in psichiatria sotto la direzione di Emil Kraepelin. Nel 1912 si laureò e, quasi contemporaneamente, si svegliò il suo interesse per la psicoanalisi.

Nello stesso anno sposò Felix Deutsch, il medico personale di Sigmund Freud. Helene iniziò a lavorare come assistente nella clinica psichiatrica dell’Università di Vienna, in cui le fu assegnata la sezione femminile. Questa esperienza nella clinica avrebbe messo in moto ulteriori studi. Da quel momento in poi, decise di immergersi nello studio della psicologia femminile.

Helene Deutsch iniziò un percorso di psicoanalisi con Sigmund Freud, ma dopo un anno decise di interromperla, poiché non mostrava sintomi di nevrosi. Successivamente venne fatta analizzata da Karl Abraham a Berlino. Nel 1917 ebbe il suo unico figlio, Martin, che da adulto divenne un importante fisico.

Il contributo di Helene Deutsch

Helene Deutsch non fu mai una dissidente dalla psicoanalisi classica. Fece suoi i concetti essenziali della teoria, ma con un approccio diverso.

Cercò di applicare tutti questi concetti alla psicologia femminile in modo specifico, diventando la prima psicoanalista a scrivere un libro su questo argomento. Si dedicò soprattutto allo studio del narcisismo, al modo in cui questa patologia si manifesta negli uomini e nelle donne.

Inoltre, ebbe il coraggio di affrontare le questioni legate all’erotismo femminile che allora erano ancora un tabù e diresse la psicoanalisi verso un nuovo campo che non era mai stato trattato: la maternità.

Esortò Freud a esplorare ulteriormente la psicologia femminile e diede un’interpretazione costruttiva alla presunta passività femminile, che definì come un’introspezione che facilita l’intuizione.

Insieme alla sua famiglia, Deutsch emigrò negli Stati Uniti nel 1935. Si stabilì a Boston, dove iniziò a lavorare come psichiatra presso il Massachusetts General Hospital.

La sua opera Psicologia della donna è diventato un classico del pensiero femminista. Il marito morì nel 1964 e lei nel 1982, all’età di 97 anni. Il suo nome e il suo lavoro da sempre sono molto apprezzati negli Stati Uniti e in Europa.

Helene Deutsch ha mostrato al mondo che le donne possono esibirsi con successo in qualsiasi campo, che non sono poi così diverse dagli uomini. Cercò di approfondire la psicologia femminile, campo di studio che in una società maschilista come quella di allora era stato appena esplorato.

Potrebbe interessarti ...
Wilhelm Steckel e la psicoanalisi
La Mente è MeravigliosaLeggilo in La Mente è Meravigliosa
Wilhelm Steckel e la psicoanalisi

Nonostante il suo contributo sia stato essenziale per lo sviluppo della picoanalisi, Wilhelm Steckel non riuscì mai a emergere quanto i suoi contemporanei.



  • Vallejo Orellana, R. (2002). “Helene Deutsch, pionera en el acercamiento a la psico (pato) logía de la mujer desde la perspectiva psicoanalítica”en Revista de la Asociación Española de Neuropsiquiatría, (83), 93-107.