Ho amato qualcuno più di me stessa

I rapporti di dipendenza sono uno sprofondare negli abissi che offuscano le proprie priorità, come la cura di sè e la responsabilità verso noi stessi. Questo inferno dantesco, tuttavia, può anche portarci alla catarsi.
Ho amato qualcuno più di me stessa
Angela C. Tobias

Scritto e verificato da la psicologa Angela C. Tobias.

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio, 2023

Ho amato qualcuno più di quanto amassi me stessa, e non è il nome di un film romantico. I rapporti di dipendenza sono più di un genere horror e drammatico. Ci sono attori che non hanno idea di recitare, ma recitano scene in automatico, seguendo una sceneggiatura che non hanno mai scritto.

Amare di più l’altro ha anche molti sequel. Sono tutti pessimi e con una struttura simile ai primi, tanto ripetitivi quanto inutili. Quando dimentichiamo di amarci più dell’altro, non ricordiamo molte altre cose e inizia una ricerca catartica nel bel mezzo di un inferno dantesco. Volete saperne di più?

Ho amato qualcuno più di me stessa

L’ho sentito più di quanto non sentissi me stessa. Abbassavo il volume della mia voce, mentre la sua diventava assordante. Ancora oggi mi fischiano le orecchie quando rimango in silenzio. Da allora ho perso la cognizione del tempo, ma è successo per così tanti giorni, mesi o anni che non ricordo nemmeno com’erano la melodia e il timbro della mia voce.

Parlavamo lingue diverse, di cui non condividevano nemmeno l’alfabeto; e allora ho dimenticato com’era la mia lingua. Ho difficoltà a capire i miei pensieri al giorno d’oggi, li trasformo in parole significative. A volte la mia voce non esce nemmeno: come quando non parliamo da tanto tempo e la voce esce debole e a singhiozzo.

Le parole che non potevo dire, il mio corpo le urlava. L’impotenza si è trasformata in un nodo alla gola, i limiti che non potevo porre erano i dolori al petto e la paura che rimanesse con me una continua emicrania. Perché tutto quello che non diciamo, ci pensa il corpo a dirlo.

Donna triste

Ho amato qualcuno più di me stessa

Ti ho creduto più di me. Ho rinunciato al mio intuito ed è stato amaro come il primo caffè del mattino. Come quando lo bevi sapendo di non aver riposato, il che è una piccola pezza per un dolore molto più grande. Ma bevi un sorso veloce e ancora non pensi troppo.

Ho frantumato la mia bussola e ho camminato inciampando su tutto e spaventato a morte. Non potevo e non volevo aprire gli occhi, anche se sapevo di averne bisogno più che mai. Ti ho seguito quando in fondo sapevo di non volerlo, e il peggio è che ho imbrogliato e tradito me stesso.

Ho mentito e ho tradito me stesso, ho rifiutato e mi sono nascosto. Quando ciò accade, il corpo urla. A volte urla con ansia, con spersonalizzazione. È così che ho dimenticato chi ero, verso dove andavo e altro che non sono ancora riuscito a ricordare.

Ho provato più compassione per un’altra persona che non per me stessa

Ho avuto più compassione per un altro, più che per me stessa. Vivevo dolore altrui senza limiti, volevo capire e abbracciare. Volevo guarire e amare ciascuna delle sue ferite, anche se aprivano la mia stessa pelle. Dimenticavo che il limite e l’incapacità di empatia è il proprio dolore. Ho dimenticato che il suo dolore era suo e ho smesso di sentire il mio.

Ho provato a capire l’altra persona, così tanto che non importava cosa facesse, me ne facevo una ragione. Tutto, se vogliamo, può avere una ragione. Ho dimenticato di ricordare che uno non è solo ciò che gli accade, è soprattutto ciò che fa con ciò che vive. Vorrei aver avuto quella compassione e comprensione verso me stessa, senza dover vivere nel tormento.

La mia empatia nei suoi confronti è diventata una voce crudele e dispotica con me. Mi commuove pensare che il peggior nemico era davanti allo specchio, che la battaglia peggiore è quella che fai con te stesso, sapendo quali sono i tuoi punti deboli e, nonostante ciò, a volte anche senza pietà. Che il nemico più taciturno e dannoso in una relazione di dipendenza siamo noi stessi.

Donna che copre il viso davanti a uno specchio

Scelgo me stesso al posto suo

Ho scelto lui prima di me, ma non lo farò più. Ho dimenticato che ero molto di più di quello che in lui vedevo di me. Ora sorrido quando ricordo l’immenso mondo che mi porto dentro, che nemmeno io stessa riuscirò a finire di scoprire ed esplorare. Non mi mancano le vittorie.

Ti ho amato più di me, sì. E questo non fa di me una persona migliore, o una persona più gentile, o una vittima di qualcosa. Mi mancava l’amore per me stesso e un po’ di coraggio per far cadere qualcosa quando le mie mani stavano già bruciando. Ma non incolpo me stesso e sono pieno di compassione quando penso a me stesso.

Alcune parti di me sono morte per sempre in quella discesa. Ringrazio ognuno di loro per esserci stato e, ovviamente, per aver lasciato e lasciato spazio a nuovi modi di essere. Quelle parti che sono nate di fronte alla più grande paura di un rapporto di dipendenza: non poter vivere senza l’altro. E, all’improvviso, un seme di amor proprio inizia a crescere per mostrarci che la vita va avanti e che la calma arriva a poco a poco, toccandoti come una piacevole brezza estiva.

Ho perso e dimenticato molte cose in questo percorso spinoso, ma è nato anche un fermo impegno: l’impegno a scegliere me stesso prima dell’altro ea ritrovare me stesso, per quanto nascosto possa essere. Non smetterò di cercarmi, anche quando scenderò in quel luogo oscuro dove tutto brucia.

Potrebbe interessarti ...
Ti ho amato finché non ho dato ascolto al mio amor proprio
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Ti ho amato finché non ho dato ascolto al mio amor proprio

Ti ho amato finché non ho dato ascolto al mio amor proprio. Ho lasciato cadere le bende dagli occhi, ho tolto le catene del mio cuore



  • Sierra-Siegert, M. (2008). La despersonalización: aspectos clínicos y neurobiológicos. Revista colombiana de psiquiatría37(1), 40-55.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.