House of the Dragon: come non uccidere il padre

La serie ambientata nell'universo de Il Trono di Spade basa gran parte dei suoi elementi drammatici sulle relazioni padre-figlia. In questo articolo analizziamo l'evoluzione psicologica della sua protagonista: Rhaenyra Targaryen.
House of the Dragon: come non uccidere il padre

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

House of the Dragon è riuscita a prendere le distanze da The Games of Thrones – Il trono di spade per mantenere la propria identità. Tra i molti suoi elementi caratteristici, spicca il modo in cui espone i conflitti tra alcuni personaggi. È il caso di Rhaenyra Targaryen, la sua protagonista, la cui evoluzione analizzeremo dal punto di vista psicologico. E sì, attenzione, perché in questo articolo faremo qualche spoiler.

House of the Dragon è una storia di sviluppo e maturità. E la psicologia sa bene che i genitori e gli altri riferimenti dell’infanzia giocano un ruolo determinante. Gran parte dell’evoluzione di Rhaenyra è dovuta alla sua complessa e mutevole relazione con suo padre, il re Viserys Targaryen. E lo stesso vale per il sordido rapporto con lo zio, Daemon Targaryen.

Padri e figlie in The House of the Dragon

È qualcosa che potrebbe essere applicato anche ad altri personaggi, come Alice Hightower, ma è chiaro che molti degli elementi drammatici di questa serie si basano sui rapporti tra padri e figlie. E il punto di partenza della relazione tra Rhaenyra e Viserys non potrebbe essere più difficile.

All’inizio della serie, il re prende la decisione di accelerare il parto di suo figlio, anche se ciò significa condannare a morte sua moglie. Non è qualcosa che si traduce in un conflitto specifico con Rhaenyra, ma chiarisce quell‘inconscio collettivo così particolare per Westeros e altri universi medievali. I bambini non sono altro che strumenti di potere, e avere una donna o un uomo come prole può fare la differenza tra la pace e la guerra.

Chi ha visto House of the Dragon sa che il parto non è andato bene né per il figlio né per la madre, quindi Viserys è “costretto” a nominare sua figlia Rhaenyra come successore al Trono di Spade.

Il re è consapevole che nominare erede una donna può complicare tutto, ma anche così scommette la sua eredità politica su un sogno, su una profezia. Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, con cui il leader della Casa Targaryen interpreta che sarà il figlio di Rhaenyra a portare la pace a Westeros di fronte alla minaccia degli Estranei del Nord. Viserys crede ancora di poter mantenere la pace nel suo regno.

L’animosità di Carl Jung

Per comprendere lo sviluppo di un personaggio come Rhaenyra, possono essere utili gli studi sugli archetipi e sull’inconscio collettivo di Carl Gustav Jung. Colui che fu allievo di Sigmund Freud sviluppò un concetto noto come animus, una parola latina che significa ‘spirito’. Si tratta delle “immagini archetipiche dell’eterno maschile nell’inconscio della donna che formano un legame tra la coscienza del sé e l’inconscio collettivo, che apre potenzialmente un percorso verso il sé”.

In altre parole, l’animus -o anima nel caso dell’eterno femminino degli uomini- si riferisce a quei riferimenti che cristallizzano un modo di intendere il mondo o una natura emotiva. Non deve essere una rappresentazione specifica, ma quelle più caratteristiche si concentrano su riferimenti paterni o altre figure famose, religiose e idealizzate.

Rhaneyra ci viene presentata come una principessa che pensa più a cavalcare un drago che ad adempiere agli obblighi della Corte. Questo è il tuo punto di partenza. Non c’è da stupirsi che la più grande ispirazione per lei sia suo zio Daemon.

Irredimibile, cavaliere di draghi e capo dei Mantelli Bianchi. Del resto il fratello del Re rappresenta i valori più caratteristici di una famiglia di conquistatori, come i Targaryen.

“L’animus si forma per mezzo di immagini archetipiche dell’eterno maschile nell’inconscio della donna che formano un legame tra la coscienza di sé e l’inconscio collettivo.”

-Carl Gustav Jung-

Molto diverso è ciò che rappresenta la figura di suo padre, soprannominato El Pacífico, per aver sempre voluto evitare il conflitto. Non importa che Driftmark sia minacciato dai pirati del Triarcato o che suo fratello sia sospettato di aver cospirato contro di lui. Per Viserys, il conflitto armato è sempre l’ultima opzione.

Questa disconnessione con le strutture concettuali di Targaryen rende più complicata la relazione di Viserys con Rhaenyra. Non capisce perché suo padre non mandi i suoi draghi dove sono necessari. In molti momenti, non capisce nemmeno perché suo padre l’abbia nominata erede.

House of the Dragon: sfidare il padre

Le due principali relazioni di Rhaenyra, quelle che intrattiene con suo padre e con suo zio, mostrano la principale dicotomia in cui si muove il conflitto interiore del personaggio. Si potrebbe dire di più: è la principale dicotomia su cui ruota l’intera serie. Pace e guerra. Il razionale e l’appassionato. Il maschile e il femminile. La canzone del ghiaccio e del fuoco.

All’inizio sappiamo già quale parte sceglierà Rhaenyra: quella di suo zio Daemon. Ed è qualcosa che viene rappresentato in modo fisico grazie al desiderio sessuale tra i due e al loro successivo matrimonio.

Può sembrare un po’ sordido e aberrante, ma la verità è che è un modo tanto crudo quanto elegante per dimostrare l’evoluzione del protagonista della serie. Se Game of Thrones non ha scherzato con le bambine, nemmeno The House of the Dragon.

Se dovessimo procedere dai concetti di Carl Jung, si potrebbe dire che Rhaenyra abbraccia quell’animus, quell’eterno mascolino.

L’inconscio collettivo le fornisce le risposte che sta cercando per raggiungere quel percorso verso se stessa. E se, inoltre, il matrimonio con lo zio permette di rafforzare la posizione della Casa Targaryen a Westeros, cosa può andare storto?

Il matrimonio di Rhaenyra e Daemon potrebbe essere inteso come una provocazione nei confronti del padre, ma le motivazioni della principessa sembrano nobili e sincere. Il problema è che le ci vorrà del tempo per rendersi conto che la sua decisione va ben oltre con chi condividere una camera da letto.

rhaenyra
Milly Alcock è l’attrice australiana che interpreta Rhaenyra.

Sfida all’inconscio collettivo

A causa di una strana infezione, Re Viserys muore, ma la prevista incoronazione di Rhaenyra si trasforma in una collusione per cui il Principe Aegon, figlio di Viserys e Alice Hightower, viene nominato Protettore dei Sette Regni. Dopo decenni di relativa pace, Westeros è diviso tra coloro che rimangono fedeli a Rhaenyra e coloro che preferiscono che un maschio continui a sedere sul Trono di Spade.

È giunto il momento di prendere decisioni, di applicare tutto ciò che ha appreso dal nostro protagonista. Ed è allora che Rhaenyra si rende conto di quanto avesse ragione suo padre.

Vogliamo fare tutto il possibile per mantenere la pace o è sufficiente impadronirsi del trono con la forza e regnare sulle ceneri? La ragione e la legittimità appartengono a Rhaenyra, nessuno può portargliele via. Ma non deve essere un motivo per prendere una decisione che danneggerà tutto il Continente Occidentale.

“Non abbiamo conquistato Westeros con sogni o profezie. Sei debole quanto tuo padre.”

-Daemon Targaryen-

Gli alleati

Molti dei suoi alleati sostengono la decisione di stringere alleanze e consolidare la sua posizione prima di cadere in estasi. Ma suo marito Daemon non è del tutto d’accordo. L’inconscio collettivo è d’accordo con lo zio di Rhaenyra, i Targaryen devono scatenare i loro draghi e mostrare chi regna a Westeros. Ma Rhaenyra non concede al braccio di torcersi.

La regina menziona la profezia di Aegon il Conquistatore. La canzone del ghiaccio e del fuoco. Per la prima volta, Rhaenyra abbraccia i valori del padre e sfida l’inconscio collettivo. Ed è allora che il fuoco del drago esce dalla bocca di Daemon. “Non conquistiamo Westeros con sogni o profezie. Sei debole quanto tuo padre”, risponde a sua moglie mentre la strangola come avvertimento.

La legittima regina si rende conto della vera decisione che ha preso sposando Daemon. Dimostra la tua posizione all’interno dello scacchiere politico. Ecco perché Rhaenyra deve prima onorare suo padre, quindi sfidare l’inconscio collettivo. Ritorna a imperniare sulla stessa dicotomia. Pace e guerra. Il razionale e l’appassionato. Il maschile e il femminile. La canzone del ghiaccio e del fuoco.

Potrebbe interessarti ...
Daenerys, donna leader in un mondo di uomini
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Daenerys, donna leader in un mondo di uomini

Incarnata dalla bravissima Emilia Clarke, Daenerys la madre dei draghi è diventata per molti un modello di coraggio e determinazione da seguire.



  • Jung, Carl Gustav (2002 [2ª edición, 2ª reimpresión 2010]). Obra completa de Carl Gustav Jung. Volumen 9/1: Los arquetipos y lo inconsciente colectivo. Traduccion Carmen Gauger. Madrid: Editorial Trotta. ISBN 978-84-8164-524-8/ ISBN 978-84-8164-525-5.
  • Jung, C. G. (1970). Arquetipos e inconsciente colectivo. In Arquetipos e inconsciente colectivo (pp. 182-182).
  • Malinconico, A. & Tagliagambe, S. (2022). Pauli y Jung: Arquetipos e Inconsciente Colectivo | Psicología y Simbólica del Arquetipo | Hombre y Sus Símbolos | Relaciones Entre el Yo y el . . . Arquetipo del niño | Sombra (Spanish Edition). Independently published.
  • Arquetipos del inconsciente colectivo. En: Jung, C., Obras completas de CG Jung, vol. 9, Parte 1. 2ª ed., Princeton University Press, 1968. 451 p. (pág. 3-41).
  • La fenomenología del espíritu en los cuentos de hadas. Ill. El espíritu en los cuentos de hadas. En: Jung, C., Obras completas de CG Jung, vol. 9, Parte 1. 2ª ed., Princeton University Press, 1968. 451 p. (pág. 217-230).

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.