Il coaching: funziona come terapia?

Un coach può offrire strumenti molto validi utili al cambiamento. Ma cosa succede dal punto di vista clincio? Ad esempio, il coaching permette di affrontare la depressione o l'ansia? Ne parliamo in questo spazio.
Il coaching: funziona come terapia?
Valeria Sabater

Scritto e verificato la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 15 aprile, 2023

Il coaching funziona come terapia? Ci sono molte persone che ne tengono conto nei momenti in cui si sentono bloccati, soffrono emotivamente o sono incapaci di chiarire i propri scopi per raggiungere l’autorealizzazione e la felicità. La prima cosa che dobbiamo capire è che questo metodo è una buona risorsa per promuovere la crescita personale.

Ora, il secondo aspetto da tenere in considerazione è che, sebbene il coaching abbia un effetto positivo in varie aree dello sviluppo delle abilità e delle prestazioni, non risponde a una scienza clinica e sanitaria. Quando abbiamo a che fare con problemi emotivi, sperimentiamo scoraggiamenti, crisi e duelli, la psicologia è il campo valido e specifico per questo. Approfondiamo un po’ questo argomento.

Il coaching ha la maggiore attrattiva di essere un modello a breve termine, con consigli basati sul supporto e sulla ricerca di soluzioni.

figure da simboleggiare se il coaching funziona come terapia
Il coaching è una risorsa eccellente per il posto di lavoro e lo sviluppo personale.

Il coaching funziona come terapia?

Il termine «coaching» ha acquisito particolare rilevanza tra gli anni ’90 e 2000. È nato soprattutto in ambito aziendale, come strategia per lo sviluppo delle capacità dei dipendenti e la formazione della leadership. Il suo successo è stato assoluto. Da quel momento in poi, il metodo si è esteso per posizionarsi in diversi scenari, comparendo successivamente derivati come “life coaching “.

In questo modo, in un momento in cui i problemi di salute mentale sono un importante cavallo di battaglia sociale, è più facile aprire o promuovere la ricerca e lo sfruttamento di risorse alternative a quelle tradizionali. L’attrazione principale di solito risiede nel fatto che si tratta più di una consulenza gestionale. Tuttavia, il coaching serve davvero come terapia? Esploriamo ulteriormente questa questione.

1. Non è un modello terapeutico o clinico, ma un modello formativo

Il coaching è un settore non regolamentato e indefinito; Sebbene esistano organismi internazionali che formano, teorizzano e formano, attorno ad essi rimangono ancora molti dubbi irrisolti. La Stanford University, sotto la direzione di Elias Aboujaoude, ha affrontato questa questione nel 2020 per fare alcune precisazioni.

Il coaching è un buon percorso per attivare cambiamenti e guidare la persona verso obiettivi, ma non per effettuare interventi in chi presenta quadri clinici. Inoltre, Aboujaoude sottolinea che abbiamo bisogno di ricerche sempre meno equivoche se vogliamo dimostrarne l’efficacia e regolamentare il ruolo dell’allenatore.

Sebbene psicologi e coach cerchino di migliorare la vita delle persone, solo i primi hanno il potere di intervenire sugli aspetti legati alla salute mentale.

2. Completa la terapia psicologica, ma non la sostituisce

La Duke University, nella Carolina del Nord, ha svolto un altro lavoro interessante. Se ci chiediamo se il coaching funziona come terapia, potremmo dire che in certi contesti terapeutici sarebbe utile, fungendo da facilitatore per ottenere dei rinforzi.

Infatti, il “coaching integrativo “, finalizzato alla collaborazione in ambito sanitario, è un’area allo studio che avrebbe benefici. Il motivo è la sua efficacia nel guidare la persona a raggiungere gli obiettivi.

Sebbene il coaching non sia un modello medico, supporta e incoraggia il cambiamento del comportamento, e questo è positivo. Sommato alla stessa terapia psicologica e ai diversi modelli clinici supportati da evidenze scientifiche, gioverebbe al paziente. Tuttavia, di per sé, non è una risorsa appropriata per chi ha condizioni mentali diverse.

3. Non esiste una formazione specifica in salute mentale

Ci sono persone che ricorrono spesso al coaching per affrontare i sintomi depressivi e/o ansiosi. Possono, ovviamente, sperimentare un miglioramento, anche se è semplicemente un prodotto dell’effetto placebo, che è molto potente; ognuno di noi è entità uniche che sono più in sintonia con approcci specifici. Ed è possibile che un allenatore fornisca aiuto.

Tuttavia, le ricadute possono essere frequenti in questi casi. Perché dietro la depressione o l’ansia possono esserci altre comorbilità non affrontate, abitudini, un passato, comportamenti e fattori sistemici non rilevati. Un allenatore non è un professionista formato in salute mentale, gli mancano una specializzazione, una vasta esperienza nel settore e una qualifica.

4. Il coaching funziona in modo mirato nelle persone sane

Per sapere se il coaching funziona come terapia, dobbiamo prima chiarire cosa sia realmente “fare terapia”. È un processo il cui scopo è la guarigione, il sollievo da una serie di condizioni, sintomi o malattie. Il coaching non ha lo scopo di sanare condizioni psicologiche, ma di guidare la persona verso il cambiamento e il raggiungimento degli obiettivi.

Gli psicologi sono abilitati a lavorare sulla sofferenza emotiva, sui comportamenti disfunzionali e su tutti i sintomi associati a diversi problemi psicologici. Ma sì, va notato che puoi andare in terapia psicologica senza evidenziare nulla di psicopatologico e promuovere l’autocoscienza.

Pertanto, è importante tenere presente che, mentre la psicologia è una “disciplina”, il coaching è un “metodo” con un campo di applicazione limitato e specifico. Non può essere applicato per curare fobie, traumi o quel disagio emotivo che blocca la vita.

I coach aiutano le persone a identificare, perseguire e raggiungere i propri obiettivi. La sua attenzione è orientata agli obiettivi e ai risultati. Nella terapia psicologica gli obiettivi non sono chiari, vengono affrontati man mano che il processo procede rilevando i problemi clinici sottostanti e le esigenze autentiche del paziente.

5. Il coaching è molto efficace negli ambienti di lavoro, non in quelli terapeutici

Il coaching è un modello di lavoro molto utile, interessante e sfaccettato per il posto di lavoro. Avere coach di abilità e competenze, per migliorare professionalmente, supporta il suo valore potenziale. Attraverso di esso, è possibile aumentare la nostra autostima e la motivazione a sviluppare migliori strumenti di risoluzione dei problemi e creatività, oltre a favorire l’ottimismo.

Tuttavia, un life and skills coach non può svolgere il proprio lavoro in contesti terapeutici. Non hanno la formazione per sviluppare interventi pianificati e affrontare problemi di salute mentale.

Il terapista spiega se il coaching funziona come terapia
Il coach è una figura molto utile per permetterci di chiarire i nostri obiettivi in un momento di dubbio o mancanza di motivazione.

Quando si tratta di offrire una migliore qualità della vita agli esseri umani, nuovi approcci e professionisti specializzati sono sempre i benvenuti. Pertanto, se ci chiediamo se il coaching funziona come terapia, la risposta, come abbiamo già visto, è chiara. Questo metodo non ha competenze nel campo della salute mentale, ma serve a promuovere cambiamenti concreti.

In quanto tale, il suo valore è interessante e vantaggioso fintanto che le persone sanno quali sono le loro esigenze specifiche. In base alla tua realtà personale, puoi scegliere una figura o un’altra. Diamo un’occhiata a queste differenze.

Come può aiutarmi un “allenatore”?

Il coaching è una specifica tecnica orientata agli obiettivi; Si può fare in gruppo o individualmente. Quello che ci dà è quanto segue:

  • Raggiungere obbiettivi.
  • Raggiungi il successo.
  • Migliorare i punti di forza.
  • avvantaggiare la leadership
  • Prendi decisioni migliori.
  • Allena nuove abilità.
  • Identificare gli ostacoli vitali.
  • Migliorare la motivazione e la fiducia in se stessi.

Dobbiamo andare in terapia psicologica quando non ci sentiamo bene e percepiamo che la nostra vita è in qualche modo limitata. In generale, questi professionisti possono aiutarci con quanto segue:

  • Lutti e traumi.
  • Dipendenze.
  • Paure e fobie.
  • Crisi personali.
  • Ansia e stress.
  • Sofferenza emotiva.
  • Perdita di speranza.
  • Problemi sul lavoro.

Ma anche…

  • Insicurezza, bassa autostima.
  • Cambiamenti di comportamento.
  • Ideazione suicidaria, autolesionismo.
  • Problemi di nutrizione.
  • Pensieri e idee ossessivi.
  • Difficoltà nelle nostre relazioni.
  • Svantaggi per affrontare i problemi.
  • Desiderio di conoscenza di sé, chiarimento degli scopi.

La necessità di regolare le mansioni del coach

Dato che il coaching è con noi da decenni e ha alle spalle una grande industria, è tempo di regolamentare questo lavoro a beneficio di tutti. Avere standard di autorizzazione e formazione sarebbe l’ideale .

Dalla psicologia non sottovalutiamo il lavoro di questo metodo, inoltre, molti psicologi cercano anche di qualificarsi in questo approccio. Abbiamo solo bisogno di una legislazione adeguata da attuare, per evitare intrusioni e garantire la migliore cura per ogni persona.

Potrebbe interessarti ...
Le avversità aiutano a superare i limiti
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Le avversità aiutano a superare i limiti

I limiti più difficili da rompere e superare sono quelli della nostra mente. Il successo dipende per l'80% dalla psicologia e per dal 20% dalla str...


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Aboujaoude E. (2020). Where Life Coaching Ends and Therapy Begins: Toward a Less Confusing Treatment Landscape. Perspectives on psychological science : a journal of the Association for Psychological Science15(4), 973–977. https://doi.org/10.1177/1745691620904962
  • Briner, Rob. (2012). Does coaching work and does anyone really care? OP Matters, 16. https://www.researchgate.net/publication/261758402_Does_coaching_work_and_does_anyone_really_care
  • Hart, V., Blattner, J. y Leipzig, S. (2001). Coaching versus terapia: una perspectiva. Revista de consultoría de psicología: práctica e investigación, 53 (4), 229–237. https://doi.org/10.1037/1061-4087.53.4.229
  • Wolever, R,Q,, Caldwell, K.L., Wakefield, J.P., Little, K.J., Gresko, J., Shaw, A., Duda, L.V., Kosey, J.M., Gaudet, T. (2011). Integrative health coaching: an organizational case study. Explore, 7(1), 30-6. doi: 10.1016/j.explore.2010.10.003. PMID: 21194670.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.