Il linguaggio degli occhi

Gli occhi inviano messaggi indiretti che per questo generalmente passano inosservati. Tuttavia, hanno un proprio alfabeto che può essere decifrato.
Il linguaggio degli occhi

Ultimo aggiornamento: 08 febbraio, 2022

La comunicazione verbale copre solo una piccola parte di ciò che esprimiamo quotidianamente. In genere le nostre parole sono filtrate da condizionamenti o circostanze sociali, ecco perché non sempre comunicano ciò che vogliamo dire genuinamente. È ben diverso il linguaggio degli occhi, che non a caso vengono definiti lo specchio dell’anima.

Il linguaggio degli occhi è per lo più inconscio, ovvero quasi nessuno riesce a mantenerne sempre il controllo. Tanto meno possiamo regolare il raggio di apertura delle nostre pupille o il grado di umidità nell’occhio. Questi piccoli dettagli rivelano numerose informazioni su quello che pensiamo davvero.

“Gli occhi sono il punto in cui anima e corpo si mescolano.”

-Friedrich Hebbel-

L’alfabeto degli occhi

Gli occhi inviano messaggi indiretti che per questo generalmente passano inosservati. Tuttavia, hanno un proprio alfabeto che può essere decifrato.

L’aspetto più visibile è la dimensione delle pupille che cambia automaticamente a seconda delle circostanze, senza che la nostra volontà intervenga.

Il linguaggio degli occhi.

Normalmente le pupille si dilatano se ci troviamo davanti a un oggetto che troviamo piacevole e che accettiamo senza esitazione. Ovviamente si ingrandiscono anche se la luce è scarsa o abbiamo difficoltà a visualizzare qualcosa. Ma se le condizioni di luce e visibilità sono normali, la dilatazione della pupilla è un segno di simpatia e attrazione.

Accade anche il contrario. In altre parole, quando ci troviamo di fronte a qualcosa che genera rifiuto o paura, le pupille tendono a contrarsi. Le pupille piccole rivelano ostilità o malumore, anche se non stiamo guardando direttamente l’oggetto che è la fonte di quelle emozioni.

Il linguaggio degli occhi è probabilmente conosciuto intuitivamente da centinaia di anni. Le antiche prostitute cinesi ed egiziane applicavano la belladonna per aumentare le dimensioni delle pupille quando servivano uno dei loro clienti. Consideravano che ciò le avrebbe rese più desiderabili.

Quanto alle pupille contratte, è facile osservarle in qualsiasi persona pronta ad attaccare. Se ci fermiamo a osservare, noteremo che oltre a strizzare gli occhi le pupille si rimpiccioliscono.

Movimento e linguaggio degli occhi

Gli occhi sono in continuo movimento, anche quando dormiamo. Normalmente si tratta di piccole azioni sulle palpebre o sul bulbo oculare, difficili da catturare.

Tuttavia, ci sono movimenti più espliciti che hanno permesso di studiare cosa si cela dietro questa dinamica. La fase del sonno REM (Movimenti oculari rapidi) è quella in cui gli occhi si muovono più velocemente.

La donna dorme con gli occhi chiusi.

Quando portiamo gli occhi in alto e verso destra, vuol dire che i meccanismi di memoria del cervello sono entrati in azione. Il movimento denota l’evocazione di un dato o di una situazione passata.

Se invece si spostano in alto e a sinistra, molto probabilmente sono state attivate le funzioni creative legate al campo visivo. Questo movimento di solito si verifica quando catturiamo un’immagine che ci sorprende.

Dirigere gli occhi verso il basso indica che siamo entrati in un processo di introspezione. Se lo sguardo è rivolto a sinistra, è sicuramente perché si sta facendo un calcolo su una situazione o un messaggio. Se si sposta a destra, è segno che è in corso un processo di memoria legato alle sensazioni fisiche.

I movimenti oculari a sinistra sono l’indicatore più chiaro dell’attivazione di un processo creativo. A destra indicano un processo legato alla memoria. E in entrambi i casi allude a esperienze legate al suono.

Questi sono solo alcuni esempi di quell’enorme universo che è la comunicazione non verbale. Anche se il linguaggio degli occhi è utile per svelare ciò che le persone con cui parliamo non dicono, forse ha un valore piuttosto aneddotico, perché indica solo alcuni dati isolati sull’attività cerebrale.

Il sorriso di Duchenne

Tutte le informazioni che gli occhi possono fornirci non sono relegate al bulbo oculare, ma possono anche essere trasferite ai muscoli che lo circondano.

In questo caso il muscolo orbicolare è il protagonista. Si trova intorno all’occhio ed è fondamentale per capire se un sorriso è autentico.

Il ricercatore francese Guillaume Duchenne si accorse che un sorriso genuino coinvolge i muscoli zigomatico maggiore e minore vicino alla bocca e i muscoli orbicolari. Così, il sorriso spontaneo è stato battezzato come il sorriso Duchenne.

In questo caso, i muscoli orbicolari sono responsabili dell’allungamento delle guance e delle formazione delle rughe di espressione nel contorno occhi.

This might interest you...
Come leggere le emozioni negli occhi
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Come leggere le emozioni negli occhi

Tutti noi possiamo leggere le emozioni di qualcuno nei suoi occhi. In fin dei conti, lo sguardo è la parte dell'essere umana più comunicativa