Tipi di sorriso secondo Duchenne de Boulogne

Esistono diversi tipi di sorriso. Quest'ultimo non è sempre un segno di felicità o di divertimento, a volte mostra anche il contrario: tristezza o rabbia. È quanto ha scoperto Duchenne de Boulogne, medico francese che si è dedicato all'argomento.
Tipi di sorriso secondo Duchenne de Boulogne

Ultimo aggiornamento: 03 novembre, 2021

La prima persona a intuire la possibilità che ci fossero diversi tipi di sorriso fu un medico francese del XIX secolo di nome Duchenne de Boulogne. O almeno è considerato uno dei pionieri della neurologia e un’autorità sul sorriso.

Con il tempo, le scoperte base di Duchenne de Boulogne sono state pienamente convalidate. Ossessionato dall’uso dell’elettricità per scopi medici e terapeutici, si concentrò sullo studio delle espressioni motorie.

Durante le sue ricerche studiò il caso di un uomo che soffriva di insensibilità facciale. Questo gli permise di collegare un certo numero di elettrodi al viso del paziente senza farlo soffrire. Ciò gli permise di identificare i diversi gruppi muscolari coinvolti nelle espressioni facciali.

A seguito di ciò, descrisse 19 tipi di sorriso. Fu anche in grado di stabilire che solo sei sono autentici, ovvero riflettono il piacere, la gioia o la felicità. Gli altri sono sorrisi che esprimono sentimenti molto diversi, che includono paura, rabbia, disprezzo e molti altri.

“È più facile ottenere ciò che si vuole con un sorriso che con la punta della spada”.

-William Shakespeare-

Cappuccino.

19 tipi di sorriso

Tristi

Anche se può sembrare strano, a volte la tristezza prende la forma di un sorriso. Diversi sorrisi riflettono sentimenti dolorosi e sono espressi in situazioni in cui c’è qualche elemento positivo, in contrapposizione a uno o più elementi negativi. Alcuni di questi sorrisi sono i seguenti:

  • Triste. Le labbra sorridono in modo leggermente asimmetrico, ma negli occhi c’è una profonda espressione di tristezza. Secondo uno studio dell’Università di San Francisco, è il sorriso tipico di chi vince la medaglia d’argento ai Giochi Olimpici.
  • Paurosi. A volte la gente sorride per paura. Succede quando ci si sente impotenti e si sorride per mostrare che non si hanno intenzioni ostili. Questo sorriso viene mostrato di fronte a persone considerate di status superiore.
  • Solitudine. Si tratta di un sorriso appena percettibile che a volte è accompagnato da una leggera espressione di tristezza. La sua caratteristica principale è che appare solo quando si è in completa solitudine. Non è un sorriso condiviso.

Sociali

Tutti i sorrisi sono sociali, ma alcuni hanno ruoli specifici nelle relazioni interpersonali. Sono espressioni più o meno calcolate, che nascono sempre in funzione di altre. All’interno di questo gruppo troviamo il sorriso:

  • Represso. È un’espressione genuina di felicità, ma è considerata inappropriata, quindi finisce per essere contenuta. In essi lo sforzo muscolare di contenimento è più visibile del sorriso stesso.
  • Falso. È il tipico sorriso educato che esibiamo quando vogliamo essere gentili con gli altri, ma non siamo davvero felici. La sua caratteristica principale è che gli angoli delle labbra sono sollevati, ma gli occhi rimangono inespressivi.
  • Imbarazzato. Quando ci sentiamo in imbarazzo ed è spesso accompagnato da una leggera inclinazione della testa e, molte volte, da rossore. In questo caso, la risata ha il ruolo di cercare di ridurre la tensione della situazione.
  • Civettuolo. Quasi sempre gli occhi sono leggermente stretti, mostrando un’espressione maliziosa. Gli intenditori sottolineano che la Gioconda è un esempio perfetto di questo sorriso.
Donna che sorride.

Sorrisi aggressivi

Tra i tipi di sorriso scoperti da Duchenne de Boulogne ci sono anche quelli che in realtà hanno un significato completamente opposto all’essenza del sorriso.

Sono espressioni di rifiuto, disprezzo o addirittura crudeltà verso gli altri. All’interno di questo gruppo troviamo quelli che seguono:

  • Malizioso. Quando ci rallegriamo del male degli altri. Mostra all’altra persona in modo evidente che la sua disgrazia ci rende felici. È il tipico sorriso dei cattivi.
  • Disprezzo. Il viso mostra rabbia, eppure sorridiamo. Ha luogo quando, per esempio, sentiamo che qualcuno ci ha ridicolizzato e gli altri ridono.
  • Di circostanza. È quello che cerca di rendere più piacevole qualcosa che è ovviamente sgradevole. Come quella del venditore che ti dice: “La promozione è esaurita”.

Tipi di sorriso

Infine c’è anche sorriso di Duchenne, ovvero il più genuino e quello che più corrisponde al significato essenziale di questa espressione.

Non solo le labbra ridono, ma lo fa tutto il viso, in particolar modo gli occhi. È il sorriso più autentico e anche il più potente.

Potrebbe interessarti ...
Il potere del sorriso in 3 esperimenti
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il potere del sorriso in 3 esperimenti

Grazie a diversi esperimenti sul potere del sorriso, realizzati in diverse parti del mondo, oggi sappiamo che un sorriso deve essere sincero.



  • Alonso, Á. L., Molina, F. C., Serrano, J. M., & Carriba, S. F. (2004). Neuropsicología de la percepción y la expresión facial de emociones: Estudios con niños y primates no humanos. Anales de Psicología/Annals of Psychology, 20(2), 241-259.