Il locus of control e come influisce sul benessere psicologico

Quali conseguenze derivano dall'attribuzione di responsabilità per ciò che ci succede? Quali sono le reali implicazioni del locus of control esterno e interno? In questo articolo ve lo diciamo!
Il locus of control e come influisce sul benessere psicologico

Ultimo aggiornamento: 29 ottobre, 2022

Siete padroni dei vostri passi o lo è il caso? La risposta a questa domanda ha a che fare con il locus of control, un concetto che si riferisce ai fattori o alle cause a cui ricorriamo per spiegare cosa ci accade quotidianamente.

Se il nostro locus è esterno, tendiamo ad attribuire la “colpa” (o la responsabilità) per ciò che ci accade, agli altri o alle circostanze. Se invece è interna, significa che tendiamo a credere che ciò che ci accade dipenda da noi e, quindi, sta a noi cambiarlo.

Ma quali conseguenze ha la percezione di un locus interno o esterno sul nostro benessere psicologico? Come vedremo, nessuno dei due estremi va bene!

Cos’è il locus of control?

A quali cause attribuite le cose che vi accadono nell’arco della giornata? Chi o cosa ha il controllo della vostra vita? Voi, gli altri, le circostanze…? Questo è ciò con cui ha a che fare il locus of control, un meccanismo che si riferisce a ciò che crediamo abbia il controllo delle nostre vite. Quando, in modo generico, attribuiamo ciò che accade a noi stessi, significa che il nostro locus of control è interno.

D’altra parte, quando lo attribuiamo alla fortuna, all’ambiente, agli altri, alle circostanze… allora, il nostro locus of control è esterno.

La realtà è che, in generale, nessuno ha un locus of control interno o esterno al 100%, ma piuttosto varia a seconda della situazione. Ma possiamo dire che ogni persona tende di più all’uno o all’altro.

Il concetto è stato definito nel 1954 dallo psicologo Julian B. Rotter. È un meccanismo che è integrato nella nostra personalità e secondo uno studio condotto nel 2020 dai ricercatori della Victoria University di Wellington, sarebbe associato a determinati modelli comportamentali. Ad esempio, e secondo lo studio, un locus of control esterno è associato a una maggiore tendenza criminale.

uomo che pensa
Il locus of control esterno ci rende agenti passivi di ciò che viviamo.

Un esempio per comprendere questo fenomeno psicologico

Di fronte a un problema sul lavoro (“oggi i miei studenti non mi hanno prestato attenzione in classe”), una persona con locus of control interno direbbe che la ” colpa “ è sua, che non ha spiegato con sufficiente convinzione, che non ha preparato bene la classe… Cioè, attribuirebbe a se stesso la causa della situazione (qualcosa di interno).

Una persona con un locus of control esterno direbbe invece che quel giorno gli studenti dormivano di più, che sono già alla fine del corso e sono stanchi, ecc. Quindi, attribuirebbe la causa della situazione a fattori esterni e circostanziali.

Per scoprire qual è il nostro locus of control, dobbiamo pensare alla nostra tendenza, in varie situazioni e aree (vita personale, lavoro accademico…), non in momenti specifici.

Locus of control: come influenza il nostro benessere psicologico

Il locus sia interno che esterno influisce sul nostro benessere psicologico, sulle decisioni che prendiamo, su come ci sentiamo e persino sui nostri pensieri. Il locus of control interno ci rende più consapevoli delle nostre possibilità di miglioramento e, cosa più importante, ci fa sviluppare ed eseguire piani per ottenere questi miglioramenti.

Invece, un forte locus esterno spesso ci rende agenti passivi o spettatori di ciò che ci accade. La nostra speranza ha più a che fare con la fede che con un atteggiamento propositivo.

Quindi, generalizzando molto, possiamo dire che, dato ciò che possiamo controllare, il locus  interno ci porta alla proattività e il locus of control esterno alla passività. Tuttavia, non sarà sempre così, perché ci saranno situazioni in cui dovremo adottare un locus esterno per non soffrire (in situazioni che non dipendono da noi), e in cui dobbiamo lavorare sull’accettazione.

“Ci sono due scelte principali nella vita: accettare le condizioni così come esistono o accettare la responsabilità di cambiarle”.

-Denis Waitley-

Impotenza appresa e locus esterno

Possiamo collegare la questione della passività e del locus of control esterno con un concetto molto interessante in psicologia: l’impotenza appresa. Ed è che, in certe situazioni, avere un locus of control esterno può portarci all’impotenza appresa, quando ci porta alla passività. Sarebbe pensare: ” dal momento che non posso più fare niente, poiché la situazione non dipende da me, ma dalle circostanze, mi abbandono “.

Eccesso di responsabilità, domanda e posizione interna

E, d’altra parte, quando siamo molto esigenti e tendiamo a pensare che “tutto dipende da noi”, che “tutto è nelle nostre mani”, corriamo anche il rischio di assumerci troppe responsabilità delle cose, degli altri… E questo può farci soffrire, farci sentire sopraffatti perché, ovviamente, non possiamo gestire tutto (almeno, non tutto allo stesso tempo), tanto meno tutto dipende da noi.

Non ce n’è bisogno! Non è necessario per essere felici. Non abbiamo bisogno del controllo di tutto, anche se a volte pensiamo di sì (soprattutto le persone con un locus interno rigido).

Infine, un’altra conseguenza di un alto locus of control interno (quando è rigido ed è difficile per noi cambiarlo) è il fatto di attribuire a noi stessi tutto ciò che ci accade (e anche ciò che accade agli altri), che a volte può intensificare il senso di colpa. Colpevole, ad esempio, quando non possiamo cambiare qualcosa che pensiamo dipenda da noi (quando, in realtà, non è così).

Equilibrio e flessibilità: le chiavi per avere un buon locus

La verità è che non ne esiste uno migliore dell’altro, poiché, sia che abbiamo un locus interno che esterno, possiamo soffrire e anche godere o prendere le decisioni giuste. Ma se siamo rigidi in questi ruoli, è probabile che soffriamo molto di:

  • Le cose che non possiamo cambiare o controllare.
  • L’imprevisto.

Pertanto, la chiave è cercare di trovare equilibrio e flessibilità, due elementi che ci avvicinano a una visione più realistica delle cose e ad essere più compassionevoli con noi stessi. In altre parole, si tratta di cercare di adattare il nostro locus  alla situazione e di cercare di essere realistici con ciò che ci accade.

“Rimani impegnato nelle tue decisioni ma rimani flessibile nel tuo approccio.”

-Anthony Robbins-

Donna che pensa
Un locus interno ci porta alla proattività.

Un esercizio per raggiungere l’equilibrio del nostro locus of control

Un piccolo trucco per iniziare a lavorarci su (affinché sia flessibile, ci porti ad essere critici e realistici con le situazioni) consiste nel disegnare due colonne su un foglio di carta. Nella prima scriveremo le cose che dipendono da noi e che possiamo cambiare e nella seconda quelle che non possiamo cambiare.

Con le informazioni nella prima colonna, potete iniziare a definire i comportamenti che potreste mettere in atto per cambiare ciò che non vi piace. E con le informazioni nella seconda colonna, dovrete lavorare per accettare ciò che non dipende da voi. Concentratevi sull’accettarlo, anche se vi dà fastidio o vi fa male. E non dimenticate di annotare anche le tue emozioni. Con questo semplice esercizio sarete un po’ più vicino a conoscere voi stessi e a ritrovare il vostro benessere.

Potrebbe interessarti ...
Locus of control in psicologia: che cos’é?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Locus of control in psicologia: che cos’é?

Il termine locus of control si riferisce al modo in cui percepiamo l'origine degli eventi nella nostra vita. Scoprite con quali conseguenze!



  • Tyler, N., Heffernan, R. & Fortune, C. (2020). Reorienting Locus of Control in Individuals Who Have Offended Through Strengths-Based Interventions: Personal Agency and the Good Lives Model, Front. Psychol. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2020.553240