Il mio partner si sente asfissiato: cosa faccio?

Il mio partner si sente asfissiato e non so come comportarmi. Vi è mai successo? In questo articolo identificheremo le cause principali e vi offriremo alcune linee guida per affrontare questa situazione.
Il mio partner si sente asfissiato: cosa faccio?
Laura Ruiz Mitjana

Scritto e verificato da la psicologa Laura Ruiz Mitjana.

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre, 2022

Il mio partner si sente asfissiato. Vi gira questo pensiero in testa e non sapete come gestire la situazione? In questo articolo scopriamo cosa può succedere quando il nostro partner ci comunica questo messaggio, una situazione davvero frequente in molte relazioni.

Il campo delle relazioni è complesso e trovare una persona con cui stare per il resto della nostra vita è un compito difficile.

In realtà, siamo in un mondo in continua evoluzione, e questo include anche le nostre relazioni. Ne parlava infatti già il sociologo Zygmunt Bauman nella sua opera Liquid Modernity. Bauman introduce anche altri concetti, come quello di amore liquido, riferendosi allo stato attuale delle relazioni amorose, che tendono più a evaporare che a rimanere nel tempo.

Senza ulteriori indugi, parleremo in questo articolo di come viene vissuta questa situazione, in cui il nostro partner ci dice di essere stato sopraffatto. Quali sono le sue possibili cause? Come possiamo agire? C’è la possibilità di recuperare la normalità?

Donna in difficoltà con il suo partner

Il mio compagno si sente asfissiato

Si potrebbe parlare, a grandi linee, di due tipi di stress“; quello per cui il vostro partner dice di sentirsi sopraffatto per circostanze esterne alla relazione (lavoro e stress, situazioni familiari…) e quello che deriva dallo stress della relazione stessa.

Questo secondo caso è solitamente il più preoccupante, dal momento che è la relazione (a volte anche noi) che sta appesantendo il nostro partner. Come si manifesta questa situazione, all’interno della relazione? Vediamolo.

Manifestazioni e sintomi

Quando il nostro partner si sente asfissiato dalla relazione, questo di solito è preceduto da un cambiamento nel suo atteggiamento, e questo è stato a lungo freddo, distante e strano. Questo cambiamento di atteggiamento è solitamente improvviso e inspiegabile, quando sentiamo che tutto sta andando bene. Come si traduce questo atteggiamento? In sintomi come:

  • Meno tempo libero (o meno tempo per noi).
  • Comunica di meno, o peggio.
  • Inizia a inventare scuse per passare meno tempo con noi.
  • Afferma che non c’è niente di sbagliato in lui, che è solo più impegnato.
  • Primi sintomi di sopraffazione.

Il mio partner si sente sopraffatto: possibili cause

Ci sono molteplici ragioni che possono portare il partner a sentirsi asfissiato, anche se uno dei più comuni (anche se non ci piace) è l’esistenza di una terza persona. Molte volte la persona incontra qualcuno di nuovo nella sua vita che gli fa riacquistare l’illusione o semplicemente si innamora, e per paura o mancanza di coraggio, non è in grado di dirci, rivolgendosi così ai classici: io sono sopraffatto o io bisogno di essere solo/alla volta.

Tuttavia, i motivi più comuni includono anche:

  • Gelosia. Se siamo costantemente gelosi del nostro partner, è probabile che finiremo per sopraffarlo. Ebbene, questa sensazione ci porta a compiere azioni di controllo, come controllare il suo cellulare o vietargli di vedere gli amici.
  • Dipendenza emotiva. Essere dipendenti dal nostro partner ci fa desiderare la sua vicinanza fisica ed emotiva in ogni momento; in questo modo, la separazione causa grande angoscia. Tuttavia, alla lunga, questa situazione finisce per soffocare l’altro.
  • Non avere il tempo e lo spazio per coltivare l’individualità. Trascorrere tutto il tuo tempo con il partner è estenuante. Per quanto amore ci sia, entrambi dovreste avere il vostro spazio e obiettivi individuali. Se no, prima o poi vi stancherete l’uno dell’altro.

Qualunque cosa sia, l’importante è parlare con il nostro partner e chiarire le cose, evitando il panico. Come possiamo agire? Ve ne parleremo nel prossimo punto.

Come possiamo agire, se il mio partner si sente asfissiato

Di fronte al temibile pensiero: “il mio partner si sente asfissiato”…cosa possiamo fare? Prima di farci prendere dal panico e gettare al vento la nostra dignità pregandolo di stare al nostro fianco, abbiamo la possibilità di impegnarci in una conversazione seria con lui. Anche se siamo spaventati o riluttanti, potrebbe essere il momento di mettere le carte in tavola.

Può essere utile iniziare con: “Cosa ti pesa nella relazione? “Oppure” C’è qualcosa che posso fare, o preferisci stare da solo per un po’? ». L’importante è dimostrare che siamo in grado di capire la situazione e che non faremo pressioni affinché prenda una decisione.

Logicamente, se sospettiamo che ci siano terze persone o situazioni simili, l’ideale sarebbe chiarire la situazione e impedire loro di giocare con noi. Cioè, possiamo capire che l’altro è stato travolto, ma se c’è un problema più profondo, abbiamo il diritto di conoscerlo, di poterlo affrontare.

D’altra parte, se entrambi vogliono continuare la relazione, dovrebbero trovare un modo per rompere con la routine e provare nuove esperienze di coppia. Questo aiuta ad alimentare la fiamma dell’amore e può facilitare una nuova prospettiva sulla relazione.

Non commettete i seguenti errori

Quando il nostro partner ammette di sentirsi asfissiato, è normale che sopraggiungano sentimenti di paura, ansia, dubbi… E molte volte commettiamo l’errore di rincorrere la persona, cercare di riconquistarla o addirittura supplicarla di stare con noi, il che lo rende ancora più opprimente.

Secondo Cristina Lago, coach esperta nei rapporti di coppia, questi gesti è meglio lasciarli per quando la situazione tornerà alla normalità, nel caso ciò accada.

“Intensificando le tue attenzioni amorevoli come reazione all’allontanamento (che non hai causato) dal tuo partner, ciò che mostri non è amore, o lotta, o tutte quelle cose a cui stai pensando. Quello che mostri è che sei spaventato a morte».

-Cristina Lago-

Cosa succede quando la paura è ciò che ci fa agire? Che la nostra attrattiva per l’altro sia ridotta, che generi sopraffazione e che anche la nostra autostima possa risentirne.

Il mio partner si sente asfissiato: devo affrontare la situazione

Non è lo stesso sentire che “il mio partner si sente sopraffatto” quando stiamo iniziando una relazione, rispetto a quando ci siamo dentro da molto tempo. Tuttavia, c’è una cosa comune in entrambe le situazioni se il fardello si prolunga nel tempo e non ci danno speranza di tornare, ed è che il nostro tempo è denaro.

In queste situazioni, è meglio accettare e accettare la situazione, applicando il contatto zero con la persona. C’è una frase che possiamo applicare a questa situazione, e che dice: “Il tempo è un giudice così saggio, che non condanna subito, ma alla fine è d’accordo con chi lo ha”.

Quindi il tempo lo dirà. Sicuramente avrai mille domande in testa a ballare dopo, ma sarà proprio il tempo a risolverle (quando, probabilmente, non avrai più bisogno delle risposte).

Ragazzo serio che pensa: il mio partner è stato sopraffatto

La relazione funzionerà di nuovo?

Di fronte a un temibile “Il mio partner si sente soffocare, la prossima cosa che ci chiediamo è: “Staremo di nuovo bene insieme?” Non c’è una risposta concreta, perché come abbiamo detto, solo il tempo e la voglia di entrambi diranno.

Tuttavia, c’è una cosa che possiamo fare per favorire il processo: mantenere un atteggiamento fermo con l’altro, facendogli capire che non prolungheremo questa situazione e che ci perde nella misura in cui questo peso persiste.

Ricordiamo che una rottura non è la fine del mondo. Infatti, secondo lo psicologo Jaume Guinot, una pausa è l’occasione per trovare qualcosa di meglio”. D’altra parte, non dobbiamo dimenticare che quando il peso sul nostro partner è prodotto da fattori esterni, e se la relazione sta andando bene, la cosa normale è che vuole appoggiarsi a noi, e non scappare. Se si verifica questo secondo, forse c’è qualcos’altro.

“In una situazione che sta andando bene, in cui entrambe le persone hanno spazio per avere una vita propria e dove c’è libertà, equilibrio e corrispondenza, non c’è spazio per la sopraffazione”.

-Cristina Lago-

Potrebbe interessarti ...
Il segreto delle relazioni felici
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il segreto delle relazioni felici

Viviamo la maggior parte del tempo in automatico, accelerati dall'accumulo di compiti in sospeso. Qual è il segreto delle relazioni felici?



  • Bauman, Zygmunt. (2003). Modernidad líquida, Editorial Fondo de Cultura Económica, México DF.
  • Ramachandran, V. S., & Jalal, B. (2017). The evolutionary psychology of envy and jealousy. Frontiers in psychology8, 1619.
  • Sierra, J. C., Ortega, V., & Zubeidat, I. (2003). Ansiedad, angustia y estrés: tres conceptos a diferenciar. Revista mal-estar e subjetividade3(1), 10-59.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.