Il mondo del teatro: curiosità che non conoscevate

Il colore giallo non è consentito in molti teatri. Il motivo è che Mollière, il famoso drammaturgo, era vestito di quel colore quando si ammalò e dovette abbandonare lo spettacolo, per poi morire. Il mondo del teatro è tanto affascinante quanto scaramantico. Scopriamolo insieme.
Il mondo del teatro: curiosità che non conoscevate

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 25 ottobre, 2022

Il mondo del teatro è un’esperienza unica, sia per gli artisti che per il pubblico. Ogni rappresentazione dà le sue emozioni, le sue conquiste e cela le sue vicissitudini. Non è un caso che sia una delle espressioni più antiche e universali dell’umanità e non per niente lo è ancora.

Il mondo del teatro: curiosità interessanti

Sebbene gli spettacoli teatrali siano conosciuti in quasi tutte le culture, il primo periodo di massimo splendore di quest’arte risale all’antica Grecia. Da allora , il simbolo del teatro sono state due maschere: una che sorride, rappresentando la commedia, e l’altra che piange, come simbolo della tragedia.

I greci pensavano che Thalía fosse la musa ispiratrice della commedia, poiché amava le feste, le baldorie, le risate e la musica. Melpomene era la musa della tragedia e si diceva che avesse tutto, ma non poteva essere felice. Le tragedie greche sono un’espressione così completa e meravigliosa rappresentazione della condizione umana che continuano ad affascinare ancora oggi. Vediamo altre curiosità sul mondo del teatro.

La vita è uno spettacolo che non permette le prove. Perciò, canta, ridi, balla, piangi e vivi ogni momento della tua vita intensamente, prima che cada il sipario e lo spettacolo finisca senza applausi ”.

-Charles Chaplin-

La gente che fa teatro si saluta
Il sipario non esisteva sempre nel teatro, questa fu un’innovazione per il teatro del XVII secolo.

Il mondo del teatro: curiosità nel corso della storia

Il primo teatro fu in pietra, in Grecia, e dedicato al dio Dioniso. Era diviso in tre parti: il palcoscenico, luogo per l’orchestra, e il luogo per il pubblico. I greci applaudivano alla fine di una commedia; i romani facevano lo stesso, ma agitavano anche le estremità delle loro toghe o sventolavano un nastro speciale che regalavano al pubblico a tale scopo.

Proprio come il teatro ha avuto un periodo fecondo in Grecia, ha anche vissuto il proprio declino all’inizio del cristianesimo. Quest’arte fu vista con sospetto e per lungo tempo furono vietate le esibizioni pubbliche. Tuttavia, tutto cambiò con la comparsa degli autos sacramentales, che mettevano in scena alcuni passaggi della Bibbia.

All’inizio le opere teatrali potevano essere esposte solo nelle chiese. In seguito fu consentito che si svolgesse nelle piazze pubbliche. A prescindere da ciò, fino al XVIII secolo, la professione di attori era considerata motivo di infamia. Era loro proibito ricoprire certi uffici pubblici e non potevano essere sepolti in suolo sacro.

Per molto tempo alle donne è stato proibito di recitare negli spettacoli teatrali. Se erano richiesti personaggi femminili, venivano usati uomini molto giovani che non avevano cambiato voce.

Miti e leggende a teatro

Non sono pochi i teatri che sono circondati da leggende e miti. Ad esempio, si dice che il West End di Londra, il più grande quartiere dei teatri del mondo, sia infestato dai fantasmi. In effetti, molti teatri in tutto il mondo non funzionano il lunedì, poiché si dice che questo sia il giorno in cui i fantasmi possono vagare indisturbati per il sito. Inoltre, si lasciano anche le luci accese quel giorno.

E a proposito di leggende, si dice che la famosa opera teatrale di Shakespeare Macbeth sia maledetta. Questo mito è stato stabilito perché la prima volta che lo spettacolo è stato rappresentato, l’attore principale è morto prima di salire sul palco. Shakespeare stesso prese il suo posto, ma le luci erano inutili. Nel 1849, 20 persone morirono durante l’esecuzione di questo lavoro. Per questo molti attori e registi lo temono.

Il mondo del teatra tra altri miti e leggende

I miti e le leggende del teatro non si fermano qui. Le espressioni “merda, merda” e “break a leg” fanno parte del gergo teatrale e rappresentano un augurio di buona fortuna. Nel primo caso, perché c’era un tempo in cui si dovevano percorrere lunghe distanze a cavallo per arrivare al teatro. Così tanti spettatori arrivavano a cavallo. Quindi, più “merda” veniva prodotta, più numeroso era il pubblico.

L’espressione “rompere una gamba” risale a quando, considerando che una performance era stata buona, il pubblico lanciava monete al termine della funzione, se l’opera era stata gradita. Gli attori dovevano inginocchiarsi per raccogliere i soldi. Quindi l’espressione prevede che il lavoro avrà un tale successo da rompersi una gamba a furia di raccogliere monete.

teatro londinese
Les Miserables è il musical più longevo del West End di Londra.

Il mondo del teatro

In genere sia il sipario che le poltrone dei teatri sono rossi. Ciò è dovuto ad un effetto ottico chiamato “Purkinje”. Ha a che fare con il fatto che il rosso è il primo colore che l’occhio umano smette di vedere quando le luci si spengono. Questo aiuta gli spettatori a focalizzare gli occhi sulla scena.

La durata di uno spettacolo, infine, varia parecchio. Si ritiene che il più corto possa durare circa tre minuti, mentre il più lungo finisce un giorno dopo l’inizio. Uno dei più lunghi è Gatz, una performance di otto ore che legge per intero Il grande Gatsby di Scott Fitzgerald.

Potrebbe interessarti ...
Siamo ciò che pensiamo e chi frequentiamo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Siamo ciò che pensiamo e chi frequentiamo

Siamo ciò che pensiamo, ma a definirci sono anche le persone di cui ci circondiamo. Nessun contesto è neutrale e sono vari i fattori che ci influen...



  • Blanco, M. (1998). De la tragedia a la comedia trágica. In Teatro español del Siglo de Oro: teoría y práctica (pp. 38-60). Vervuert Verlagsgesellschaft.
  • De Petre, J. C. (2004). El teatro desconocido. Assaig de teatre: revista de l’Associació d’Investigació i Experimentació Teatral, 15-32.
  • Martínez, J. L. (2014). Estudio y edición crítica y anotada de” Melpómene”, musa tercera de El Parnaso Español de Quevedo (Doctoral dissertation, Universidade de Santiago de Compostela).