Il mondo della pittura: curiosità affascinanti

Il mondo della pittura è pieno di sorprese. Una tra queste è che tra il 1912 e il 1948 rientrava tra le discipline olimpiche. Infatti, mentre gli altri gareggiavano in attività puramente fisiche, i pittori lo facevano con le loro creazioni.
Il mondo della pittura: curiosità affascinanti

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2022

Il mondo della pittura è pieno di curiosità, aneddoti e magia. Chi non si è sentito sopraffatto quando ha appreso dei grandi tormenti che hanno attraversato pittori come Vincent Van Gogh o Frida Kahlo? Chi non si è commosso con La Guernica o non è rimasto affascinato da Il figlio dell’uomo, di Magritte?

La storia del mondo della pittura inizia più di 32.000 anni prima della nostra era. È una delle arti che è stata presente ed è rimasta in vigore in tutti i tempi, praticamente in tutte le culture. Ci ha lasciato in eredità meravigliose creazioni che ancora ci sorprendono.

Si pensa che i pittori più famosi al mondo siano Leonardo Da Vinci, Van Gogh e Pablo Picasso. Non è un dato assoluto, ma sono gli artisti di cui si è più parlato in tutti i paesi e in tempi diversi. A loro volta, i dipinti più famosi sono La Gioconda, L’ultima cena, La notte stellata e L’urlo.

Un’opera d’arte non è mai finita, è solo abbandonata.”

-Leonardo Da Vinci-

persona che dipinge a olio
Le emozioni possono essere elaborate anche attraverso la pittura.

Il mondo della pittura a olio: curiosità

Al giorno d’oggi chi vuole immergersi nel mondo della pittura ad olio deve solo acquistare gli strumenti in un negozio, ma non è sempre stato così. I pittori del passato non avevano tubi comodi per conservare le loro vernici. La maggior parte di loro doveva realizzare i propri dipinti a olio a casa, conservandoli in vesciche di maiale.

Il tubetto a compressione della pittura a olio è stato creato da John Goffe Rand nel 1841 e ha rivoluzionato il mondo della pittura. Era considerata un’invenzione straordinaria e in effetti lo era. In ogni caso c’erano ancora alcuni problemi da risolvere, come il problema del colore, che oggi non erano facilmente ottenibili.

Ad esempio, potevano ottenere il giallo indiano solo dall’urina di mucche nutrite con foglie di mango. Una vera impresa trovarli. La porpora di Tiro, colore molto apprezzato dai Romani, si ricavava dalle glandule di alcune lumache di mare. Indovina dove hanno preso la “mummia marrone”? Infatti: delle mummie. Alcuni dei suoi resti sono stati macinati per ottenere il tono.

Gli affari sono affari

Ci sono dipinti con un grande valore economico, quindi parliamo anche di un business che per molti è molto redditizio. Ci sono opere che sono state vendute o messe all’asta a prezzi astronomici. Valgono così tanto? La verità è che funzionano quasi come un titolo, soprattutto nei momenti in cui il denaro perde il suo potere d’acquisto. Sono un business redditizio.

Si ritiene che il dipinto più costoso sia la celebre Gioconda di Leonardo Da Vinci. Il suo prezzo stimato è equivalente al 15% del Prodotto Interno Lordo (PIL) della Francia, ovvero circa 190 miliardi di dollari. Tuttavia, la sua vendita è vietata. Questo non è stato un ostacolo per il furto del dipinto nel 1912 e sono stati commercializzati cinque falsi di questo gioiello, che a un certo punto è passato per quello autentico.

Tra i 25 dipinti più preziosi di tutti i tempi, ce ne sono cinque di Vincent Van Gogh , quattro di Pablo Picasso e tre di Jackson Pollock. Risulta essere piuttosto un’ironia, dal momento che Van Gogh ha venduto solo quattro dipinti nella sua vita, degli oltre 2.000 che ha prodotto. Infatti, se non fosse stato per l’aiuto di suo fratello Theo, non ne avrebbe mai venduto uno.

Monna Lisa
Gioconda, Leonardo da Vinci

Funziona con enigmi e significati nascosti

Molti artisti hanno messaggi nascosti nelle loro opere. Uno di quelli che più si è divertito a farlo è stato Leonardo. Nella sua opera più famosa, La Gioconda, ci sono almeno due dettagli che solo i più attenti colgono: le iniziali del genio sono dipinte sull’occhio destro della modella e il numero 72 è stampigliato sul ponte dietro la figura. Chissà perché.

Un altro dettaglio interessante appare nell’opera La creazione di Adamo, di Michelangelo. In essa si vede Dio avvicinarsi al primo essere umano da una nuvola. Una tale nuvola non è niente di meno e niente di più che un cervello. È stato un colpo di fortuna, un simbolo che l’intelletto è un dono di Dio o una dichiarazione di ateismo?

L’artista ungherese Tivadar Kosztka Csontváry ha prodotto un’opera affascinante ed enigmatica chiamata The Old Fisherman. Il suo significato nascosto fu scoperto solo dopo la morte dell’artista. L’opera rappresenta un vecchio marinaio, segnato dal passare del tempo. Se al centro del dipinto viene posizionato uno specchio, si possono vedere due volti: Dio e il diavolo. Si ritiene che il pittore volesse rappresentare la dualità dell’anima umana. Un altro meraviglioso regalo dal mondo della pittura.

Potrebbe interessarti ...
L’arte come cura dell’animo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
L’arte come cura dell’animo

L'arte rappresenta un'ottima cura per il nostro animo



  • Cortez Chacchi, A. C. (2018). La pintura al óleo, la técnica y su evolución histórica.
  • Gonçalves, M. L. C. R., & de Amorim, A. C. R. (2012). Gabinete de curiosidades: o paradoxo das maravilhas. Educação: Teoria e Prática, 22(40), 223-238.