Individuare i propri bisogni psicologici nel presente

Individuare i propri bisogni psicologici attuali è molto importante per indirizzare le proprie decisioni verso aspetti per noi più importanti o più sensibili. Come riuscirci? Vi diamo alcuni consigli.
Individuare i propri bisogni psicologici nel presente

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 10 marzo, 2023

Individuare i propri bisogni psicologici, quelli che per una persona cambiano a seconda del periodo e delle circostanze, non è facile. Sebbene i bisogni primari si mantengano per tutta la vita, ciascuno acquista un’intensità diversa in relazione a fattori quali l’età, le esperienze personali, il contesto specifico, ecc.

La visione della teoria dell’autodeterminazione secondo cui ci sono tre bisogni psicologici di base è ampiamente accettata: competenza, relazionalità e autonomia. Ai fini della concretizzazione, tali bisogni possono essere così suddivisi: bisogno di certezza e di conforto; di varietà, significato, connessione e relazione, crescita e contributo.

La verità è che sebbene questi bisogni psicologici siano sempre presenti, in ogni fase della vita vengono vissuti in modo diverso. È possibile che in un dato momento la cosa più importante sia il bisogno di connessione e relazione, ma in seguito il bisogno di significato diventa rilevante. E così via.

Come identificare le nostre esigenze nel qui e ora? Ci sono quattro domande che vi aiuteranno a identificarli.

«Molti di noi, il più delle volte, non ascoltano noi stessi, ma ascoltiamo le voci introiettate di mamma, papà, il sistema, gli anziani, l’autorità o la tradizione».

-Abraham Maslow-

uomo che pensa

Parole di incoraggiamento per individuare i propri bisogni

Insistiamo: i bisogni psicologici di base sono sempre presenti, ma in un momento specifico uno di essi può diventare più importante. Uno dei modi per identificare il nucleo della riflessione è porsi questa domanda: quali sono state le parole di incoraggiamento che hanno toccato di più la vostra anima, nell’ultimo anno?

Rispondendo a questa domanda, aprirete la strada per lavorare su due aspetti. Uno, per cosa avete combattuto e quanto vi è costato. Due, la rilevanza che date al supporto in quell’aspetto.

L’importante è che pensiate al motivo per cui quelle parole sono state così significative per voi. Come vi hanno influenzato? Nel caso non abbiate ricevuto quel regalo, pensate a quella situazione in cui avreste voluto riceverlo.

Il complimento che bramate, una chiave per individuare i propri bisogni psicologici

Raramente pensiamo al complimento che vorremmo ricevere. O meglio, non lo facciamo consapevolmente. In fondo, ci sentiamo tutti orgogliosi di qualcosa che abbiamo fatto o ottenuto e vorremmo che gli altri lo riconoscessero. È possibile che non l’abbiamo considerato così direttamente, ma esplorandolo un po’ lo rileveremo.

Seguendo la scia del complimento di cui siete in cerca, arriverete al vostro più sentito bisogno di riconoscimento. Inoltre, questo vi darà un’idea del modo in cui vi state proiettando e della qualità e della reciprocità nei rapporti con le altre persone.

Perché pensate che non se ne accorgano? Cosa causa questa mancanza di feedback positivi? Quanto vi colpisce questa mancanza di riconoscimento?

La saggezza 

A questo punto dovreste chiedervi: qual è la lezione principale che ho imparato nell’ultimo anno, sulla base di un errore commesso? La chiave è non pensarci troppo. Fate riferimento alla prima esperienza che vi viene in mente: è quella che vi è rimasta maggiormente impressa, anche se ci sono stati apprendimenti più rilevanti.

È probabile che i vostri attuali bisogni psicologici siano associati a quell’evento. Ciò che vi invitiamo a esplorare qui è sia cosa vi ha portato all’errore, sia come l’avete risolto. In circostanze come questa, di solito vengono imposte decisioni rapide e ciò che è accaduto non sempre viene assimilato. Se scavate un po’ più a fondo, potreste dare un significato più solido a quello che è successo.

Pensiero della donna

La sensazione di vergogna

Infine, dovreste chiederti questo: quand’è stata l’ultima volta che mi sono sentito veramente imbarazzato per qualcosa? E soprattutto: perché? Il sentimento di vergogna è strettamente associato al modo in cui valutate la vostra prestazione in una situazione e al peso che hanno le opinioni degli altri nella vostra vita. Ecco perché è importante riflettere attentamente prima di rispondere.

In termini di bisogni psicologici, la vergogna fa riferimento a tre aspetti fondamentali: competenza, relazione e autonomia. Vi aiuta a trovare la traccia delle questioni che vi stanno più a cuore, in termini di rapporto con voi stessi e con gli altri, compresi eventuali squilibri o crepe che lo compongono. Di cosa avreste avuto bisogno per sentirvi competente in quella situazione che vi metteva in imbarazzo?

Una volta che vi sarete posti le quattro domande fondamentali, individuate quale vi ha colpito di più o vi ha fatto riflettere. Pensate ai bisogni psicologici coinvolti e provate a specificare quali di essi sono una priorità per voi. Vi incoraggiamo ad averlo nelle vostre prossime decisioni.

Potrebbe interessarti ...
Essere troppo esigenti e mania di controllo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Essere troppo esigenti e mania di controllo

In questo articolo vediamo perché è controproducente essere troppo esigenti con se stessi e avere la mania del controllo.



  • Gil, V. D. (2017). Necesidad de reconocimiento y síndrome de selfie: un análisis relacional basado en minería de datos. Ingenierías USBMed, 8(1), 71-76.

  • Red Educativa Mundial. (2020, 1 mayo). La pedagogía del error: ¿Cómo aprender de los errores? https://www.redem.org/la-pedagogia-del-error-como-aprender-de-los-errores/.

  • García-Calvo, T., Marcos, F. M. L., Sánchez-Miguel, P. A., Alonso, D. A., & Sánchez-Oliva, D. (2012). Adaptación a la expresión corporal del cuestionario de Apoyo a las Necesidades Psicológicas Básicas. Electronic Journal of Research in Educational Psychology, 10(2), 867-884.


I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.