Innamorarsi dopo i 50: avventura ad alta quota

31 Ottobre 2019
È possibile innamorarsi dopo i 50 anni? Ovviamente sì. Soprattutto al giorno d'oggi in cui sono stati abbattuti molti pregiudizi sull'età. Sentirsi vivi, provare emozioni: l'amore non smette mai di essere una possibilità reale ed entusiasmante.

Innamorarsi dopo i 50 anni. Fino a mezzo secolo fa, era ancora una situazione difficile da immaginare. Raggiunta quest’età si supponeva che tutto nella vita fosse risolto e, lungi dall’iniziare qualcosa di nuovo, era meglio concludere ciò che era rimasto in sospeso. Era un’età da dedicare ai nipoti, non certo ai fidanzati.

Le cose sono cambiate, e molto. Innamorarsi in età matura non è la regola, ma è certo diventata una situazione accettata e comune. Non lo era in altre epoche, quando le barriere mentali e sociali rappresentavano un grosso ostacolo.

La nostra vita è meno soggetta a regole di quanto pensiamo. Potremmo iscriverci all’Università a 80 anni, scoprire di essere bravi cantanti a 60 o iniziare una carriera a 12 anni. Malgrado si debba fare i conti con i modelli predominanti, quasi nessuna esperienza ci è vietata dalla nostra età anagrafica. Innamorarsi dopo i 50 è, quindi, non solo possibile, ma salutare.

Quando la grazia è unita con le rughe, risulta adorabile. C’è un’alba indicibile nella vecchiaia felice.

-Victor Hugo-

Coppia matura passeggia nel parco

Le età della vita

La questione relativa all’età e alle caratteristiche delle fasi della vita è relativa. Non esistono divisioni nette tali da creare una differenza assoluta e radicale tra un adolescente e un anziano, un bambino e un giovane. Non abbiamo un corpo strutturato per avanzare in modo lineare attraverso la vita. Dentro di noi convivono molti “Io” di età diversa.

Nel nostro cuore vive ancora il bambino che spalancava gli occhi davanti a una lucciola. Trova posto anche l’anziano saggio e misurato che ogni tanto ci parlava quando avevamo 20 anni e che si fa notare di più ai 60. Così come l’adolescente e il giovane. L’età è una convenzione e il determinismo biologico viene relativizzato nel mondo mentale ed emotivo.

C’è chi pensa che l’amore dopo i 50 anni sia molto diverso da quello adolescenziale. Sbagliato. Anche il quinto decennio può riservarci batticuori imprevedibili e intensi. Non si è indenni dall’arrossire a 54 anni e dall’avere le mani sudate a 60 anni.

Innamorarsi dopo i 50

Le statistiche ci dicono che sono piuttosto frequenti i divorzi a 50 anni e oltre. Molte persone a questa età si sentono ancora giovani e decidono di troncare una relazione che le rende infelici. La stessa che, magari, hanno dovuto sopportare fino a vedere i figli più grandi.

Altre volte, invece, arrivati a questa età, si attiva un campanello d’allarme. La finitezza della vita è una realtà di cui si acquista consapevolezza. Ecco perché non è raro vedere persone che, rimaste sole ai 50 anni, hanno voglia di innamorarsi di nuovo.

Non vi è alcun motivo per cui non ci si possa innamorare in età matura. Non è neanche facilissimo, però. Difficilmente avremo una fila di ammiratori alla porta e sono rare le coincidenze magiche che ci conducono all’amore. In molti casi è necessario fare un esercizio di apertura mentale. Spesso il nuovo amore arriva se ci concediamo nuove esperienze.  

Coppia matura al mare

Limiti e opportunità

Il bello degli amori tardivi è che, sebbene vivano in modo intenso la fase dell’innamoramento, hanno maggiori possibilità di atterrare sulla realtà con un sentimento più realista, senza le tipiche delusioni dei 20 anni. Non si vive questa fase di “atterraggio” con nostalgia o sorpresa. C’è una maggiore capacità di accettare l’altro così com’è, senza idealizzarlo.

Qualche inconveniente, invece, lo troviamo quando si tratta di accostare gli stili di vita. Con il tempo, non è facile cambiare alcune abitudini radicate; in questo senso si diventa, forse, più comprensivi, ma meno flessibili.

Bisogna anche accettare che a una certa età l’amore si esprime più con i gesti e i fatti che a parole. L’innamoramento, d’altra parte, diventa un piatto da cuocere a fuoco lento. Si capisce meglio l’importanza di alcuni cambiamenti, si è più coscienti delle proprie azioni e di come la scelta di un partner possa ricadere sui propri cari. In ogni caso, la serenità di un amore maturo non lo rende un’esperienza meno eccitante, bensì un’appassionante scommessa.

Barbosa, S. D. S., Ayala, J. B., Orozco, B. P., Méndez, D. R., & Tallabas, A. O. (2011). Relación entre el tipo de apoyo y el estilo de amor en parejas. Enseñanza e investigación en psicología, 16(1), 41-56.