La bella leggenda del dente di leone

Avete mai espresso un desiderio soffiando su un dente di leone? Questa pianta medicinale racchiude nelle sue foglie, semi e radici una meravigliosa leggenda che ha già più di un secolo. Volete saperne di più? Cosa aspettate?
La bella leggenda del dente di leone

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 13 novembre, 2022

Il tarassaco è un piccolo fiore selvatico giallo (apparentemente) tra i più comuni. C’è chi lo odia, chi lo vede come una semplice erbaccia che offusca l’equilibrio di un giardino o di un appezzamento di terra. Tutto questo però senza sapere che le loro radici forniscono al terreno buone quantità di azoto e minerali. Altri lo apprezzano per i suoi numerosi scopi medicinali. Oggi scopriamo insieme la bella leggenda che ruota intorno al dente di leone.

In effetti, non possiamo dimenticare che i medici arabi lo usavano già per sviluppare molteplici rimedi nel X e XI secolo. Sono stati usati per febbre, mal di denti, problemi urinari, anemia, costipazione, artrite, diabete, problemi alla cistifellea, bruciore di stomaco, irritazioni cutanee, ecc.

Ora, ciò che non è così noto del taraxacum officinale è che è uno degli elementi più magici in natura. Intorno a questa pianta semplice e quasi volgare si costruisce un’intera antropologia del mistico e dello spirituale. Questa pianta affascina per la sua trasformazione e ammalia per le leggende che sono state costruite intorno ad esso…

La pianta del dente di leone è composta da molti singoli fiori in miniatura chiamati fiori di raggio, che si aprono all’alba e si chiudono di notte. Questo ha dato loro un fascino unico per molte culture.

Donna che soffia per realizzare la leggenda del dente di leone
La forma delle foglie di questa pianta ricorda un dente di leone, da cui il nome.

La leggenda del dente di leone e dell’angelo che cercava un fiore

La leggenda del dente di leone viene narrata per la prima voltanel libro The children’s hour, una raccolta di favole che furono pubblicate settimanalmente su molti giornali dal 1908. Successivamente, e grazie al suo successo, finì per diventare un volume di racconti e leggende che ebbe un discreto successo nel mondo dei bambini e dei giovani.

Il titolo del libro si ispirava a una poesia di Henry Wadsworth Longfellow. In quei versi spiegava che quel momento in cui il giorno incontra il tramonto è il momento perfetto per inventare, per dare spazio alla fantasia, ai giochi e alla fantasia. Quello spazio di tempo è fatto per l’infanzia ed è in questo contesto che è nata la leggenda di questo fiore speciale.

Gli angeli della natura scelgono il loro elemento preferito

La favola racconta che un giorno gli angeli della natura si incontrarono affinché ognuno decidesse quale elemento volesse rappresentare. In quell’universo di foreste, prati e montagne, ognuno doveva rivelare quale fosse il proprio essere preferito e perché. Molti avevano già la risposta chiara. Alcuni scelsero fiumi, laghi o torrenti.

Molti scelsero qualche tipo di albero: pioppi, pioppi, querce, olmi, pini… Gli angeli della roccia abbondavano, ciascuno indicando l’ossidiana, il quarzo, diorite, milonite, ecc. come loro elemento preferito. Così, e come previsto, molti di questi esseri magici hanno scelto innumerevoli fiori come loro protettori, rappresentarli e prendersi cura di loro.

Tuttavia, tra tutta quella congregazione di angeli della natura ce n’era uno che era noto per la sua indecisione. Non sapeva quale elemento scegliere e, sebbene fosse chiaro che la sua predilezione erano i fiori, non sapeva quale scegliere. Così decise di parlare con tutti loro…

Tra tutto il regno dei fiori, il tarassaco è il più umile e semplice, secondo la leggenda.

L’angelo che parlava con i fiori e rimase incantato da uno di essi

La leggenda del dente di leone ci rivela che nel regno dei fiori la maggior parte di essi è petulante. Tutti tranne uno. Il nostro angelo indeciso ha passato quasi una settimana a parlare con ciascuno di loro. Il tulipano, ad esempio, gli disse che il suo desiderio era vivere nei giardini del castello in modo che principi e principesse ne ammirassero la bellezza.

Parlando con le rose, anche da loro sentì un commento simile: erano orgogliose della loro fragranza e desideravano ardentemente essere nelle terre più raffinate per conquistare le persone più selezionate con la loro fragranza. Gigli, dalie, peonie, ortensie e iris…

La maggior parte dei fiori si era rivelata egoista e presuntuosa; nessuno riuscì ad affascinare l’angelo della natura.

Almeno fino a quando, a un certo punto, seduto su una roccia, l’angelo non scoprì un fiore giallo discreto, semplice e comune. Quando iniziò a parlar con il fiore, l’angelo scoprì una semplice creatura che non voleva vivere da nessun’altra parte se non dove l’avesse portata il vento. Amava la terra, il cielo, la pioggia e ogni elemento della natura. Non chiedeva di più…

immagine per rappresentare la leggenda del dente di leone
Tutti impariamo da bambini che quando soffi su un dente di leone, devi esprimere un desiderio.

La bella leggenda del dente di leone, il fiore che esaudisce i desideri dei bambini

L’angelo esitò a incontrare i suoi compagni per annunciare la sua scelta: il dente di leone. Va detto che il resto dei suoi compagni non capiva perché avesse scelto un fiore così discreto, semplice e comune, ma lui non esitava a difenderla. Il processo di trasformazione del dente di leone simboleggia il sole, la luna e le stelle.

Questa affascinante pianta nasce come un gomitolo di fibre gialle, molto simile alla stella che ci dà la vita. Successivamente assume una forma rotonda, soffice, argentea, come la Luna nelle notti d’estate. Poi, per spargere i suoi semi, si separa e percorre grandi distanze, come minuscole stelle cadenti portate dal vento.

Tutti erano affascinati da quel ragionamento. E tale fu l’affetto che l’angelo sviluppò per il suo amato fiore, che gli donò un potere, una facoltà del tutto speciale. Ogni volta che i bambini soffiano sui semi di un dente di leone, uno dei loro desideri si avvererà. Da allora, come racconta la leggenda del dente di leone, tutti noi soffiando su questa pianta, speriamo che i nostri sogni diventino realtà.

Potrebbe interessarti ...
Leggenda dei sentimenti
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Leggenda dei sentimenti

La leggenda dei sentimenti ci racconta cosa successe quando le virtù e i difetti degli esseri umani si riunirono per giocare a nascondino.



  • Bayley, Carolyn (1908) For the Children’s Hour. New York (Yesterday’s Classics)