La cultura della dieta: conseguenze psicologiche per la salute mentale

La salute del corpo si manifesta in diversi tipi di peso, ma la cultura della dieta ci ha fatto associare salute, bellezza e benessere alla perdita di chili. Stiamo parlando di una grande fonte di pressione mentale e fisica per molte persone.
La cultura della dieta: conseguenze psicologiche per la salute mentale

Ultimo aggiornamento: 19 novembre, 2022

Ci sono alcuni temi che ci accompagnano sin dalla nascita. Uno di questi è senza dubbio la cultura della dieta.

Per tutta la vita, la dieta, i chili che abbiamo o quanto siamo magri saranno questioni ricorrenti come sapere quanti soldi abbiamo sul conto, cosa facciamo o quale famiglia vogliamo formare.

La cultura della dieta è così radicata nel mondo occidentale che attaccarla o smantellarla potrebbe non solo far crollare alcune delle attività più potenti del mondo, ma anche stili di vita autentici e ideali di bellezza.

Al di là di quanto la cultura della dieta possa essere dannosa per il corpo, la salute mentale si è concentrata su di essa per molti anni, poiché è il passo principale per accogliere una serie di comportamenti alimentari tossici.

Violenza sul nostro corpo per il solo fatto di esistere

Dedichiamo molto tempo a pensare a come è il nostro corpo e a come starebbe meglio. Sin da quando eravamo piccoli abbiamo pensato di cambiarlo in modo da farlo assomigliare di più a quelli propinati dai media: bisogna cambiarlo per renderlo “più bello”. Ed ecco che assorbiamo velocemente il concetto di dieta per vederci e per sentirci meglio.

Mentre osserviamo sempre più messaggi che ispirano il rifiuto di una parte del nostro corpo e mentre ascoltiamo i consigli sulla perdita di peso che dovrebbero darci una vita migliore, ci si potrebbe chiedere: perché pensiamo che certi cambiamenti nel nostro corpo ci renderanno più felici?

Inoltre, perché vediamo una relazione così chiara tra peso e salute e non consideriamo altre variabili, almeno altrettanto importanti, al di fuori di questa equazione?

Donna con svalutazione personale

La cultura della dieta non si preoccupa della nostra salute, si preoccupa solo del tuo peso

La cultura della dieta o l’ideale disastroso di una società grossofobica ci controlla fin dall’infanzia. A questo proposito, sia la pressione per la magrezza che la maggiore letalità dovuta ai disturbi alimentari è un problema quasi esclusivo per le donne, o lo è stato fino a tempi molto recenti.

L’idea di perdere peso è ovunque. L’obbligo di mettersi a dieta se si ingrassa di qualche chilo in più, non per la salute, ma per l’estetica, si verifica in tutte le occasioni. Avere il controllo della nostra vita ha molto a che fare con il controllo del nostro peso.

Ciò che ci è stato nascosto in tutti i discorsi che sostengono la magrezza come l’espressione massima di bellezza e salute, ciò che abbiamo accettato e persino interiorizzato per molto tempo, è che non siamo noi ad avere il controllo. Abbiamo solo l’illusione di ciò che chiamiamo “mantenere il peso forma”. Il nostro corpo parla un linguaggio molto più ricco della matematica calorica.

Questo messaggio del tipo “meno pesi, più sei felice” è così ben mantenuto che ovviamente ci crediamo. Perché è ovunque. Al cinema, in televisione, nei pub, nelle nostre discussioni, nelle parole dei nostri cari. Che sia subliminale o esplicito, questo messaggio è normalizzato, quasi innegabile: “per essere belli, dovete essere magri!”

Sveliamo le false promesse della cultura della dieta

La cultura della dieta alimenta la vergogna del corpo, la discriminazione del corpo e incoraggia i disturbi alimentari. Instilla la falsa convinzione che mangiare certi cibi e vivere in un corpo più snello aumenti il valore di ognuno di noi.

La ricerca attuale calcola che circa un terzo della popolazione statunitense conosce qualcuno che ha subito body shaming. Inoltre, circa l’85% delle persone considera il fat shaming un problema serio. Queste statistiche sottolineano l’importanza di consigliare i professionisti del settore a smantellare la cultura della dieta.

La lente distorta pone le donne cisgender bianche come l’obiettivo principale delle pressioni e delle bugie della cultura della dieta, ma molte altre popolazioni e individui ne sono colpiti.

Diamo un’occhiata ad alcune delle premesse principali della cultura dietetica più diffusa.

Se perdete peso, sarete più sani, più felici e avrete più successo

La maggior parte delle promesse che le diete proiettano ruotano attorno alla dichiarazione di cui sopra. Se non mettiamo in dubbio la promessa centrale della dieta, possiamo accettare tali bugie per noi stessi e per la nostra cerchia sociale o per i futuri pazienti.

Nella maggior parte dei casi, le diete falliscono nel loro unico compito: facilitare la perdita di peso. La ricerca suggerisce che l’80% delle diete fallisce a lungo termine.

In sostanza, la dieta restrittiva danneggia il metabolismo perché la nostra biologia non è programmata per entrare in modalità di fame. Una dieta del genere aumenta la probabilità di abbuffate, che è il modo in cui il corpo dice: “Ehi tu! Sto morendo di fame qui! Nutrimi ora!”. Sebbene la cultura della dieta ci dica il contrario, è importante ascoltare il nostro corpo.

Le diete scolpiscono corpi più armoniosi

Sforzarsi di conformarsi alla rappresentazione della società della forma e delle dimensioni del corpo ideali aumenta la probabilità di sviluppare body shaming, che è legato a disturbi alimentari o disturbo di dismorfismo corporeo.

I disturbi alimentari colpiscono persone di tutte le corporature, non solo quelli che chiameremmo “corpi in sovrappeso”, e sono correlati negativamente con le misure di felicità e salute.

I disturbi alimentari sono correlati a una moltitudine di effetti indesiderati per la salute, inclusi (ma non limitati a) problemi gastrointestinali, irregolarità mestruali, anomalie cardiache, osteoporosi, complicanze orali/dentali e disturbi psicologici in comorbilità.

mela con un metro

Smantellare la cultura della dieta rigida

Date le implicazioni dannose della cultura della dieta, come possiamo lavorare per smantellarla? Tra i lati positivi, la cultura della dieta non è radicata nella nostra biologia. Come tutti gli aspetti della cultura, viene appreso, il che significa che può essere disimparata.

Questo disapprendimento varia di caso in caso, poiché ognuno di noi lotta con la propria identità che ci danno privilegi e svantaggi in un mondo infettato dalla cultura della dieta.

Dobbiamo anche dire che salute non significa pesare tanto o poco. Ogni corpo va valorizzato e andare dal nutrizionista non deve essere per forza voler dimagrire, ma fare in modo che il nostro corpo possa, attraverso il modo in cui lo nutriamo, svolgere al meglio le sue funzioni vitali, facendoci sentire più liberi.

La cultura della dieta radicata

Se le persone, e soprattutto le donne, non fossero continuamente vittime del proprio corpo, peso, pelle o corporatura, guadagnerebbero tempo prezioso da poter dedicare ad altri interessi.

La cultura della dieta ci trasforma in corpi che hanno valore solo nella loro esposizione agli altri. La maggior parte della popolazione cade in questa trappola, ma quella che non lo fa; è più felice, più sana e più spensierata, oltre che meno raggirabile.

Potrebbe interessarti ...
Digiuno intermittente e benefici psicologici
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Digiuno intermittente e benefici psicologici

In cosa consiste il digiuno intermittente? Quali benefici offre a livello fisiologico, psicologico e cognitivo questo piano alimentare?



  • Garner, D.M., Garner, M.V. & Van Egeren, L.F. (1992). Body dissatisfaction adjusted for weight: The body illusion index. International Jour – nal of Eating Disorders, 11, 263-271.
  • Raich, R. M. (2011). Una perspectiva desde la psicología de la salud de la imagen corporal. Avances En Psicología Latinoamericana 22(1), 15-27. Recuperado a partir de https://revistas.urosario.edu.co/index.php/apl/article/view/1261