La pittura come terapia

17 aprile 2016 in Psicologia 1431 Condivisi

Nel suo libro The Element. Trova il tuo elemento, cambia la tua vita, Ken Robinson racconta una storia che ha a che fare con la pittura: una maestra di una scuola elementare stava tenendo una lezione di disegno e in fondo all’aula c’era una bambina che solitamente non prestava attenzione, tranne nell’ora di disegno. Per venti minuti la bambina disegnò, assorta nei suoi pensieri, finché la maestra non le chiese cosa stesse disegnando.

La bambina rispose: “Sto disegnando Dio”. La maestra disse: “Ma nessuno sa che aspetto abbia Dio”. E la bambina: “Lo sapranno subito”. Questa storia dimostra l’importanza del disegno e della pittura e come possono essere utilizzati come terapia per entrare in connessione con il mondo.

L’arte è l’espressone dei sentimenti più profondi nel modo più semplice.
Albert Einstein

Che cos’è la psicologia dell’arte?

La psicologia dell’arte è un ramo della psicologia che si occupa dello studio dei fenomeni della creazione e dell’apprezzamento artistico da una prospettiva psicologica. Esistono molti aspetti che vincolano la psicologia dell’arte alla psicologia in generale, come la percezione, l’emozione, il ricordo, il pensiero e il linguaggio.

Molti psicoterapeuti hanno verificato gli effetti benefici dell’arte nell’aiutare pazienti con problemi psicologici, perché l’arte in tutte le sue espressioni (pittura, danza, musica, scrittura, teatro, etc.) libera la soggettività della persona. Così, si può ricorrere all’arte per risolvere conflitti, problemi di comunicazione, difficoltà di espressione e molti altri aspetti psicologici.

Dipingere-un-quadro

I benefici della pittura come terapia

Dipingere su una tela, sulla carta o su qualsiasi superficie permetta alle persone di esprimersi può essere un modo per manifestare sentimenti e pensieri quando c’è bisogno di comunicarli e non si sa come fare. È un tipo di terapia alternativa e naturale che può avere molteplici benefici:

Migliora la comunicazione

Le persone che iniziano la terapia della pittura solitamente sono timide e riservate ed hanno difficoltà a comunicare con l’ambiente famigliare e anche con il terapeuta. Tuttavia, con la pittura le persone timide riescono a liberare la loro creatività e ad esprimere sentimenti ed emozioni.

Non si tratta di dipingere la vita, si tratta di far vivere la pittura.
Paul Cézanne

Aumenta l’autostima

Quando la terapia della pittura viene fatta in un ambiente non competitivo, rilassante e gradevole, un paziente può raggiungere grandi obiettivi personali aiutato dallo psicoterapeuta e questo rafforzerà la sua autostima. Quest’aspetto può essere importante per le persone con problemi di codipendenza, traumi e che hanno bisogno di rafforzare la loro autonomia ed imparare a volersi bene e a valorizzarsi.

Migliora la motricità

Come quando si suona uno strumento musicale, anche con la pittura impariamo a regolare i movimenti della mano, quando maneggiamo un pennello o una matita, e sviluppiamo connessioni cerebrali relazionate con questa abilità. Negli adulti, la pittura aiuta a migliorare le abilità fino-motorie.

Il cervello è in movimento

Con il disegno e la pittura vengono stimolati entrambi gli emisferi del cervello, destro e sinistro. L’emisfero sinistro ha a che fare con l’aspetto logico e razionale, mentre quello destro è collegato alla creatività e alle emozioni. Si tratta di liberare l’immaginazione e di lasciarla volare, perché anche i pensieri più profondi possano respirare.

Cervello bianco e nero e a colori

Aumenta la concentrazione

Dedicarsi alla pittura, o ad altre forme d’arte, richiede concentrazione. Dipingere è un lavoro minuzioso che consente di dimenticarsi dell’ambiente e di lasciarsi andare, facendo passare il tempo senza rendersene conto.

Lo stato di concentrazione avanzato si chiama Alpha ed è stato oggetto di numerosi studi. Si tratta di uno stato in cui una parte del cervello è cosciente mentre l’altra fa emergere l’aspetto dell’inconscio. Questo stesso stato si raggiunge con la preghiera, la meditazione o la musica.

Intelligenza emotiva

Le emozioni sono una parte molto importante della creatività. Con la pittura è possibile lasciare fluire le emozioni e sperimentare la felicità, l’amore, l’empatia e la pace interiore. La sensazione di relax che si ottiene con la pittura aiuta a raggiungere un equilibrio armonico tra la mente e il cuore.

Il vero pittore è colui che è capace di dipingere scene straordinarie in mezzo a un deserto vuoto. Il vero pittore è colui che è capace di dipingere pazientemente una pera circondato dai tumulti della storia.
Salvador Dalí
Guarda anche