La tecnica flowtime per essere più produttivi

La tecnica del flowtime suggerisce di evitare il multitasking e di concentrare la mente su un unico obiettivo. Inoltre, si propone di favorire uno stato massimo di concentrazione e ispirazione che può andare dai 25 ai 90 minuti.
La tecnica flowtime per essere più produttivi

Ultimo aggiornamento: 07 gennaio, 2022

Trovare tecniche di produttività che si adattino ai nostri bisogni è difficile tanto quanto trovare scarpe eleganti e comode al tempo stesso. Le usiamo per un po’ e poi le abbandoniamo perché non fanno al caso nostro. Suggeriamo di conoscere la tecnica del flowtime, una risorsa che sta guadagnando sempre più seguaci.

Fino a non molto tempo fa la strategia d’oro e la più conosciuta era la tecnica del pomodoro. Questo approccio consiste né più né meno nell’impostazione di tempi di lavoro di 25 minuti, dopodiché è possibile concedersi una pausa di 5 minuti. Una volta completati quattro cicli di 25 minuti è il momento di concedersi una pausa più lunga, di circa 30 minuti.

Molti di coloro che hanno aderito a questo metodo di gestione del tempo ideato da Francesco Cirillo alla fine degli anni ’80 hanno riscontrato un problema evidente.

Essere dipendenti da un cronometro e da intervalli di tempo fissi può essere stressante. A volte, quando si è più concentrati, arriva il riposo obbligatorio.

La tecnica flowtime, invece, rispetta i tempi di concentrazione o ispirazione del singolo. Perché ogni persona presenta un diverso flusso temporale (o stato d’animo operativo) ed è interessante sfruttare al meglio quei momenti di “illuminazione”. Spieghiamo in cosa consiste questo nuovo approccio che può cambiare la vita.

Stabilire orari di lavoro e di riposo fissi può essere controproducente per le prestazioni. È meglio sfruttare i picchi di prestazioni senza fermarsi finché non diminuiscono da soli.

Uomo che applica la tecnica flowtime.

Come applicare la tecnica flowtime

Sigmund Freud disse che per lui la felicità è amare il lavoro a cui si dedica la propria vita. Aveva ragione. Dopotutto, trascorriamo gran parte del nostro tempo svolgendo una serie di responsabilità lavorative.

Essere soddisfatti del nostro impiego e percepirci utili e produttivi aumenta la nostra autostima. Forse è per questo che spesso ricorriamo a qualche altra strategia per migliorare le nostre prestazioni.

La tecnica flowtime è una buona opzione con cui vale la pena iniziare. Il suo creatore è stato Dionatan Moura, guru della produttività brasiliano.

Attinge al concetto di flusso, ovvero quello stato di massima motivazione e concentrazione proposto dallo psicologo Mihály Csíkszentmihályi nel 1975. Spieghiamo in cosa consiste.

Preparazione e consapevolezza

La tecnica flowtime richiede di tenere a mente una serie di idee molto basilari:

  • Per essere produttivi bisogno evitare il multitasking. L’ideale è dedicarsi a una cosa alla volta, investendo tutta la nostra attenzione, impegno e motivazione in quell’attività.
  • Chiarire gli obiettivi.
  • Per applicare questa strategia è necessario monitorare il tempo. Possiamo installare un contatore nel nostro laptop o utilizzare il cronografo del cellulare.
  • Questa tecnica richiede anche che siamo in grado di raggiungere lo stato di flusso o flow. Vale a dire, dobbiamo impegnarci in questo compito fino al punto di essere assorbiti e far sì che la coscienza e la nostra azione siano pienamente in sintonia. unito.

La tecnica flowtime richiede che siamo in grado di diventare ciò che facciamo. Tutte le nostre risorse mentali, fisiche ed emotive ci consentono di ottenere prestazioni ottimali essendo completamente concentrati.

Riposare quando la concentrazione viene meno

Lo stato del flusso ha un aumento e una diminuzione. In altre parole, quell’intensa attenzione focalizzata può durare tra i 25 ei 90 minuti.

Un lavoro di ricerca come quello svolto all’Università di Linköping mette in luce qualcosa di importante. Quell’esperienza di flusso appare quando il compito è impegnativo e il nostro livello di stress è medio.

Come ben sappiamo, non sempre è possibile lavorare in queste condizioni. Molte volte il lavoro è di routine e anche stressante, il che significa che il picco di concentrazione raramente raggiunge un’ora e mezza.

La tecnica flowtime stabilisce che una volta che percepiamo che la concentrazione e la motivazione diminuiscono, dobbiamo fare una pausa. Lo faremo seguendo queste linee guida:

  • Se scade dopo 25 minuti di lavoro, faremo una pausa di cinque minuti.
  • Tra i 25 ei 50 minuti di lavoro, la pausa sarà di otto minuti.
  • Se raggiungiamo una performance di 50-90 minuti ci concederemo una pausa di 10 minuti.

Ripetere

La tecnica del flusso di produttività consiste nell’addestrare il focus dell’attenzione verso un compito specifico. Mentre lo ripetiamo, ci sentiremo più disciplinati e le nostre prestazioni miglioreranno. Una volta concesso quel poco di riposo, la mente sarà pronta per iniziare una nuova sessione di lavoro.

Csíkszentmihályi spiega che percepiremo che stiamo fluendo o raggiungendo lo stato di flusso quando è difficile per noi distinguere tra il sé e l’ambiente, tra stimolo e risposta o tra passato, presente e futuro. Solo quando la concentrazione è massima raggiungiamo il nostro pieno potenziale.

Ma è importante sapere che questo stato diminuisce, non viene mantenuto e quando appare la stanchezza, devi riposare.

È inutile forzarci, perché poi compaiono sovraccarico e stress. Le brevi pause ossigenano il cervello e ci rinnovano.

Mente con luci che rappresentano la tecnica del tempo di flusso.

Aspetti che consentono la corretta applicazione della tecnica flowtime

Per avere successo e non perdersi d’animo nel tentativo di applicare la tecnica flowtime, sarà utile tenere conto di una serie di aspetti:

  • Bisogna scoprire come i nostri stati spesso durano flusso o flusso ottimale. Se siamo nell’intervallo di 40-50 minuti, organizzeremo meglio il nostro tempo sapendo che dopo quel tempo faremo una pausa di 8 minuti.
  • È necessario eliminare le distrazioni, come una scrivania sovraccarica, avere un cellulare nelle vicinanze, ecc.
  • Se durante questo periodo di concentrazione avremo pensieri che offuscano quello stato di prestazione mentale, li scriveremo su un foglio di carta. È un meccanismo per dire alla nostra mente che rimandiamo quelle preoccupazioni per dopo.

Conclusioni

Siamo di fronte a una risorsa interessante che può permetterci di migliorare le nostre prestazioni. Come è comune in ogni tecnica, richiede pratica e impegno. Quella bussola psichica che ci guida a dare sempre il meglio di noi stessi è qualcosa che tutti possiamo attivare.

This might interest you...
I nemici della produttività
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
I nemici della produttività

I 7 grandi nemici della produttività sono fattori che portano a sprecare tempo e risorse nel normale svolgimento dei compiti lavorativi.



  • Csikszentmihalyi, Mihaly (1975). “Beyond Boredom and Anxiety”. Jossey-Bass: San Francisco, CA. 36. ISBN 0-87589-261-2,
  • Csikszentmihalyi, Mihaly (1990). Flow: The Psychology of Optimal Experience. New York: Harper and Row. ISBN 0-06-092043-2
  • Csikszentmihalyi, Mihaly (1996). Creativity: Flow and the Psychology of Discovery and Invention. New York: Harper Perennial.
  • Csikszentmihalyi, Mihaly (1998). Finding Flow: The Psychology of Engagement With Everyday Life. Basic Books. ISBN 0-465-02411-4 (a popular exposition emphasizing technique)
  • Fagerlind, A., Gustavsson, M., Johansson, G., & Ekberg, K. (2013). Experience of work-related flow: Does high decision latitude enhance benefits gained from job resources? Journal of Vocational Behavior, Volume 83, Issue 2, October 2013, Pages 161-170. https://doi.org/10.1016/j.jvb.2013.03.010
  • Friedman, R. (2015). The Best Place to Work: The Art and Science of Creating an Extraordinary Workplace. New York, NY: Penguin Books.