I 10 ladri di energia secondo il Dalai Lama

· 24 dicembre 2016

Sono dieci. Dieci ladri di energia che, secondo il Dalai Lama, ci rapiscono e ci lasciano vuoti. Non ce ne rendiamo conto, ma viviamo così attenti alle banalità da non badare alle cose davvero importanti.

Prendere le distanze e allontanarsi dalle futilità ci aiuta a migliorare la salute in ogni ambito. La difficoltà sta nel capire cosa è dannoso per dirigerci verso una certa stabilità. Per questo motivo, il celebre maestro spirituale ha creato un’interessante raccolta dei dieci ladri che risucchiano la nostra energia.

Vediamo nel dettaglio quali sono.

farfalle-legate-a-braccio

1 – Le persone perennemente in modalità “lamentela”

“Lascia andare le persone che si avvicinano solo per condividere lamentele, problemi, storie tragiche, paure e giudizi sugli altri. Se qualcuno sta cercando una pattumiera in cui buttare la sua spazzatura, non permettergli di trovarla nella tua mente”.

Le persone abituate alla protesta automatica ci sfiancano e ci esauriscono. Dare tutta la nostra energia per smussare gli egocentrismi altrui ci devasta. Per tale motivo, se qualcuno è in cerca di una pattumiera in cui buttare la sua spazzatura, non permettetegli di trovarla nella vostra mente. Separate la vostra vita da tutto ciò che vi allontana da voi stessi e non lasciatevi trasportare dalle tormente altrui.

2 – I conti ben fatti

“Paga i tuoi conti per tempo. Chiedi quello che ti spetta a chi è in debito con te oppure scegli di lasciar perdere se vedi che è impossibile ottenerlo”. Tenere i conti ben in chiaro significa avere la certezza di non dovere niente a nessuno e di non essere in debito con nessuno.

I dubbi attentano alla nostra tranquillità. Per questo motivo, è molto importante non avere conti in sospeso, così non dovremo nasconderci o vergognarci per non aver rispettato un impegno che avevamo preso. Chi conosce la sensazione di soffocamento sa bene che l’indebitarsi è uno dei più grandi ladri di energia che esistano.

3 – Le promesse mancate

“Se non hai rispettato una promessa, chiediti perché stai facendo resistenza. Hai sempre diritto a cambiare opinione, a scusarti, a rimediare, a rinegoziare e a proporre un’alternativa ad una promessa non mantenuta, ma non puoi rendere questi atteggiamenti un’abitudine. Il modo più facile per non venire meno ad una promessa riguardo qualcosa che non vuoi fare è dire NO sin dall’inizio.”

Essere di parola è una delle qualità più apprezzate e valutate nel mercato delle relazioni interpersonali. Si tratta, senza dubbio, di una caratteristica speciale, poiché riflette buone intenzioni e considerazione verso gli altri.

ragazza-con-buco-sulla-schiena-e-colombe

4 – Non ascoltare i nostri interessi

“Elimina tutto quello che puoi e delega i compiti che preferisci evitare; dedica il tuo tempo a fare cose che ti piacciono davvero”.

Non delegare ciò che risulta oneroso e che potrebbe essere svolto da qualcun altro significa riempirsi la vita di una negatività inutile.

A volte, semplicemente, non vi trovate nelle condizioni di svolgere un lavoro. È anche possibile che qualcun altro possa farlo meglio o che ne abbia più voglia. Questo vale sia sul posto di lavoro che a casa; sicuramente ci sono diverse possibilità che possono garantire una condizione migliore. Ciò vi permetterà di godere di un equilibrio positivo.

5 – Non riposare e non agire allo stesso tempo

“Datti il permesso di riposare se ne hai bisogno in questo momento e datti il permesso di agire se hai un’opportunità davanti a te”.

Ognuno ha il suo ritmo, ma è importante saper riposare e recuperare le forze. Non farlo quando ne abbiamo bisogno, significa perdere le nostre energie e commettere delle sciocchezze che diventerebbero pentimenti.

6 – Il disordine

“Butta, sposta e organizza. Niente vi risucchia più energia di uno spazio disordinato e pieno di cose del passato di cui non avete più bisogno.”

C’è disordine e disordine. Alcuni sono più catastrofici di altri ma, in fin dei conti, tutti dobbiamo prendere l’iniziativa di disfarci di qualcosa.

donna-con-maschera-da-lupo

7 – Non prendersi cura della propria salute

“Dai priorità alla tua salute, senza la macchina del tuo corpo che lavora, al massimo non potresti andare lontano. Riposa un po’.”

Non serve a nulla avere tanto lavoro da fare, tanti soldi e accumulare tanto patrimonio se non siete capaci di prendervi cura di ciò che vi sostiene: il vostro corpo. È essenziale ritagliarvi del tempo per rilassarvi, per fare sport, per nutrirvi in modo corretto e per conoscervi.

8 – Le situazioni difficili

“Affronta le situazioni tossiche che stai sopportando. Perdonare un amico o un familiare oppure dare un taglio agli atteggiamenti negativi del tuo partner o del tuo gruppo. Fai quello che è giusto”.

Le situazioni difficili vi aiutano a creare strategie se assumete le redini della situazione e provate a risolverle. Posticipare o ignorare i fatti può provocarvi stress e minare, così, la vostra stabilità.

9 – Non accettare

“Accetta. Non si tratta di rassegnazione, ma niente ti fa perdere più energia che resistere e lottare contro una situazione che non puoi cambiare”.

L’unico modo per disfarvi dei mostri è accettare la loro esistenza. Accettare che ci sono cose che non si possono cambiare è un passo importante verso la conquista del benessere emotivo.

donna-in-mezzo-al-mare

10 – Non perdonare

“Perdona, lascia andare una situazione che ti provoca dolore. Puoi sempre scegliere di staccarti dal dolore del ricordo”.

Il perdono è un comodo cuscino. Forse la vita vi ha messo a dura prova, per questo è importante che non serbiate rancore. Se lo farete, morirete lentamente.

Serbare rancore è umano, molto umano, ma lo è altrettanto perdonare e sbagliare. Dicono che chi non ama non perdona. E, infatti, è proprio l’amore l’artefice del perdono, l’amore verso l’altro, verso la vita, verso il mondo, verso se stessi.