L’amicizia tra uomo e donna

13 gennaio 2015 in Emozioni 1941 Condivisi

I rapporti d’amicizia sono quelli in cui le persone condividono in maniera disinteressata alcuni aspetti della propria vita personale, perché coincidono in alcuni valori, alcuni credi, alcuni interessi, etc.

Si tratta di rapporti tra uomo e donna indistintamente; tuttavia, vi sono alcuni tabù quando il rapporto di amicizia nasce tra un uomo ed una donna.

Alcuni pregiudizi e stereotipi sono:

1. “Avere amici dell’altro sesso non è ben visto”
Si è soliti pensare che questo tipo di rapporto si basi sull’attrazione fisica da parte di entrambi gli “amici”.
2. “Tutti penseranno che sei fidanzato/a”
E per questo si tende ad evitare o nascondere questo tipo di relazioni interpersonali, per paura di quello che può pensare la gente.
3. “Si è sempre in cerca di qualcos’altro
Questo pregiudizio è un altro motivo per cui si evitano i rapporti di amicizia che potrebbero nascere; in questo caso per paura di quello che potrebbe succedere o per quello che potrebbe volere l’altra persona, soprattutto se temiamo che non sia lo stesso che vogliamo noi.

Da dove derivano questi pregiudizi e stereotipi?

Nella vita non scegliamo i nostri genitori, né i nostri figli, tanto meno i colleghi di lavoro, né i vicini di casa. Tuttavia, scegliamo le nostre amicizie per compatibilità in alcuni aspetti della vita, così come scegliamo il nostro partner, anche se oltre alla compatibilità, in questo caso è necessario che ci sia qualcos’altro affinché una persona diventi la/il nostra/o compagna/o. È proprio questo che distingue i rapporti d’amicizia dalle relazioni di coppia.

Anche se entrambe hanno in comune la condivisione di alcuni elementi tra le due persone coinvolte, si tratta di relazioni ben distinte, caratterizzate da sentimenti molto diversi. Come conseguenza vi è il pregiudizio sociale di credere, in maniera erronea, che tutte le amicizie con l’altro sesso possano trasformarsi in un rapporto più intimo oppure in un rapporto di carattere sessuale. 

Le due relazioni, inoltre, differiscono per il carattere delle stesse: la relazione di coppia è di carattere privato, in cui entrambe le persone cercheranno luoghi intimi e vicini, quella d’amicizia è di carattere sociale e pubblico, non ci si ritrova in un ambiente intimo e privato che cerca invece una coppia o chi ha intenzioni che vanno al di la della sola amicizia.

Possiamo essere solo amici?

Se comprendiamo la differenza che c’è tra i due tipi di rapporti, quelli d’amicizia e quelli di coppia, allora possiamo essere solo amici senza paura, né segreti e senza dar peso all’opinione altrui. Il conflitto nasce quando questo non è chiaro e continuiamo a pensare o a temere che essere amici significa dover essere qualcosa in più in futuro.

Nei rapporti di coppia c’è amicizia?

Certamente, in molti casi, l’origine di una coppia è l’amicizia che univa le due persone, amicizia che ha permesso loro di conoscersi bene e che in seguito ha favorito la nascita di un altro tipo di sentimento, sia esso di attrazione, innamoramento, amore, etc…

Tuttavia, non è uguale per tutti i rapporti di coppia; a volte, scatta prima il “colpo di fulmine”, l’attrazione e l’innamoramento rispetto all’amicizia, che in alcuni casi sorge in seguito.

Perché sottolineare le differenze?

È importante sottolineare le differenze tra un tipo di relazione e l’altra, essere chiari sul tipo di relazione che si vuole in modo da goderla del tutto, senza paure, né imbarazzi, né segreti.

Esprimere e dire in modo aperto quello che ognuno vuole o spera dalla relazione significa non ingannare, non cercare o aspettarsi qualcosa che l’altra persona non vuole e questo serve anche a non pregiudicare il rapporto già esistente a causa di aspettative errate.

Non avere chiaro il tipo di relazione che vogliono le due persone, inoltre, causa conflitti emotivi, poiché possiamo confondere un’amicizia con un altro tipo di rapporto come quello in cui sorge un sentimento tra i due oppure quello in cui si cerca di sopperire qualche necessità o carenza affettiva da parte di uno dei due soggetti.

Come sapere quale tipo di relazione abbiamo?

È semplice: bisogna esporre all’altra persona quello che ci aspettiamo o vogliamo dal rapporto, così come ascoltare quello che l’altra persona ha da dirci. In questo modo, sapremo quale tipo di rapporto abbiamo e cosa dobbiamo aspettarci da esso. Comportandosi in questo modo, sparirà la paura che succeda qualcosa che non vogliamo e pertanto potremo godere al massimo di un sano rapporto d’amicizia o quello che sia, sempre di comune accordo con l’altra persona.

È possibile essere amici con una persona dell’altro sesso pur avendo un partner?

Se l’amicizia è ben definita, e lo è anche la relazione di coppia, non vi sarà nessun conflitto. Quando decidiamo di fidanzarci, non rinunciamo alla nostra vita sociale, né a quella che esisteva prima del rapporto di coppia né a quella che potrà nascere in seguito.

Di fatto, le relazioni di coppia che condannano se stesse, rinunciando o esigendo che l’altra persona rinunci alla propria vita sociale, sono destinate al fallimento, a causa dell’insoddisfazione che questo genera. L’annullamento personale e l’isolamento scatenano infelicità con il partner scelto.

In seguito a ciò, non solo si può, ma è bene mantenere rapporti d’amicizia oltre alla relazione di coppia, siano queste in comune con il partner oppure amicizie proprie.

Come mantenere le proprie amicizie senza che il partner si arrabbi?

In ogni momento del rapporto non bisogna tradire la fiducia e la sincerità.

L’amicizia non è un peccato, ma un aspetto sociale necessario per l’essere umano. Così come non nascondiamo i nostri genitori, quindi, non dobbiamo nemmeno nascondere i nostri amici.

Il modo migliore affinché un partner accetti i rapporti d’amicizia con persone dell’altro sesso è informarlo e renderlo partecipe in questa amicizia, se lo desidera, poiché, come abbiamo detto, i rapporti d’amicizia appartengono all’ambito pubblico e sociale. Esse, quindi, possono essere condivise con più persone.

Trattate i vostri amici con naturalezza, senza omissioni, né bugie e dite tutto al vostro partner, poiché in caso contrario questi penserà che ci sia qualcosa sotto, che volete trasferire l’amicizia all’ambito privato, segreto ed intimo a cui appartengono tutti quei rapporti diversi dall’amicizia o che fingono di esserlo.

Foto per gentile concessione di KieferPix

Guarda anche