Le correnti psicologiche

19 giugno 2016 in Curiosità 137 Condivisi

Al momento di scegliere una figura professionale nel campo della psicologia, risulta importante esaminare le correnti psicologiche cui si fa attualmente ricorso, in modo da vedere quale di queste si adatti meglio al problema da trattare.

Il miglioramento del paziente comincerà a prodursi quando questi realizzerà dei cambiamenti positivi nel proprio modo di pensare o di agire. Bisogna essere consapevoli del fatto che, se si vogliono risolvere problemi e situazioni di malessere, è necessario cambiare qualcosa che si fa male, ovvero qualcosa nel proprio modo di pensare o nel comportamento.

Qui di seguito vi descriveremo le correnti psicologiche più in voga, sebbene ci siano anche professionisti più completi che alternano varie correnti in funzione delle necessità del paziente. Alcune si possono anche combinare, non esiste una formula universale: ogni persona rappresenta un mondo e ciò che va bene per una non va bene per l’altra.

Correnti psicologiche più diffuse

Psicoterapia

Si focalizza principalmente sul passato: il paziente viene analizzato alla ricerca del conflitto psichico che produce il malessere al fine di portare alla coscienza ciò che è inconscio, per capire e fare ordine nel proprio mondo interiore. Risulta indicata per chi si sente male e non ne conosce bene il motivo o magari ne è consapevole, ma per quanto siano buoni i consigli che riceve, non è in grado di risolvere il proprio problema.

Si indaga nella vita del paziente, per trovare la vera radice del problema. Il professionista parla poco dato che deve esaminare l’informazione che riceve: aiuterà la persona a rendersi conto del motivo scatenante del suo dolore, dandole gli strumenti per realizzare il cambiamento necessario all’eliminazione delle sue pene.

Psicologo2

Comportamentismo

Si basa sul problema e non sulle sue origini risultando, quindi, una terapia adatta al trattamento di questioni concrete e già diagnosticate. È una terapia di breve durata, nella quale il professionista conduce la conversazione in ogni momento e insegna a pensare in modo realista.

Risulta idonea quando il problema principale è la mancanza di educazione. Il professionista dovrà essere molto influente e sincero con il paziente, in modo da mostrargli che deve cambiare il proprio comportamento se desidera che i suoi problemi spariscano: dovrà sostituire abitudini e pensieri nocivi con altri più costruttivi. È come una specie di rieducazione comportamentale.

Psicologia umanistica

Con questa corrente si tenta di far uscire la parte migliore che ogni persona porta dentro, in modo da ristabilire la calma interiore. Il professionista trasmette empatia, sensibilità, rispetto e approvazione in un rapporto fra pari. Non si tratta di un’autorità che conduce la sessione; si confida piuttosto nelle abilità del paziente, guidandolo affinché da solo incontri le risposte al proprio malessere.

Si cerca di portare la persona a connettersi con tutto il proprio essere interiore, formando una personalità indipendente e realizzata. Questa terapia è stata oggetto di critiche perché basata più sull’intuizione che sul metodo scientifico, sebbene in numerose occasioni si sia dimostrato che in un metodo scientifico non è indispensabile per risolvere i malesseri delle persone.

Psicologo

Gestalt

Si concentra sulla percezione del “qui e ora, promuove l’azione, la creatività e l’accettazione incondizionata. La componente emotiva e il linguaggio non verbale giocano un ruolo da protagonisti. Si insegna al paziente a focalizzarsi sulle proprie emozioni e ad essere cosciente di come pensa o percepisce prima di agire.

Aiuta a conoscere se stessi da un punto di vista emotivo, intellettuale e corporeo. Si basa sulla coscienza del momento presente: come si fanno le cose, cosa sta succedendo in questo momento e come si percepiscono e interpretano. Questa corrente è rivolta a chi desidera migliorare, sviluppare il proprio potenziale umano e la propria crescita personale.

Psicoterapia cognitivo-comportamentale

Fra le correnti descritte, è quella che si focalizza maggiormente sul cambiamento del modo di pensare e ragionare. Modificando il proprio modo di pensare, avverrà lo stesso anche con le emozioni. Adottando pensieri più razionali ed oggettivi, così si attenueranno le pene.

Le esperienze negative causano la maggior parte dei malesseri psicologici. Con questa terapia, imparerete che le cose non devono essere sempre uguali; ora, nel presente, è possibile cambiare e a tal fine si può imparare a cominciare da capo, con un nuovo modo di pensare e di ragionare. Non risulta indicata per scaricare problemi e sfogarsi, ma per concentrarsi sul presente ed imparare.

Guarda anche