Le lotte di potere distruggono il rapporto con i figli

Le lotte di potere sono comuni in molte famiglie. Tuttavia, è molto più gratificante relazionarsi con i bambini sulla base della fiducia e del rispetto reciproco.
Le lotte di potere distruggono il rapporto con i figli

Ultimo aggiornamento: 24 aprile, 2022

Anche i genitori sono umani, anche loro hanno brutte giornate, perdono la pazienza e commettono errori. Persino chi è consapevole del proprio ruolo, chi cerca di osservare le parole e di agire correttamente, può cadere in lotte di potere con i propri figli.

Le relazioni sono complicate, le persone sono complesse. A volte veniamo sopraffatti dagli impulsi, dalle paure e dall’ego. E, senza dubbio, la genitorialità metterà alla prova le nostre risorse innumerevoli volte.

Il legame con i figli può essere tra i più difficili. Alla luce di ciò, è importante non perdere la giusta prospettiva. Le lotte di potere spesso nascondono un’idea sbagliata di cosa significhi essere genitore.

Per bandirle dalla routine, è imperativo analizzare le nostre convinzioni e cambiare rotta, perché è possibile un altro tipo di genitorialità.

Vedremo che è molto più gratificante relazionarsi con i figli con un approccio positivo piuttosto che dover assumere il ruolo di sergente o di agente di polizia.

Madre che parla con suo figlio.

Come identificare le lotte di potere?

Forse in più di un’occasione è capitata un’accesa discussione con i propri figli. Si rivolgono o ricevono parole offensive, usando un tono tagliente e creando un ambiente in cui la tensione si taglia con il coltello.

Indipendentemente dall’esito di tali situazioni, alla fine ci sentiamo svuotati, tristi e delusi. Forse anche in colpa. Nessuno vuole relazionarsi in questo modo con le persone che ama di più; tuttavia, non si conosce nessun altro modo che sembri efficace per imporre limiti o disciplina.

Prima di affermare che i figli sono disobbedienti o ribelli, chiediamoci se stiamo conducendo un esercizio educativo o semplicemente entrando in una lotta per il potere.

Per esempio, immaginate di aver detto ai vostri figlio di indossare un cappotto blu, ma lui si rifiuta. Sostiene di preferire quello grigio. Insistete, con un tono più fermo e più impaziente, che obbedisca al vostro ordine. E lui si ribella ancora di più.

La discussione è servita. Ma qual è davvero il problema? Il bambino aveva scelto un capo adeguato al clima e alla situazione sociale, anche se non era quello che desideravate.

Siete stati mossi solo dal bisogno di controllare e imporre? La ribellione del minore è in questo caso solo un grido da ascoltare, affinché si tenga conto della sua opinione.

Una famiglia democratica

Le lotte di potere compaiono frequentemente quando la famiglia è intesa in maniera gerarchica, con relazioni verticali e autorevoli. L’importanza di fissare dei limiti per fornire una guida e una struttura ai bambini è ovvia, ma non fraintendiamo.

Le regole che si stabiliscono devono essere coerenti, concordate e devono basarsi sull’amore e sul rispetto, non sulla necessità di dominare i figli.

È molto più vantaggioso per lo sviluppo del bambino crescere in una famiglia democratica, in cui si stabiliscono relazioni orizzontali di fiducia reciproca. Ciò non implica che genitori e figli siano allo stesso livello in termini di ruoli, ma che nessuno è al di sopra degli altri a livello personale. Tutti meritano lo stesso rispetto e considerazione.

Quando consideriamo i nostri figli, le lotte di potere finiscono. Quando smettiamo di vederci come loro proprietari e iniziamo a vederci come guide, tutto cambia.

Tutte le nostre azioni saranno volte a capire i nostri figli e a favorire il loro sviluppo, non vorremo che obbediscano ciecamente. Smetteremo di prendere i capricci sul personale e inizieremo a capire che sono normali e che possiamo aiutarli.

Madre che parla con sua figlia che fa i capricci.

Essere una squadra

Dimenticate le lotte di potere con i figli; non siete avversari, bensì una squadra. Nessuno dovrebbe vincere, nessuno dovrebbe imporre o piegare l’altro, entrambi vincete quando il legame funziona.

Sarete sorpresi nel notare come reagiscono i bambini quando vengono trattati con rispetto e comprensione, quando si sentono ascoltati, apprezzati e presi in considerazione.

Non diventeranno tiranni se hanno voce in capitolo in famiglia, al contrario impareranno ad assumersi le dovute responsabilità e a essere collaborativi; di conseguenza, la loro autostima aumenterà.

This might interest you...
Comunicazione assertiva in famiglia
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Comunicazione assertiva in famiglia

La comunicazione assertiva in famiglia facilita l'espressione libera, sincera e rispettosa dei sentimenti personali. Scoprite di più.



  • Rojas, M. (2015). Felicidad y estilos de crianza parental. Documento de Trabajo). México: Centro de Estudios Espinosa Yglesias.
  • Ayala-Esqueda, Z. M., Gritti-Garcia, J. N., Maciel-Navarro, Z. Y., Rivera-Parra, B. A., & Zavala-Hernández, X. (2014). Maltrato infantil vs paternidad positiva. Ciencia & Futuro4(2), 76-87.