Le nuove tecnologie sono utili nel trattamento della psicosi: come?

La tecnologia è entrata nelle nostre vite per restarci e, sfruttandola, si stanno sviluppando nuove forme di intervento digitale in diversi disturbi. In questo articolo vi parleremo di alcune iniziative di successo che coinvolgono le nuove tecnologie.
Le nuove tecnologie sono utili nel trattamento della psicosi: come?

Ultimo aggiornamento: 26 novembre, 2022

Attualmente stiamo assistendo ad uno straordinario sviluppo della tecnologia, anche gli interventi psicologici stanno sfruttando le nuove tecnologie come ausilio nella terapia. Del resto, chi non ha uno smartphone o un computer a portata di mano?

Per comprendere meglio il contenuto di questo articolo, dobbiamo fermarci alla definizione di psicosi, poiché le esperienze psicotiche hanno suscitato molto interesse nel corso della storia dell’umanità. La psicosi è un compendio eterogeneo di entità cliniche con diverse manifestazioni ed evoluzioni.

“Di tanto in tanto, una nuova tecnologia, un vecchio problema e una grande idea diventano innovazione.”

-Kamen-

Cosa sono le psicosi?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), le psicosi sono un gruppo di disturbi che condividono una serie di caratteristiche nucleari chiamate esperienze psicotiche:

  • Deliri persistenti di qualsiasi tipo, che possono essere di gelosia, grandezza, nichilismo e altri.
  • Distorsioni nell’esperienza del sé, come esperienze di passività, inserimento del pensiero o furto del pensiero.
  • Allucinazioni persistenti in qualsiasi modalità (visiva, uditiva, tattile, cinestesica).
  • Disorganizzazione sotto forma di pensiero. Il linguaggio può sembrare sconnesso, come un’insalata di parole; oppure capita di creare parole con un loro significato, neologismi; tra le altre manifestazioni del pensiero.
  • Possono verificarsi sintomi negativi, che sono quelli che compaiono per impostazione predefinita di qualcosa che dovrebbe essere normale. Può comparire anedonia o incapacità di provare piacere; e appiattimento delle esperienze emotive.
  • Il comportamento diventa bizzarro, compreso il comportamento eccentrico, senza scopo o inappropriato.
  • Possono verificarsi comportamenti psicomotori alterati come irrequietezza, agitazione catatonica o posture anormali.
uomo affetto da schizofrenia
Alcune app per la psicosi aiutano a prevenire le ricadute.

Le nuove tecnologie e il trattamento delle psicosi

È comprensibile che quando si parla di psicosi, la prima malattia che viene in mente sia la schizofrenia. Questo poiché è l’entità clinica più diffusa attraverso il cinema, l’arte o i libri. C’è psicosi oltre la schizofrenia? La risposta è un clamoroso sì:

  • Il disturbo schizofreniforme è come una schizofrenia di breve durata. Le caratteristiche psicotiche durano almeno un mese, ma durano meno di 6. Si verifica cinque volte meno spesso della schizofrenia.
  • Il disturbo schizoaffettivo è quello in cui sono soddisfatti i criteri diagnostici per la schizofrenia e contemporaneamente un episodio depressivo, maniacale o misto. L’intero dipinto deve durare almeno quattro settimane. Colpisce maggiormente il sesso femminile e di solito ha una prognosi migliore rispetto alle precedenti.
  • Il disturbo delirante comporta lo sviluppo di deliri per almeno tre mesi, anche se di solito molto più a lungo e si verifica in assenza di depressione o mania. Le allucinazioni sono normalmente assenti in questo disturbo e, se compaiono, di solito sono direttamente correlate al delirio.

Ad esempio, un paziente può avere un’illusione di persecuzione in cui gli UFO vogliono rapirlo per sperimentare su di lui. Una possibile allucinazione specificamente associata a questa delusione sarebbe sentire strani rumori in casa.

  • Il disturbo psicotico acuto e transitorio si verifica quando i sintomi psicotici si manifestano entro un breve periodo di tempo, in particolare entro 2 settimane. Senza nulla che possa allarmare ciò che verrà, compaiono allucinazioni, delusioni e pensieri disorganizzati. È anche più comune nelle donne.

Ora che abbiamo brevemente passato in rassegna le diverse psicosi e ciò che le caratterizza, capiremo meglio come le nuove tecnologie stanno aiutando nel trattamento delle psicosi.

Le nuove tecnologie nel trattamento delle psicosi

Quante volte al giorno usate il cellulare? Quanti WhatsApp avete inviato nell’ultimo anno? C’è un dato di fatto che non possiamo ignorare: la tecnologia ci circonda sempre di più. Nel campo di cui parliamo oggi, la tecnologia sta aiutando molto a comprendere e aiutare meglio le persone che soffrono di un disturbo psicotico, anche perché:

  • Permettono di raggiungere un maggior numero di persone, sono cure più accessibili.
  • Aiutano a prevenire le ricadute grazie al fatto che attraverso di esse il contatto è più veloce e diretto.
  • Aiutano a fornire informazioni che facilitano l’adesione ai trattamenti.
  • Tutto quanto sopra può promuovere il benessere, ridurre l’isolamento sociale e aiutare il recupero.

Telepsicologia: le nuove tecnologie e la terapia classica

La telepsicologia consiste nell’adattamento della terapia tradizionale in un consulto fisico, in videoconferenza o al telefono. Tra i vantaggi che comporta c’è il risparmio sui costi di viaggio o lo stigma, poiché ancora oggi è associato alle consultazioni di salute mentale.

Questa modalità terapeutica garantisce la capacità di offrire un aiuto immediato quando è di vitale importanza riceverlo. Inoltre, ci sono studi che evidenziano che questo tipo di terapia, se eseguita correttamente, è un’opzione valida e affidabile.

Interventi basati su messaggi di testo SMS

La velocità di sviluppo che sta vivendo la tecnologia fa sì che anche gli interventi digitali possano diventare obsoleti. È il caso degli interventi basati su SMS. Tuttavia, sono ancora utilizzati perché consentono al paziente di accedere a piccoli promemoria che lo aiutano, ad esempio, ad assumere i farmaci.

ITAREPS è un esempio di questo tipo di intervento, perché dopo aver compilato un piccolo questionario, notifica allo psichiatra di stabilire un contatto se si tratta di una situazione a rischio. ITAREPS è un programma di prevenzione delle ricadute.

Uomo preoccupato con il cellulare
Sebbene esista un gran numero di app incentrate sul trattamento della psicosi, non è stato ancora studiato se siano efficaci.

App per smartphone e tablet

Esiste un’ampia varietà di applicazioni per intervenire nella psicosi, ma la loro implementazione nella pratica clinica ha poche prove empiriche a sostegno di questa modalità terapeutica.

Questo perché la tecnologia viene sviluppata più velocemente di quanto la ricerca sulla sua efficacia possa essere replicata.

Tuttavia, sappiamo che il tasso di adesione alle app è molto alto, i pazienti le utilizzano ampiamente e finora non sono stati segnalati eventi avversi in conseguenza del loro utilizzo. Tra le app più straordinarie possiamo trovare:

  • ClinTouch. È stata la prima app per la psicosi. La sua funzione principale è che i pazienti possono registrare in situ i sintomi che stanno vivendo.
  • Focus. Si tratta di un’app pensata per offrire “interventi autoguidati” con l’obiettivo di migliorare l’assunzione di farmaci, promuovere il funzionamento sociale e monitorare disturbi dell’umore, allucinazioni o problemi legati al sonno.
  • Well-Wave è un’app incentrata sul miglioramento della salute fisica. Il suo obiettivo principale è quello di promuovere una maggiore attività fisica nei pazienti con un disturbo psicotico.

“Dati i limiti del trattamento per le persone con psicosi, l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione come adiuvanti al trattamento tradizionale è particolarmente suggestivo nel caso di giovani con psicosi”.

-Álvarez-Jimenez-

Riflessioni conclusive

Negli ultimi anni, l’implementazione di nuove tecnologie nel trattamento della psicosi, come complemento al trattamento abituale, è stata effettuata in diversi formati e con diversi contenuti per aiutare il recupero delle persone con psicosi.

Tuttavia, gli studi di efficacia mostrino risultati soddisfacenti, sono ancora troppo preliminari, il che sottolinea l’importanza di ulteriori ricerche in questa linea.

Potrebbe interessarti ...
Le nuove tecnologie alterano il cervello?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Le nuove tecnologie alterano il cervello?

Le nuove tecnologie rappresentano una nuova tappa nella storia del cervello umano, dunque bisogna esplorare e sfruttare al massimo il loro potenzia...



  • Pedrero, F. E. (2022). Tratamientos psicologicos para la psicosis.(psicologia). Piramide.
  • Cabas-Hoyos, K. (2020). Eficacia de la Telepsicología en intervenciones del área clínica y de la salud: una revisión sistemática de la literatura. Revista Iberoamericana de Psicología, 13(3), 92-101.
  • Javier, B., & Andy, C. (2022). Aplicabilidad de la telepsicología como opción de atención a pacientes con afectaciones psicológicas (Bachelor’s thesis, Universidad Nacional de Chimborazo).

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.